Bisogno di un cambiamento

Buongiorno,
scrivo perché ho bisogno di cambiare molte cose nella mia vita.
Ho 24 anni e non sono ancora laureata.
Sono bloccata negli studi e sto valutando da un po' di ritirarmi.
Vorrei andare via da casa dei miei genitori in quanto mi rendo conto di quanto questo ambiente sia tossico per me.
Mi rendo conto che non sono più serena da tempo e ho bisogno di cambiare qualcosa e riacquistare la mia serenità.

Ho pochi amici, con alcuni dei quali mi vedo molto poco e se non avessi la mia migliore amica sarei completamente sola, ma essendo fidanzata ci vediamo e ci sentiamo sempre meno.
Non ho vita sociale, faccio molta fatica ad attaccare bottone e mi trovo a mio agio solo con poche persone, mi sento sempre fuori posto.
Vivo una vita solitaria e monotona e non ho mai avuto una relazione sentimentale.
Inoltre non guido nonostante abbia la patente, il che mi porta ad isolarmi sempre di più.

Al momento sto cercando un lavoro che possa allontanarmi da casa e farmi guadagnare qualcosa, almeno per pagarmi le tasse universitarie finché non deciderò cosa fare.


Ho seriamente bisogno di dare una svolta alla mia vita perché sento di non farcela più in questo modo e ho seriamente paura di rimanere impantanata in questa situazione a vita.

Da dove inizio?
[#1]
Dr.ssa Patrizia Pezzella Psicologo, Psicoterapeuta 258 13 1
Gentilissima lettrice,

ogni cambiamento inizia da un piccolo passo, sembrerebbe che lei lo abbia lucidamente
identificato, ovvero con una indipendenza economica legata al lavoro. Potrebbe essere
una buona idea trovare una attività lavorativa che le consente di "autonomizzarsi" rispetto alla sua famiglia. Potrebbe iniziare da lì.

Se preferisce ci riscriva.
Intanto molti saluti e moltissimi auguri.

Dr.ssa Patrizia Pezzella
psicologa, psicoterapeuta
perfezionata in sessuologia clinica

[#2]
Dr.ssa Paola Scalco Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4.3k 101 45
Gentile Ragazza,
le suggerirei di partire dallo Sportello di Ascolto per studenti che oramai esiste nella maggior parte degli Atenei: avrà modo di effettuare gratuitamente alcuni colloqui, che le consentiranno di fare un po' meglio il punto della situazione e capire come muoversi sul suo territorio (sia alla ricerca di un eventuale lavoretto, sia di un servizio di psicologia nell'ambito della ASL di riferimento a cui rivolgersi).
Comprendo il suo legittimo desiderio di autonomia e indipendenza, ma la invito soprattutto a non compiere scelte azzardate in merito al percorso di studi: prima di tutto chiarisca a se stessa chi vuole diventare e poi scelga come agire di conseguenza, con la consapevolezza della responsabilità che ha nella costruzione del suo futuro.
Le condizioni esterne spesso ci condizionano nella misura in cui noi ci lasciamo condizionare (in questo, un percorso con un nostro collega le può tornare senzìaltro utile), ma se abbiamo chiari i nostri obiettivi tutto risulta più facile e sopportabile, perché strumentale o funzionale a raggiungerli.

Cordialità.

Dr.ssa Paola Scalco, Psicoterapia Cognitiva e Sessuologia Clinica
ASTI - Cell. 331 5246947
https://whatsapp.com/channel/0029Va982SIIN9ipi00hwO2i