Utente 140XXX
Gentili Dottori, ho 82 anni e vorrei il vostro consiglio sul come comportarmi per trovare sollievo dall'arterite temporale che mi affligge da otto mesi.
i sintomi riguardano dolore mandibolare auricolare e oculare con edema e dolore al cuoio capelluto. Gli esami Ves Pcr fibrinogeno e reuma test sono negativi e così la Pet e Tac.
la terapia cortisonica per otto mesi, a scalare , ora è stata sospesa. Il dolore persiste e assumo tachipirina 1000 al bisogno.
Dopo gli esami e la cura il medico è perplesso e parla di Angioite Edematosa, e dichiara di non avere altre soluzioni.
Devo consultare un altro specialista per sapere con certezza che non sia Angioite?
E' vero che l'arterite ha un decorso molto lungo e doloroso?
Ci può essere un'altra cura oltre al cortisone?
Ho una speranza di guarigione?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La normalizzazione degli indici di infiammazione e la negatività della PET e della TAC fanno pensare ad una condizione di remissione della malattia, peraltro in assenza di terapia specifica con cortisonici. Detto questo sarebbe il caso di riconsiderare la genesi dei sintomi da lei riferiti perché non è solo l'arterite temporale a poter essere causa di dolore cranio mandibolare. La invito quindi ad una nuova visita specialistica reumatologica per valutare l'opportunità di ulteriori accertamenti e visite specialistiche (neurologo, maxillo-facciale, otorino). Cordialità
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 140XXX

Egr. Dott: Mauro Granata,

la ringrazio infinitamente per la sollecitudine della risposta, seguirò senz'altro il suo prezioso consiglio
cordiali saluti