Psicoterapia?

Buongiorno gentili psicologi,
Sto facendo psicoterapia (?) da anni e sto assumendo psicofarmaci, ma la situazione non è cambiata molto in questi anni, è da anni che non studio, il lavoro non so chi mi potrebbe prendere senza diploma e con i miei problemi, infatti stavamo pensando di provare a farmi dare l'invalidità... Io sinceramente non capisco in cosa dovrebbe consistere la psicoterapia che faccio, io vado lì gli racconto i miei problemi, e in pratica mi dice che devo risolverli...?, a volte poi parlo solo di cavolate con lo psicoterapeuta, almeno mi diverto un po', non capisco comedovrebbe aiutarmi, se mi illuminate voi, grazie.
[#1]
Dr.ssa Anna Potenza Psicologo 2,1k 120
Gentile utente,
già dopo i primi consulti lei ha ricevuto dal dr Pacini il parere di richiedere l'invalidità.
Questa le permetterebbe di avere i farmaci, le analisi e le terapie gratuitamente, oltre ad una serie di altre agevolazioni come l'ingresso alle mostre e ai musei gratuito o quasi e l'iscrizione all'università senza pagare le tasse, per farle qualche esempio.
Per quale ragione non l'ha ancora chiesta?
La stessa cosa vorrei sapere rispetto al suo psicoterapeuta: se quello che state facendo non le è chiaro, non le giova o non la soddisfa, perché non ne parla con lui? Potrebbe chiedergli di aiutarla a pianificare un percorso (uscite da solo o in compagnia, commissioni fuori casa, gestione dei mezzi pubblici, scuola online per prendere il diploma, etc.).
Ricordi che il primo ad aver cura del proprio benessere dev'essere lei stesso.
Buone cose.

Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della risposta,
Un membro della mia famiglia non è d'accordo con il richiedere l'invalidità, so che la decisione spetta a me, comunque ne parlerò a settembre con lo psicoterapeuta e i miei.

Riguardo alla psicoterapia, per esempio gli ho detto che mi viene da arrossire in certe situazioni per dei pensieri che mi faccio su quello che potrebbero pensare gli altri (questo è un sintomo nuovo, mai avuto prima, ), come quando per esempio non ci si vuole agitare ma ci si agita, io arrossisco o vado in imbarazzo perché ho paura di dare una cattiva immagine di me e alla fine nella mia mente mi sembra di dare quell'immagine con il mio comportamento, l'unica cosa che ha detto lo psicoterapeuta è:" sì a volte succede di arrossire in situazioni nuove", poi gli ho ripetuto meglio la cosa via messaggio perché adesso sono in vacanza e in questo periodo non sto facendo terapia quidni non abbiamo più affrontato l'argomento...
Io non so come fare per questi pensieri...
[#3]
Dr.ssa Anna Potenza Psicologo 2,1k 120
Gentile utente,
il "membro della famiglia" che non è d'accordo col farle chiedere l'invalidità le ha dato in cambio un lavoro con un bello stipendio? Una casa di proprietà a suo nome? Una lauta rendita?
Se non è così, il "membro della famiglia" le sta togliendo da anni un suo diritto e il denaro relativo.
Venendo al suo psicologo, lei continua a non dire perché non pone a lui le domande dirette: "Che genere di terapia stiamo facendo? A che cosa miriamo? Sto migliorando in qualche campo? Vorrei concretamente affrontare questo o quel problema".
Per messaggio o di persona, ma senza più perdere tempo, gli rivolga queste domande.
A risentirci, se crede.

Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test