Utente 214XXX
Buonasera a tutti.Sono un uomo di 30 anni,peso 66 kg.Da piu di un anno,lamento un dolore allo sterno,piu o meno al centro della sua lunghezza.Da anni ho esofagite da reflusso con esofago di Barret con lingue risalenti per circa 1 cm(questo all'ultima gastroscopia di almeno 6 anni fà)trattata con lansox 15 mg al giorno.Non ho mai avuto dolori ma bruciori,sospendendo il lansox.Il tutto è iniziato una mattina,dal nulla.Mi sono svegliato con questo dolore al petto che somigliava ad un dolore muscolare,costante ma non pungente,accentuato dai movimenti,starnuti,risate.Preoccupato,ho chiesto al farmacista sotto casa che ha ipotizzato un colpo di freddo.Nel frattempo(qualche giorno dopo)a causa di dolore dorsale(a volte mi capitano)ho assunto OKI e MUSCORIL.I farmaci mi hanno anche attenuato il dolore sternale(sempre costante,sensazione di contattura,intenso con gli starnuti e determinate posture del corpo, ma assente a riposo)ma per circa 3 settimane ho avuto formicolio all'ultima falange dell'indice di entrambe le mani).Corso dalla guardia medica,ha ipotizzato una possibile compressione nervosa,ma nulla di grave.Quindi ho fatto degli esami prescritti dal mio medico:rx sterno(normale),rx colonna vertebrale(scogliosi dorsale con interessamento cervicale) ed esami del sangue(per verificare infiammazioni,esito regolare).Dopodichè,visita fisiatrica,il quale ha ipotizzato costocondrite(sindrome tietze)con terapia laser o infiltrazioni di cortisone.Ho fatto laser per un mese(inutile)ma non ancora il cortisone.Nell'ultimo periodo,il mio medico mi ha prescritto Brufen 800mg 1 al die(leggera attenuazione del dolore)per 7 giorni dopodichè GLADIO( 100mg 1 al die)per 5 giorni(buona attenuzione del dolore).Ad oggi il problema non è risolto,anche se molto attenuato dai FANS.Ho ancora dolore se porto il petto in avanti,o contraggo il pettorale in alcune posture.Con la tosse il dolore è diventato lieve.Premendo lo sterno, non mi fà piu male.Permane sempre un punto piccolo e preciso,che sembra quasi un punto focale.A questo punto,forse sarebbe il caso di una visita da un reumatologo?Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
I risultati degli esami e le conclusioni del fisiatra la dovrebbero rassicurare ma se la sintomatologia dovesse persistere concordo con lei per una visita reumatologica (e cardiologica). Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 214XXX

Dott Granata,la ringrazio molto per il suo interessamento.Nella sua risposta leggo visita cardiologica!Secondo la sua esperienza,i miei sintomi potrebbero avere origine anche/o da questo? Grazie ancora per la disponibilità.