Utente 306XXX
Sono una donna di 35 anni (49kg , 170cm”), mamma di 3 bambini (5, 2 anni,11 mesi). Vivo temporaneamente in Germania e la comuniaczione con i medici non e’ sempre facile a causa della lingua. Per favore aiutatemi con il vostro parere.

2002. Ho cominciato ad avere piccolo contrazioni muscolari, qualche indolinzimento e dolorini come agi.
Neurologo #1: Solo piccole contrazioni “benigne”. Ho cominciato a prendere Magnesio. Le contrazioni sono continuate cambiando zone e intensita’per anni.

2006. Ho vissuto in una situazione familiare molto stressante negli ultimi due anni. Dopo una settimana dalla nascita del mio terzo figlio ho avuto forti dolori alle articolazioni e alle ossa del bacino e della gamba, i dolori sono scomparsi dopo circa due settimane (la stessa cosa successe dopo il secondo parto). Dopo circa tre mesi ho cominciato ad avere un po’di dolori alle articolazioni o ossa o tendini duravano da pochi secondi a gionate intere a poi cambiavano posto. Di solito nelle mani dita, spalle, piedi, caviglie, gambe. Le articolazioni erano sempre piu’ rumorose e indolenzite. Ho cominciato ad avere: molta stanscezza, poca energia, sonno molto disturbato, molte piu’ contrazioni muscolari, intestino diturbato (diarrea, gel giallo), senzazioni di gonfiore ai muscoli, dolori nel centro del torace, sensitivita’ alla luce e ai suoni forti, tristezza, ansia.

Ho provato Iboprufene (800mg) ma non e’servito a molto.
Ho provato Mobic per tre settimane e i dolori sono diminuiti.

Settemre 2006 Visita Reumatologo #1. Diagnosi: Sindrome da Ipermobilita’ articolare e forse Fibromialgia. Prendere antidolorifici.

Novembre 2006. Sintomi aumentano e mi spavento ancora di piu’. Cominciano anche: Prurito, pelle che diventa molo rossa se grattata, forte livedo reticulatis nelle gambe, macchiette rosse sottopelle nelle braccia e sotto i polpacci (leggermente dolorosi al tocco), orecchie che fischiano e qualche volta dolorose, senzazione di influenza e malessere, occhi molto rossi appena alzata, colpi di calore, macchie rosse e prurito nella nuca. Tutti i sintomi tendono a peggiorare per un po’ di giorni e poi a migliorare come in un continuo ciclo.

Novembre 2006 Visita Reumatologo #2. Diagnosi: No Ipermobilita’, forse qualcosa di autoimmunitario a forse solo stress. Ordina di prendere antidolorifici e cominciare antidepressivi quando smettero’ di allattare.

*ESAMI DEL SANGUE (Risultati normali): Pannello completo, CRP, ANA, TSH, PROLACTIN, ACTH, CK, D-Dimer, PTT, Ceruloplasmin, RPR, HBs AG, HBc AB, HAV IGM,HCV AB, Antimic AB, Thyroglobul AB, Protein tot spe, ALB-Glob spe,A1-A2-B-G-Globulin, B BUR IGM and B BUR IGG, Cardiolipin IGM-IGG-IGA, DRVVT, Lupus Eval, Lupus PTT, altri….

Dicembre 2006. Sintomi continuano e in piu’: vibrazioni della mano e del piede, piu’ spasmi muscolari, qualche sera senzazioni di bruciore ai piedi, stomaco disturbato, poco appetito, piu’ rossore nelle gambe e nelle braccia.

15 and 17 Dec 2006. Tossito sangue (hemoptysis). Un palmo di mano, due volte. Si e’fermato da solo.

15-16 Dec 2006 Ricovero Ospedale.
17-23 Dec 2006 Ricovero Ospedale.

