Chiedo conferma a voi se il mio problema è quello che penso io, temo di soffrire di parafilia

Salve volevo parlare dei miei problemi che partono da quando ero piccolo, adesso ho 27 anni e voglio cambiare tutto, allora io da quando ero piccolo già dall'età di 10 anni circa iniziavo a masturbarmi col tempo ho iniziato a sviluppare delle fantasie erotiche di cui sono diventate ossessioni vere e proprie e che non riesco ad eliminarle, la perversione in sé è il catfight cioè due donne che si picchiano insieme al piacere per i piedi e ai suoi odori come gli odori di tutto il resto del corpo sempre femminile, fin da bambino questa cosa mi ha attratto particolarmente fino a diventare una fonte di sfogo erotico nelle mie fantasie io ho raggruppato queste tre perversioni in un unica scena, insomma oggi suppongo che questa sia diventato per me un problema perché vado in cerca di queste scene ormai pure nella realtà cioè vado in giro o frequento luoghi magari più disagiati proprio con il desiderio di beccare due ragazze litigare magari se in giro mi trovo di fronte una scena simile la vedo come qualcosa di erotico, non vedo l'ora durante il giorno di andare a rinchiudermi in questo mondo anche più volte al giorno, impedendomi di concentrarmi sulle cose essenziali della vita del tipo prendermi cura di me stesso il rapporto con il lavoro e i rapporti con le persone ormai è tutto amplificato, soffro molto di stress e ansia non so se questo è collegato al questo problema datemi dei consigli come poterne uscire, mi sta rovinando la vita... mi confermate se è come penso? O secondo voi quale potrebbe essere il mio problema?
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.7k 576 66
Gentile utente,

online non si fanno diagnosi.

Confermo però che se la fantasia richiede di trasformarsi in realtà,
se invade la vita quotidiana "..impedendomi di concentrarmi sulle cose essenziali della vita del tipo prendermi cura di me stesso il rapporto con il lavoro..",
ciò abbisogna sia di diagnosi, sia di cura.

Si rivolga ad uno Psicologo che sia anche Psicoterapeuta.
Penso si accorga Lei stesso che da solo non riesce a farcela.

Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/