Utente 167XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni e mi scuso in anticipo per la complessità di questa richiesta e capisco se non mi vorrà rispondere.

Ormai da 5 anni combatto contro un problema che non riesco ad individuare…praticamente un giorno circa 5 anni fa a lavoro ho steso verso l'alto il braccio sinistro per prendere una cosa e non ci arrivavo. Infine l'ho steso di più oltre il limite e però tornando giù e rimettendo il braccio a riposo mi ha preso una fitta lancinante sotto la scapola quasi al centro della schiena che mi corrispondeva alla bocca dello stomaco. Dopo mezzora mi era passato tutto e ho deciso di non andare al pronto soccorso. Da quel giorno non sono mai stato più bene. Dopo un paio di giorni mi ha cominciato a "scrocchiare" la spalla e la scapola. Poi hanno cominciato i clack alla mandibola e il dolore al collo sempre nella parte sinistra. Poi dolore lombare addirittura. I medici non mi hanno mai preso sul serio apparte uno che facendomi fare una RMN cervicale e lombare non ha riscontrato nulla. Il punto è che poi nell'arco di 5 anni i dolori sono un po' cambiati…quello alla scapola è come un coltello che ho sempre 24h su 24 specialmente se respiro o contraggo i muscoli. La mandibola ora scrocchia anche a destra e mi sono venute due protrusioni discali lombari di recente a lavoro.

Qualcuno mi aveva detto che era colpa della mandibola visto che ho un morso inverso di 3 classe e che addirittura mi sta tirando anche la faccia verso sinistra compreso l'occhio sinistro (in effetti l'occhio sinistro rispetto al destro si sta spostando verso sinistra e mi manca ormai 1 grado quando prima non mi mancava nulla)
Qualcuno dice che è la postura e che ci vuole il plantare.
Qualcuno dice che è artrosi.
Qualcuno mi dice che è reumatismo.

Nessuno però mi ha fatto fare una risonanza alla spalla. La mia sensazione è come se ipotizzando un nervo che passa sopra la spalla estendendo il braccio sia "uscito dalla guida" e poi tornando giù si sia messo davanti alla spalla anziché dietro tirandosi tutta la schiena sinistra e facendo assestare il corpo e la mandibola di conseguenza. Non so se rendo l'idea. Secondo lei è possibile o è pura fantascienza?


Io intanto faccio il muratore ma ho anche studiato una tecnica di massaggio Shiatsu per 3 anni con molti corsi di anatomia trovando buoni riscontri con molte persone ma mai nessun risultato su di me…benessere dopo il trattamento ma già il giorno dopo siamo punto e a capo.

Tanti giorni cerco di non farci più caso ma è difficile convivere con una cosa così non sapendo da cosa è provocata e sentendosi i ridere in faccia perché sono troppi sintomi strani.

Aggiungo che ultimamente poi mi fa male anche la caviglia sinistra.


Mi scuso ancora per il poema ormai mi rivolgo a chiunque nella speranza di un appoggio non so se la reumatologia sia il campo giusto oppure sia meglio ortopedia.
Parli comunque liberamente con termini medici


Distinti saluti e Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Anche se questo non è certamente il contesto migliore per affrontare un problema come quello da lei proposto, considerata l'impossibilità di procedere ad una visita medica accurata, tenderei a considerare i suoi disturbi come sintomi funzionali. Per confermare tale sommario orientamento verso una sindrome miofasciale / sindrome fibromialgica è però necessario procedere con una visita specialistica reumatologica. Cordiali saluti
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 167XXX

Grazie della risposta in effetti a distanza si può fare ben poco ma secondo lei sarebbe possibile che nella spalla qualche muscolo o tendine sia andato fuori sede "tendendo" tutti i muscoli della parte sinistra (compresi occhio e muscoli facciali)? E poi sarebbe più indicato un ortopedico o un reumatologo nel mio caso?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Trovo più appropriata una visita reumatologica. Cordialmente
Mauro Granata