Test effettuati: Broncoscopia: Sangue fresco esce da una piccola ampolla del polmone destro, no infiammazione.
Raggi X torace normali, MRI torace normale (aderenza membrana cardiaca/polmonare), Angiografia ai polmoni: normale, ma capillari molto piccoli (Durante l’esaminazioneero molto nervosa e non sentivo piu’ mani e gambe), Ecografia reni: Normale.

Smetto di allattare.

*BLOOD TESTS (Risultano normali): ANA-S, ANCA-S, KRCL, KRKU, aPTT, Antitrombin, INR, TPZ, C3, C4, CRP, TSH, CK37, Ck-MB masse, altri…..
* TEST URINE: Collezzione 24 ore (Risultati normali): kreatinin, protein.
*Tuberculosi test negativo.

Dottore ospedale #1: Tutti i sintomi puntano ad una malattia autoimmunitarima ma gli esami no. Non ci sono infiammazzioni o infezioni. Diagnosi: Malattia sistematica di natura incerta.

Durante la convalescenza in ospedale ho cominciato ad avere puntini rossi sul torso. Dopo due giorni sono diventati sempre piu’ grandi e si sono sparsi sul tutto il corpo insieme al prurito.
25 Dicembre 2006. Il dottore del pronto soccorso dice che e’ una reazione allergica e ordina Predisolon. Prendo 150mg il primo giorno e 100mg il secondo poi smetto senza sapere che avrei dovuto continuare a prenderne sempre meno. Subito tutto scompare, I polmoni e le vie respiratorie e la pelle sembrano molto fresche.

28 Dec 2006 Blood test IgE(IGEK) =32.

Dicembre 2006 Gennaio 2007. Pesantezza al torace, dolorini al torace, debolezza, e gli altri sintomi continuano. Meno dolori articolari.

Gennaio 2007 Dottore ospedale #1: Proviamo Prednisolon 25mg per due settimane, se i sintomi migliorano di sicuro e’ una malattia autoimmunitaria, almeno cosi’ lo sappiamo. (Domanda: Questa affermazione del dottore e’ corretta?)

Comincio con l’agopuntura.

Prendo Prednisolone sto’ molto meglio, senzazione si frescezza al torace, non piu’ dolorini vari, non piu’contrazionimuscolari, molta piu’ energia. Diminuiscono i rossori e i pruriti. Ancora una volta smetto di prendere le medicine dopo due settimane senza sapere che avrei dovuto continuare e diminuire lentamente.. Dopo due giorni sto di nuovo male: male al collo, rossore della pelle, senzazione di bruciore al torace, senzazione di gonfiore ai muscoli, mal di testa, orecchie che fisciano, debolezza.
Dottore #1: E’ la malattia autoimmunitaria che sta’ peggiorando comincia a prendere 50mg al giorno. (Domanda: Questa affermazione del dottore e’ corretta?)
Prendo la pastiglia alla mattina e ricomincio a stare bene. Alcuni sintomi tornano alla sera.

Dottore #1: Visto il miglioramento con il predisolon hai di sicuro una malattia autoimmunitaria ma non sappiamo quale. Il valore IgE di dicembre era troppo basso: cio’ significa che non hai avuto una reazione allergica ma quei sintomi erano probabilmente parte della malattia. (Domanda: Questa affermazione del dottore e’ corretta?)

Cerco di fare movimento e rilassamento regolarmente.

Febbraio 2007 Ho il primo ciclo mestruale dopo la gravidanza e l’allattamento. Per tre giorni i sintomi peggiorano e per tre sere dopo mangiato ho anche uno sfogo rosso e viola e caldo nelle guance. Lo sfogo non c’e’ piu’la mattina.

Comincio a prendere “erbe tradizionali cinesi” (ginseng) per aiutare lo stomaco. Stomaco comincia a stare moto meglio, ho molto piu’ appetito.

Dopo avre chiesto la dottore #1 divido la dose delle pastiglie 25mg la mattina e 25 mg la sera..

