Utente 324XXX

Buongiorno, mia madre, 54 anni, da 4 anni in menopausa, si è sottoposta agli esami MOC DXA ed RX Rachide in Toto, in seguito a una sintomatologia caratterizzata da fitte lancinanti alle costole a volte preceduti da spasmi muscolari sempre alle costole (sintomi che si manifestano a volte quando è immobile, e a volte successivi a un suo movimento; inoltre i suddetti disturbi sono molto più frequenti ed acuti nel periodo invernale rispetto al periodo estivo).

La MOC della colonna vertebrale ha evidenziato un T- score Total di -2.9 (invece Moc femorale T-score Total -0.7) e la RX Rachide in Toto ha descritto “Una Riduzione della fisiologica lordosi cervicale. Alterazioni artrosi che margino-somatiche ed uncovertebrali. Riduzione di ampiezza dello spazio discale C5-C6. Atteggiamento scoliotico dx-convessa del rachide dorsale e sn del rachide lombare. Artrosi margino-somatiche ed interapofisarie più evidenti del passaggio dorso lombare. Non crolli vertebrali.”

In attesa del consulto col medico di famiglia, volevo gentilmente chiedere un giudizio specialistico sui referti della MOC DXA della colonna vertebrale (T-score Total -2.9) e della RX Rachide in Toto e se quanto è emerso fin’ora può teoricamente essere correlato ai suddetti sintomi accusati da mia madre.

Ringraziando per la cortese attenzione e gentile disponibilità, porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bonelli

32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Buonasera,
i dolori che la Mamma lamenta sembrano essere correlati alla presenza di una osteoporosi clinicamente manifesta.
La Moc effettuata documenta ,in accordo con questa ipotesi,
una severa osteopenia associata anche ad una artrosi della colonna in toto.
Una visita generale ed una valutazione attenta dei fattori di rischio dell'osteoporosi ( tipo familiarità per fratture,abitudine tabagica,sovrappeso od obesità,tireopatie,terapie cortisoniche prolungate) permetterà un giusto inquadramento e quindi l'avvio di una terapia antidolorifica ed una prevenzione del peggioramento della patologia.
Lo specialista idoneo potrà essere un Reumatologo o uno Specialista di un Centro per il Trattamento Osteoporosi.
Un saluto
Dr. Marco Bonelli
MedicoChirurgo
Specialista in Reumatologia

[#2] dopo  
Utente 324XXX

Mi è tutto più chiaro ora. La ringrazio moltissimo dott. Bonelli. Cordiali Saluti.