Utente 246XXX
Gent.mi Dott.ri,
sono una donna di 61 anni che da circa un anno ha iniziato ad andare in palestra tre volte alla settimana, facendo 30 minuti di "cyclette" e 40 minuti di "tapis rouland". Negli ultimi mesi ho iniziato anche a fare un po' di corsa sul tapis rouland, purtroppo a seguito di questo maggior sforzo fisico ho iniziato ad accusare disturbi sul gluteo dx. Ho iniziato a sentire dei bruciori e un senso di fastidio che si estendeva dietro alla coscia. Mi sono rivolta a due specialisti, il primo uno Osteopata che dopo una serie di massaggi generalizzati su varie parti del corpo, ha concluso la sua seduta dicendo che non doveva essere niente di grave e sicuramente nei giorni successivi sarei stata molto meglio. Questo non è accaduto, mi sono quindi rivolta a un Fisioterapista. Quest'ultimo dopo due sedute nel corso delle quali mi ha fatto alcuni massaggi e fatto fare alcuni esercizi, ha concluso che si trattava sicuramente di un problema di postura e mi ha invitato ad andare presso la mia Palestra a seguire un suo corso di ginnastica posturale, per persone della mia età. E' già un mese che frequento questo corso ma senza alcun miglioramento, anzi la mia situazione è peggiorata perchè adesso accuso lo stesso disturbo anche al gluteo sn. Da alcuni approfondimenti che ho fatto personalmente attraverso Internet, credo che i miei disturbi potrebbero rientrare nella Sindrome del Piriforme ma i due specialisti consultati non mi hanno confermato detta diagnosi. In questo momento ho dovuto sospendere la palestra perchè ho la sensazione che peggiori la mia condizione. Vi chiedo se cortesemente potete consigliarmi cosa fare per riuscire a capire il mio problema e quali terapie seguire per curarlo. Nel ringraziare per l'attenzione che verrà data al mio caso porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
4% attualità
16% socialità
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile signora, ritengo che x dare una risposta alla sua domanda sia necessario conoscere maggiori dettagli sul suo stato di salute con una adeguata visita ortopedica. Solo valutando infatti altri particolari riguardanti dati soggettivi, strumentali (radiologici o altro) e obiettivi si può giungere ad una diagnosi e consigliare la terapia più adatta. On line questo é impossibile. Mi spiace non poterle essere utile, ma sicuramente uno specialista ortopedico della sua zona potrá soddisfare le sue esigenze.
Cordialita
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Responsabile Centro Osteoporosi

[#2] dopo  
Utente 246XXX

Gent.mo Dott.re,
la ringrazio moltissimo per la sua cortese risposta. L'aggiorno brevemente sulla mia situazione, infatti ho in programma una Rx Rachide Lombosacrale che farò entro la settimana ed inoltre non avendo ancora mai preso antinfiammatori, il mio medico generico mi ha prescritto il Brufen 800, dopo le prime due compresse prese ieri sera, nonostante avessi preso un farmaco per proteggere lo stomaco la mattina, ho avuto malessere allo stomaco tutta la notte, per cui temo che dovrò sospendere l'assunzione di detto medicinale. La ringrazio per il suo suggerimento che seguirò sicuramente e la terrò informata sugli sviluppi del mio caso. La ringrazio ancora per il suo interessamento e le porgo i miei più cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente 246XXX

Gent.le Dott.re,
nelle more di effettuare una visita ortopedica come da Lei suggerito, l'aggiorno sulla mia situazione. Dalla Rx Colonna Lombo-Sacrale è risultato quanto segue:
- l'esame radiografico della colonna lombo-sacrale è stato eseguito nelle due proiezioni ortogonali. Si apprezzano segni di spondilo-artrosi al passaggio lombo-sacrale con riduzione in ampiezza dello spazio intersomatico L5/S1 per una verosimile condizione di discopatia. Nella norma gli altri spazi discali. Conservata la fisiologia lordosi lombare. Non evidenti lesioni focali ossee di apprezzabilità radiografica in atto.
Le chiedo un suo cortese parere in merito ai risultati sopra riportati e in particolare se la discopatia riscontrata può essere la causa dei miei disturbi e quale cura, terapia potrei seguire per risolvere i miei problemi. Le chiedo, infine, se nella mia condizione posso continuare ad andare in palestra o è opportuno che sospenda ogni attività fisica.
La ringrazio di cuore per la sua gentile preziosa consulenza.
Un cordiale saluto.