*ESAMI DEL SANGUE (ancora risultati normali): complete blood count, Lupus AK LUNA, ANA-S, ANCA-S, Cardiolipin AK

Febbraio 2007 Cambio le erbe tradizionali cinesi e prendo un nuovo tipo contro il rossore (fuoco).

Dopo aver chiesto al dottore #1 divido la dose in tre: 15mg mattina, 15mg mezzogiorno, 15 mg sera.

*EEG normale, Test conduzione nervi normale, MRI Cervello: No infiammazione (Esame fatto prendendo 45mg al giorno). Trovati due aneurismi (4mm, 6.5mm, su entrambe learterie principali, stessa posizione): Devo valutare la possibilita’di fare un intervento (coiling).

Marzo 2007: Comincio ad avere sudori la notte e palpitazioni la mattina. Dottore #1 dice che e’la malattia che ho o forse un’infezione. Non riesco a dormire dopo la 4:00 del mattino.
Ho il secondo ciclo dopo la gravidanza e i sintomi peggiorano di nuovo per 4 giorni.
Comincio a prendere le pastiglie nel modo giusto: 30mg alle 8:00 e 15mg alle 14:00. I sudori della notte scompaiono.
Comincio ad avere colpi di pressione piu’ alta (es.85/145 95/150), palpitazioni, battito cardiaco veloce.

15 e 22 Marzo 2007. Tossito di nuovo sangue fresco, molto poco e insieme a catarro verde.
Broncoscopia (2da): Infiammazione dei polmoni, capillari molto fragili.
Biopsia della pelle e del muscolo: attendo i risultati..

Adesso: Qualche volta sento una senzazione di chisura al collo e testa come se ci fosse gonfiore o se il flusso de sanguenon fosse libero. Lo stesso capita per gambe e mani, per alleviare la senzazione devo sollevarle Ho pochi dolori e pochi spasmi muscolari. Ho qualche volta: pesantezza/bruciore al torace, colpi di calore, rossore della pelle, leggeri giramenti di testa, intestino irregolare (diarrea, gel giallo), mal di testa. Ho ancora sempre: orecchie che fisciano e piccole cotrazioni dentro l’orecchio, occhi molto rossi la mattina e meno durante il giorno, livedo reticulatis soprettutto nelle gambe.
I sintomi peggiorano se ritardo la dose di predisolon, o peggiorano in ogni caso in alcuni gioni.
Domande:
Che malattia autoimmunitaria ho?
Sto seguendo la terapia giusta?
Quali altri esami dovrei fare?
Grazie di cuore

[#1] dopo  
30842

Cancellato nel 2012
Data la negativita' di tutti gli esami fatti non sembrerebbe un problema di tipo autoimmunitario.
Le consiglio come ulteriori accertamenti il dosaggio ematico degli ormoni sessuali ed il dosaggio nelle urine delle 24 ore dell'acido 5-idrossi-indol-acetico.

Cordiali saluti


[#2] dopo  
3903

Cancellato nel 2010
Ma sicuramente il fatto che i sintomi migliorano con la terapia steroidea o addirittura scompaiono è indicativo che il problema cè.
Le mie perplessità sono:
• I problemi cutanei (vasculite?)
• Mialgie (siamo sicuri che è fibromialgia? o è una miosite?)
• La negatività degli esami ci da la certezza di assenza di una malattia reumatologica ? (quante patologie conosciamo con i titoli anticorpali completamente normali)
• Correlazione con le gravidanze (quante malattie autoimmuni conosciamo che peggiorano in gravidanza ?)

Le perplessità sono tante, va sicuramente studiata attentamente.

Cordialmente Latinakis Dr. Ioannis.

