Utente 190XXX
buongiorno, da due mesi circa, (e ho già posto quesiti qui sul sito), ho un gonfiore al piede destro vicino alle dita. Avendo fatto RMN ed esami del sangue sono stati esclusi Gotta e Neuroma di Morton. Ho effettuato visita reumatologica e preso per 8 giorni Metacen anti infiammatorio. La situazione è un pochino migliorata ma vorrei sapere se ci sono ulteriori analisi del sangue che mi possano aiutare a scoprire cosa io abbia realmente. Una forma di artrite ? o una malattia immunologica o del sistema connettivo. Mi dicono ci siano forme di psoriasi o lupus, oltre appunto all'artrite sieronegativa che non viene riscontrata con le analisi di Ves, tas, Reumatest e proteina C. che nel mio caso sono tutte nella norma.
Cosa altro devo fare ? un'ecografia può mostrare cose diverse dalla risonanza ? molte grazie e cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Anzitutto è la valutazione clinica a dare le maggiori informazioni per la diagnosi. Dopo che si è fatta una ipotesi diagnostica, SOLO SE OPPORTUNO, si effettuano delle indagini MIRATE e CON UN QUESITO SPECIFICO. Tutti gli accertamenti effettuati per fare diagnosi, SENZA una precisa e motivata ipotesi, rischiano di NON portare a niente o di sviare la giusta diagnosi, oltre a far perdere tempo e denaro!!!
Detto ciò, le informazioni da Lei fornite sono troppo vaghe per poter ipotizzare qualsiasi possibilità. Non chiarisce se la tumefaz è dolente, calda, da quanto dura,se è stabile o aumenta dopo postura in ortostasi......
Il mio consiglio è di rivolgersi ad un Reumatologo che la VISITI. La sua è una patologia di DIFFICILE VALUTAZIONE VIRTUALE!!! Cordiali saluti.
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#2] dopo  
Utente 190XXX

Gentile Dottore, come avevo scritto il problema si è presentato poco più di due mesi fa. La visita reumatologica che mi suggerisce l'ho già effettuata e ne ho fatte anche due ortopediche. Il dolore e il gonfiore si molto attenuati ma vicino alle dita, nella parte superiore, è rimasto come un ispessimento che non mi permette di indossare tutti i tipi di calzature.Il piede non è più caldo come all'insorgere dell'episodio. Sono d'accordo che fare analisi e ipotesi spesso possa essere solo perdita di tempo e denaro ma non avrei scritto qui se fossi stata soddisfatta di ciò che ho fatto sin'ora, soprattutto perchè il problema non è risolto e vorrei evitare tornasse in futuro. Anche prendere anti infiammatori senza una precisa diagnosi mi pare inefficace. Sapendo che ci sono molte forme di artrite anche batteriologiche chiedevo un consiglio in tal senso. Spero che lei o suoi colleghi mi diano altri riscontri. Grazie cordiali saluti,

[#3] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Mi scusi SE INSISTO..... cerchi un Reumatologo (NO un Ortopedico!!) si fidi e non continui a "vagare". Anche cambiare troppi specialisti è un errore!! Deve affidarsi e fidarsi e se le cose non vanno bene deve riparlare con lo stesso specialista. Se cambia....OGNI VOLTA sarà sempre come....la PRIMA VOLTA. Auguri!!
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#4] dopo  
Dr. Mauro Ranieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
TAGLIACOZZO (AQ)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
cara signora penso che quello che le ha detto il mio collega reumatologo sia giusto.
non faccia più l'errore di consultare specialisti ortopedici che seppur bravi non sono competenti nel suo caso che è di pura pertinenza reumatologica.
gli elementi da lei riferiti sono troppo pochi per poter fare una diagnosi,tuttavia dalla visita effettuata da un un buon reumatologo si dovrebbe giungere ad una diagnosi.
cordiali saluti dr.mauro ranieri
mauro ranieri

[#5] dopo  
Utente 190XXX

Gentile Dottore, non avrei visto un ortopedico se avessi subìto saputo la diagnosi. Il mio medico di famiglia ha infatti diagnosticato una metatarsalgia e i sintomi potevano anche essere quelli. Una distorsione o una postura scoretta potevano aver creato il dolore e il gonfiore.
La medicina non è una scienza esatta e si va per tentativi spesso. Non sono ipocondriaca, nè amo perdere soldi e tempo in visite inutili. Se il reumatologo che mi ha visitata mi avesse dato soddisfazione e non un semplice anti-infiammatorio non avrei scritto qui, non crede ? Chiedevo infatti solo un altro parere ed eventuali analisi per capire se fosse artrite sieronegativa.
Intanto il problema non l'ho risolto. Cordiali saluti.