Utente 358XXX
Salve le scrivo in merito ad un problema che mi affligge da qualce anno ormai, spesso quando faceva freddo mi gonfiava un dito, (sempre uno diverso e sempre uno per volta, non tutte le dita o più di un dito) sempre uno a caso, e mi gonfiava nella notte in maniera tale che io non riuscissi più a piegarlo la mattina successia, e faceva un gran male, i dottori che mi hanno visitato mi hanno parlato di geloni o altro, adesso questa cosa mi è successa di nuovo due giorni fa 14/09, con 25 gradi, il problema è che due giorni fa ha piovuto 20' e andando a prendere il treno ho preso un po d'acqua, ma comunque non faceva freddo e non è che sia stato bagnato per un giorno intero, quindi a questo punto non so davvero quale possa essere il mio problema, forma reumatologa o altro? il dito gonfia davvero tanto, raddoppia rispetto alle dimensioni normali, fa male, non riesco a piegarlo...poi nel giro di due giorni, senza creme o altro si sgonfia da solo e torna nelle condizioni "normali" c'è qualcosa che posso fare? inoltre in passato mi avevano anche fatto fare un test alle dita per vedere i capillari in punta alle mani se era ok oppure no, e l'esame è stato positivo, quindi nessuna tipologia di problema.

In attesa di suo riscontro porgo cordiali saluti.
Franco Elia

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Da quello che mi sembra di capire il disturbo è stato in passato indagato solo per quanto riguarda la presenza di un eventuale fenomeno di Raynaud non invece in merito ad una possibile artrite. Quello che lei descrive potrebbe configurare una condizione di cosiddetto "dito a salciccia", sintomo caratteristico di alcune forme di artrite. E' secondo me perciò necessaria una visita reumatologica per la corretta impostazione del problema. Cari saluti.
Mauro Granata