[#3] dopo  
30842

Cancellato nel 2012
Caro collega,sicuramente per capirci meglio la paziente andrebbe visitata, anch'io inizialmente pensavo in seguito alle manifestazioni cutanee che si potesse trattare di una vasculite, ma quello che mi lasciava perplesso era la normalita' degli indici di flogosi in un quadro di malattia infiammatoria sistemica inizialmente non farmacologicamente trattata.
Nel caso della signora, data la complessita' del caso, mi sembrerebbe giusto indagare anche verso altre direzioni.
Sicuramente la biopsia muscolare e cutanea che la signora ha eseguito potra' togliere altri dubbi.
Il quadro descritto dalla paziente (nell'ultima parte della sua storia) mi ricorda per diversi aspetti quello descritto nella sindrome da carcinoide, per quello le avevo consigliato il dosaggio dell'acido 5-idrossi-indol-acetico.
Invece nella parte descritta nel 2006 (stanchezza,sonno disturbato..),l'esame clinico avrebbe dovuto far porre diagnosi di fibromialgia in assenza di parametri bioumorali alterati. Le contrazioni descritte saranno sensazioni della paziente o constatate anche dal medico? Spasmofilia? Tutti i sintomi sono correlati tra di loro o sono un insieme di problemi che erroneamente vengono interpretati tutti nell'ambito di un'unica patologia?
A tutte queste domande potra' solo rispondere lo specialista che sta curando la paziente.

Cordiali saluti

[#4] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Il cortisone è soltanto un sintomatico, inibisce le reazioni infiammatorie che vengono prodotte, ma non agisce sulla causa che ha determinato la patologia.

Effettivamente, ancora una patologia autoimmune, certa non si è verificata, ma il sistema immunitario sta mandando segnali che possono indicare quale, pertanto dai suoi sintomi indirizzano verso una tiroidite, artrite reumatoide, aterite, l’allergia è susseguente alla infiammazione cronica che si è determinata, sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia.
La patologia autoimmune si verifica per un errore del sistema immunitario che nella sua risposta all’agente aptogeno che è entrato, comincia aprodurre anticorpi contro le cellule dell’organismo stesso; questo si chiama mimetismo molecolare, perché nella processazione, del nemico, vi è una uguaglianza fra le sequenze amminoacidiche 5-6 amminoacidi, dell’agente patogeno e il self, antigene umano linfocitario, HLA, vengono quindi mimetizzate molecole uguali, che poi vanno a corrispondere alle proteine delle cellule della persona. Conosciuto l’HLA, l’agente patogeno che è entrato, riesco ad arrivare alla patologia che si può verificar ed approntare una terapia per portare via il responsabile che ha messo in moto tutto il procedimento immunitario, quindi intervenire per correggerlo, ma non con il cortisone che interviene nelle reazioni successive, bensì l’intervento lo rivolgo a monte di tutto. Non ha molta importanza, successivamente, quale malattia si verificherebbe, importante è bloccarla sul nascere, individuando il, o i responsabili che hanno innescato il mimetismo molecolare ed eliminarli completamente dall’organismo.

Nel momento stesso, in cui si verificano sintomi indefiniti, come quelli che lei ha avuto, “avere piccolo contrazioni muscolari, ho avuto forti dolori alle articolazioni e alle ossa del bacino e della gamba ” che sono importantissimi nella loro comprensione, occorre intervenire subito, pensando al mimetismo molecolare e cercare il probabile agente patogeno, che lo sta mettendo in moto; in questo modo è possibile eseguire la prevenzione importantissima della patologia autoimmune e di molte altre malattie, poiché la terapia viene effettuata sin dall’inizio, senza aspettare la malattia conclamata.
“Comincio ad avere sudori la notte e palpitazioni la mattina. Dottore #1 dice che e’la malattia che ho o forse un’infezione. Non riesco a dormire dopo la 4:00 del mattino.
Tossito di nuovo sangue fresco, molto poco e insieme a catarro verde.
intestino irregolare (diarrea, gel giallo),”
Sono tutti sintomi di infiammazione, chi la provoca? Potrebbe essere l’agente patogeno che ha innescato il mimetismo molecolare e che va attentaemnte indagato.