[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
4% attualità
16% socialità
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile signora, la discopatia evidenziata nella radiografia può sicuramente giustificare la sua sintomatologia. Per quanto riguarda le indicazioni terapeutiche e comportamentali peró é necessario eseguire un adeguato colloquio clinico e visita specialistica, impossibile on-line. Pertanto mi spiace non poter esaudire fino in fondo le sue aspettative, ma mi tenga comunque informato sui prossimi sviluppi.
Cordialitá
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Responsabile Centro Osteoporosi

[#5] dopo  
Utente 246XXX

Gent.mo Dottore,
la ringrazio molto per la sua disponibilità e attenzione al mio caso.
Un cordialissimo saluto

[#6] dopo  
Utente 246XXX

Gent.mo Dott.re,
approfitto della sua gentilezza per informarla sugli ultimi sviluppi della mia situazione. A seguito della visita fatta dall’Ortopedico, quest’ultimo dopo una breve visita, visto l’esito della lastra ha escluso che possa trattarsi della “Sindrome del Piriforme”, a suo avviso è più probabile che sia una sciatalgia. Mi ha pertanto prescritto una cura a base di cortisone (bentelan compresse) per una settimana e mi ha richiesto di effettuare una RM Lombo-Sacrale. L’esito di quest’ultimo esame è stato il seguente:
Esame RM eseguito con apparecchiatura aperta mediante scansioni sagittali e assiali ottenute con sequenze SE pesate in T1 e in T2. L’indagine documenta la presenza, a livello L5-S1, di protusione discale ad ampio raggio con prevalenza di componente mediana che determina impronta sul sacco durale e possibili effetti compressivi radicolari bilaterali, per quanto valutabile a basso campo. Spazi discali di ampiezza sostanzialmente conservata. Segni spondilosici, a carico del tratto esaminato; in particolare si osservano artrosi interapofisaria e riduzione dell’intensità di segnale nelle sequenze T2-pesate, in relazione a fenomeni di disidratazione del nucleo polposo dei dischi intervertebrali. Canale rachideo di ampiezza entro i limiti della norma. Lievemente ridotta la fisiologia lordosi lombare.
Sono tornata dall’Ortopedico con l’esito della RM e facendo presente che non ho visto alcun miglioramento dalla cura effettuata a base di cortisone. Lo specialista ha manifestato alcune perplessità sul mancato esito della sua cura e dopo aver esaminato quanto emerso dalla RM, al termine della visita mi ha prescritto un altro medicinale “Gabapentin” una compressa la sera per due mesi e fisioterapia comprendente: 10 massaggi e 10 chinesiterapia sulla colonna lombare. A questo punto però ho le idee confuse perché lo specialista non mi ha confermato alcuna diagnosi e viste le specifiche del nuovo medicinale (specifico per epilessia e convulsioni) ho qualche perplessità a prenderlo per due mesi. Visto il perdurare dei miei disturbi, Le sarei veramente molto grata se potesse a questo punto darmi il suo parere in merito. Nel ringraziarla per l'attenzione e prezioso aiuto, le porgo i miei più cordiali saluti.

[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
4% attualità
16% socialità
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Cara signora, come posso aiutarla quanto desidera senza poter valutare obbiettivamente la sua condizione? Il limite dei consulti on-line è proprio questo, si possono dare consigli, informazioni su come indagare e approfondire, ma diagnosi e terapia non sono proprio possibili, anche se ritengo plausibile la sua sintomatologia con il referto RMN riportato. Il Gabapentin non deve spaventarla perchè, pur indicato nelle epilessie e convulsioni, viene utilizzato normalmente anche nelle lombosciatalgie, anche se per la verità 1 sola compressa al dì penso possa fare ben poco, soprattutto se non accompagnata da altri farmaci (da scegliere naturalmente sempre dopo accurata valutazione clinica obiettiva e strumentale). Mi spiace non poterla aiutare più di tanto, dovrebbe provare a consultare un altro specialista se il precedente non l'ha convinta.
Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Responsabile Centro Osteoporosi

[#8] dopo  
Utente 246XXX

Gent.mo Dott.re,
capisco le difficoltà e il limite esistente per curare una persona con un consulto on.line, la ringrazio comunque moltissimo per l'aiuto e per i suoi preziosi consigli.
Un cordiale saluto.