Utente 236XXX
Buongiorno

Ho 38 anni e vivo in Indonesia.
Godo fortunatamente di ottima salute a parte la gotta che mi sta dando qualche problemino qui in Indonesia.

In Italia, sono sempre riuscito a tenerla sotto controllo (valori medi tra 6 e 6.4) senza utilizzare farmaci (purtroppo l'ALLOPURINOLO ha un effetto devastante sul sottoscritto, causandomi fortissimi attacchi di gotta) e con una dieta bilanciata nonche attivita sportiva in maniera costante.
Bevo molta acqua fin da bambino (mia sorella ha perso 1 rene e vedendola bere continuamente, ho preso questa buona abitudine), arrivando a 5 litri al giorno, dato che la mia sudorazione e' profusa.
La mia dieta e' molto simile rispetto all'Italia eccetto
1-LATTE: qui hanno latte australiano che non riesco proprio a digerire. Mi crea nausea fortissima.
2-MOZZARELLA; non si trova.
3-FETTE BISCOTTATE: le ho sostituite con i biscotti.
4-ACQUA MINERALE FIUGGI: non si trova

In media mangio i seguenti alimenti

a-PASTA, PANE, BISCOTTI, NOODLE SENZA GLUTINE, RISO
b-MIELE
c-POMODORI, BUAH PARE (verdure amara locale), CIPOLLE, ZENZERO, PEPERONI, MELANZANE, INSALATA VERDE, PEPERONCINO
d-PESCE (1-2 volte alla settimana) come GAMBERETTI, SEPPIA, POLIPO
e-THE VERDE e CAFFE
f-FRITTATA (1 volta a settimana)
g-1 volta a settimana cibo fritto ma in maniera assai contenuta
h-FRUTTA 1 volta a settimana perche' mi hanno detto che mantiene alto il valore degli acidi urici.
i-PATATE 1 volta a settimana

Dalle ultime tre analisi del sangue e' risultato che ho i seguenti valori di uricemia;
a-10.7 b-10.4 c-9.2.

Il problema e' che data l'elevata temperatura di Giacarta (non meno di 32 C), non riesco ad abbassare naturalmente (senza ausilio di farmaci) gli acidi urici e talvolta ho un po di dolore all'articolazione del'alluce del piede dx. La cosa strana e' che non ho un attacco acuto ma lievissimo dolore (posso camminare benissimo e anche correre).
Posso prendere la COLCHICINA, perche' non mi da diarrea.

So consiglio dello specialista locale, ho cominciato a prendere la VITAMINA C non acida e un te chiamato URIC TEA che non ha sortito alcun effetto.

Le mie domande sono

1-Questi dolori che io sento all'articolazione, sono attacchi di gotta non acuti?Se si, devo prendere la colchicina?
2-Sbaglio qualcosa nella dieta?
3-Ci sono alternative all'ALLOPURINOLO per abbassare gli acidi urici?



[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La condizione che lei descrive è quella di una artropatia uratica cronica apparentemente subclinica. Per quanto riguarda la natura dei dolori è molto difficile esprimere un parere senza l'aiuto dell'esame obiettivo. La dieta va bene, cercando di ridurre le porzioni dei cibi più ricchi di purine. L'alternativa all'utilizzo dell'allopurinolo è oggi rappresentata dal Febuxostat che agisce inibendo la xantina ossidasi, enzima coinvolto nella trasformazione delle purine in acido urico. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 236XXX

Salve Dott.

Grazie mille per la Sua risposta.

1-Le sottolineo che questo dolore non intenso che ho compare di media ogni 2 mesi (forse ho descritto male nella mia presentazione). Crede che sia sempre frutto di un'artropatia uratica cronica?
Forse sarebbe piu corretto chiamarlo fastidio e non dolore, poiche' ripeto posso camminare, correre.

Che sia un avvertimento riguardo a un innalzamento degli acidi urici?

2-FEBUXOSTAT: benissimo. Ci sono degli inconveniente/effetti collaterali particolari per questo farmaco?

3-DIETA: mi ero dimenticato di scrivere che non mangio carne e mangio mais (secondo una ricerca aiuta ad abbassare gli acidi urici).
Secondo lei prodotti come YAKULT favoriscono ad alzare gli acidi urici e o li abbassano?
In Asia dicono che sia da evitare come la peste,

La ringrazio tantissimo per il suo prezioso aiuto.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Considerata la natura del consulto mi è difficile esprimere un giudizio esauriente in merito alla natura della sintomatologia che riferisce. Il febuxostat è un farmaco in genere ben tollerato anche se saltuariamente può manifestare alcuni effetti indesiderati (cefalea, diarrea, alterazione degli indici epatici, etc). Per quanto riguarda l'integrazione con latte fermentato non mi sembra ci siano particolari controindicazioni alla sua assunzione. Cordialità
Mauro Granata