Lei domanda che malattia autoimmune ho? La risposta è lei non ha ancora una malattia ben definita, ma un accertamento immediato sulle cause, sicuramente la ferma all’inizio, per ripristinare le funzioni fisiologiche del suo sistema immunitario, senza aspettare la malattia conclamata.
Le indagini ed il lavoro da eseguire, l’ indirizzo verso questa ricerca, ha molto importanza per la prevenzione.
Devo esaminare le cause che hanno prodotto quei sintomi molto importanti, che lei ha raccontato.

Saluti Alberto Moschini

alberto.moschini@fastwebnet.it

moschinialberto@medicitalia.it

[#5] dopo  
Utente 306XXX

Grazie,
Sono ancora in attesa dei risultati della biopsia (pelle/muscolo).
Nel frattempo la Broncoscopia#2 ha rivelato: Infiammazione dei polmoni, capillari molto fragili. Biopsia polmone: No vasculite nei polmoni. Il Dott#1 ha detto che probabilmente e’solo una comune infiammazione recente da batterio/virus. Cosa diversa da cio’che era successo in dicembre.

Dott. Nargi e Dott. Latinakis. Grazie mille per le vostre opinioni ne parlero’ al mio dottore.
Dott. Moschini: Ho chiesto al dott #1 varie volte della possibilita’ di un virus, batterio, mycoplasma, biotoxine..che potrebbero causare una reazione autoimmunitaria sbagliata ma la risposta e’ sempre la stessa: dall’esame del sangue non si vede nessuna reazione immunitaria, quindi non e’ quello. Cosa posso fare per capire se c’e’ un organismo patogeno che crea mimetismo?
Cristina

[#6] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Il ragionamento clinico, conduce alla diagnosi, non gli esami di laboratorio; lei ha una infiammazione cronica, attiva persistente, che le crea questi problemi, come le dicevo, ancora non ha sviluppato la malattia autoimmune, perché è in quella fase di latenza, preparatoria, lentamente si sta sviluppando e la sua sintomatologia ne è dimostrazione. Conoscendo i meccanismi immunologici che conducono alla malattia autoimmune, posso risalire a quelle alterazioni che si stanno formando nel suo sistema immunitario. Pertanto, predisposizione genica HLA dipendente, innesco infettivo, fase di latenza, in cui si manifestano sintomi vaghi e aspecifici, come quelli che lei sta esprimendo, ma possono essere molti altri, ed anche meno gravi, che apparentemente non conducono ad alcuna diagnosi precisa, ma con una interpretazione idonea, indicano precisamente lo stato della persona, la terapia da applicare. La ricerca chiaramente non è facile, ma analizzando correttamente l’organismo nel suo complesso, si raggiunge questo obiettivo.
“: Infiammazione dei polmoni, capillari molto fragili.” Chi infiamma il polmone, che rende quei capillari fragili, quali agenti patogeni possono essere interessati. Da qui può iniziare la ricerca clinica, indirizzata verso quali agenti patogeni sono in grado di procurare simili alterazioni anatomopatologiche. Lei, come ho precedentemente detto, ancora, non ha manifestato in maniera certa una malattia autoimmune, quindi rispondere esattamente, quale patologia ha, è difficile, ma rispondere e spiegare tutto il procedimento patogenetico e fisiopatologico, che la sta conducendo verso la malattia è possibile.
Sia in medicina convenzionale, che in medicina biologica ho a disposizione, posso utilizzare, esami clinici che conducono il ragionamento clinico e diagnostico, per individuare quegli agenti patogeni che stanno lentamente innescando la patologia autoimmune, secondo quanto stabilito dalla ricerca scientifica, agire su questi, per inetrrompere il processo patologico, bloccare la malattia sul nascere.

Saluti Alberto Moschini

alberto.moschini@fastwebnet.it

moschinialberto@medicitalia.it





[#7] dopo  
Utente 306XXX

I risultati:
Biopsia della pelle e dei muscoli:Normale.
Gastroscopia e colonoscopia e relative biopsie: Normali.