Utente 808XXX
Gentili Dottori, sono un uomo di 32 anni, architetto corporatura normale, alto 178 peso 70kg. Ho Sempre praticato sport con moderazione sebbene senza grande continuità temporale. Negli ultimi 5 anni ho iniziato ad avere problemi di digestione soprattutto con prodotti tipo pomodori , cioccolato, alchol etc. Ultimamente il tutto sembrava migliorare. Negli ultimi due anni ho fatto molta attenzione ad avere una corretta alimentazione e ben equilibrata e sembrava che la cattiva digestione stesse migliorando. Tuttavia ultimamente di colpo è sembrato che la situazione precipitasse in concomitanza di sintomi molto strani che cerco ora di spiegare. Circa 12 giorni fa, dopo aver dormito, di colpo ho avvertito un dolore muscolare similmente paragonabile ad uno strappo muscolare all’interno coscia altezza inguine. La mattina seguente si è aggiunto un forte torcicollo, la mattina a presso si è aggiunto un dolore puntiforme nella pianta a sx del piede. Sono circa 12 giorni che tali dolori muscolari non intendono andare via. Il dolore del torcicollo si è spostato verso dx e sembra leggermente attenuarsi, gli altri dolori rimangono. Insieme a tali dolori muscolari si unisce una cattiva digestione che mi provoca un forte ed intenso mal di schiena all’altezza dello stomaco che durante la notte mi obbliga ad alzarmi. Quest’ultimo dolore sempre dovuto a cattiva digestione l’ho spesso avuto negli ultimi anni ma in questi giorni si è fatto molto intenso. Per evitare tali problemi di digestione notturni ho provato peraltro per diversi giorni cenare alle 17:30 e non mangiare nient’altro dopo, ma la cosa non sembra influire molto sul mal di schiena e bocca dello stomaco. La sensazione che rimane è quella di una forte pressione alla bocca dello stomaco che spinge verso la schiena e mi toglie il respiro. Ho effettuato il test dell’elicobattero e risulto non averlo.. Non ritengo ultimamente di essere sottoposto a forti stressi, anzi..
Per quanto riguarda i dolori muscolari il mio medico di famiglia mi ha diagnosticato una “Polientesopatia”. Mentre per il dolore della schiena ipotizza sia una infiammazione (che però per me sta durando da 5 anni con alti e bassi). Premetto che ho fatto diverse ricerche per capire cosa sia la Polientesopatia, ma non ho trovato quasi nulla. Vi chiederei gentilmente cosa pensate del mio caso, eventualmente cosa sia e se confermate possa essere la Polientesopatia cosa essa possa comportare. Inoltre sapere cosa devo fare per risolvere il problema di digestione perché ormai da una settimana non riesco a rimanere coricato per più di 3-4 ore.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
L'interessamento delle inserzioni tendinee, se diffuso (polientesopatie, polientesiti, polientesoartriti), può riscontrarsi in un certo numero di malattie reumatiche di natura degenerativa o francamente infiammatoria. Anche in disturbi funzionali, come per esempio la fibromialgia, in alcuni pazienti la componente entesopatica risulta preminente nella genesi del dolore. Difficile capire in questo contesto la correttezza della diagnosi da lei riferita.
Per quanto riguarda i disturbi digestivi lascerei al momento stare lo stress e mi preoccuperei di eseguire una gastroscopia per escludere la eventuale natura organica (esofagite, gastrite, lesione ulcerativa?) del disturbo. MG
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 808XXX

La ringrazio dottore. Farò accertamenti di analisi del sangue richieste dal mio medico di famiglia e se non disturbo la terrei al corrente per capire eventuali possibili diagnosi. Grazie mille!

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
D'accordo, ma insisto per la EGDS. MG
Mauro Granata