Utente 119XXX
Gentilissimi
sono un uomo di 56 anni ed ho fatto gli esami del sangue dopo una notte durante la quale ho avuto dei dolori articolari molto forti.
I risultati sono stati i seguenti : VES 44; FATTORE REUMATOIDE 578.
Dopo 15 giorni (nel frattempo i dolori erano mitigati) ho rifatto il fattore reumatoide che era salito a 686. Gli altri indici normali: ALT 8; AST 22.
Sono un donatore di sangue ed ogni anno faccio gli esami generali. Il 30 novembre 2009 avevo VES 17; ALT 5; HBsAG -; HBcAG Tot -; HCV Ab -; HIV Ab -; HBV PCR -; HCV PCR -; HIV PCR - e tutti gli altri valori negativi o nella norma.
Attualmente sto aspettando i risultati per HLA B27, ANA e Anti citrullina (peptide)che arriveranno il 5 marzo p.v.
I dolori reumatici si riacutizzano ogni volta che prendo freddo. Al mattino sento le ossa rotte che migliorano durante la giornata.
Vorrei capire come in un quadro di valori sostanzialmente nella norma il solo fattore reumatoide possa essere così elevato e come mai non sia diminuito se i dolori sono quasi scomparsi.
Altri sintomi: le estremità di mani e piedi sono sempre fredde.
Inoltre quali accertamenti sono da consigliare?
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La presenza di fattore reumatoide si rileva in diverse malattie reumatiche, infettive e talvolta neoplastiche, in modo particolare dopo chemioterapia o trattamento radiante. Può essere anche presente nel soggetto sano. Da ciò può comprendere come il rilievo sia aspecifico se non correlato ad un preciso quadro sintomatologico ed obiettivo. Ritengo quindi utili gli ulteriori esami richiesti nonchè la successiva visita specialistica. Cordiali saluti.
Mauro Granata