Utente 317XXX
buona sera come è scritto nel titolo sono positiva ad asma 1.:80 che cosa devo fare ? che tipo di malattia ho?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La sigla ASMA si riferisce agli anticorpi anti muscolo liscio (Anti Smooth Muscle Antibodies) che rappresentano autoanticorpi diretti contro antigeni presenti nel muscolo liscio. La loro positività si correla con patologie infettive, dismetaboliche e/o autoimmunitarie che interessano il fegato. Tra queste le più frequenti sono le epatiti virali, l'epatopatia etilica, la cirrosi epatica e il risentimento epatico in corso di malattie infettive come per esempio la mononucleosi o l'infezione da citomegalovirus. Saluti cordiali.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 317XXX

gentilissimo dottore, grazie per la celere risposta, cosa devo fare per capire quale di queste malattie io sono affetta visto che allo stato attuale io sto benissimo e non ho alcuna sintomatologia?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Fortunatamente, specie quando gli autoanticorpi sono a basso titolo come nel suo caso, spesso può trattarsi di una positività cosidetta aspecifica, cioè senza significato clinico. Aspetti qualche settimana, ripeta l'esame e se ancora positivo consulti uno specialista in epatologia. Cordialità.
Mauro Granata

[#4] dopo  
Utente 317XXX

grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
;-)
Mauro Granata

[#6] dopo  
Utente 317XXX

buona sera un'altra domanda, sono sposata da 4 anni e ancora sono in attesa di una gravidanza questa positivita' asma può esserne la causa?

[#7] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Al momento attuale non esistono dati certi e concordi di un loro coinvolgimento nella infertilità femminile. Saluti cari.
Mauro Granata