Utente cancellato
Salve, ho 45 anni, e sono in cura da un anno con DiBase 25.000 una fiala al dì per osteopenia e deficit di vitamina D, che attualmente si è normalizzata. Ho effettuato una Moc Lombare e articolazione coxo-femorale di controllo dove purtroppo ho notato dei peggioramenti dalla precedente. Riporto il referto: "L'esame è stato eseguito mediante Osteodensitometro Dexa, in corrispondenza del rachide lombare e del femore sinistro. L'elaborazione (valore medio) effettuata sui corpi vertebrali di L2,L3 e L4 ha dimostrato una BMD media (densità minerale ossea in g./cm.q)= 0,76 nella norma. Tale valore mostra una BMD pari al 67% di quella che si sarebbe dovuta ottenere in un soggetto normale di pari età e sesso (Zscore -1,99). Inoltre evidenzia una riduzione della densità pari al 34% relativamente al valore medio del picco di massa ossea nel corso della vita (Tscore - 2,11). La densità minerale nel femore è inferiore alla norma a livello del collo ed inferiore nel triangolo di Ward. Il valore ottenuto dalla elaborazione in corrispondenza del collo del femore dimostra una riduzione BMD pari al 32% rispetto alla media, normale, relativa (Zscore - 2,01). Il valore ottenuto in corrispondenza del triangolo di Ward, evidenzia una riduzione della densità minerale pari al 67% relativamente alla media, normale, relativa (Zscore - 3,08) e una riduzione del 70% rispetto al valore medio del picco di massa ossea del corso della vita (Tscore - 3,48)". Grazie, cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Nel soggetto adulto il parametro da valutare nell'esame MOC è il T-score che, secondo i criteri dell'Organizzazione Mondiale della Sanita, mostra una condizione di osteopenia per valori inferiori a - 1 e di franca osteoporosi quando il risultato è inferiore a - 2,5. I dati della mineralometria integrati con quelli relativi alla determinazione del valore dell'algoritmo FRAX permetteranno quindi di sceglire la migliore strategia terapeutica. Per quanto riguarda l'integrazione con vitamina D la somministrazione quotidiana della dose di Dibase riferita va immediatamente ripuntualizzata con il curante e con il dosaggio attuale della vitamina ematica. Saluti cordiali.
Mauro Granata

[#2] dopo  
429759

dal 2018
Grazie, Prof. Granata, ho commesso un errore di trascrizione della terapia, io assumo DiBase 25.000 una fiala alla settimana e non al dì, da un anno. Ho da sempre mangiato molto calcio, in quanto mi piace molto il formaggio. La vitamina D3 (25-OH D3) è attualmente di 51,2 (v.n. 30-100), all'inizio era intorno a 15.
Cortesemente le pongo alcune domande:
1) Quindi secondo i dati sono passato da una osteopenia ad una franca osteoporosi?
2) Essendo di sesso maschile ed avendo 45 anni, mi devo preoccupare?
3) Ho fatto varie analisi tra cui quelle della tiroide, cortisolo, ACTH, LH, testosterone, anche quelle reumatologiche (PCR, Anticitrullina, ANA, CPK, VES) tutte negative, c'è qualche altra analisi in particolare che può essere dirimente in tal caso?
4) Quale può essere la causa di questa osteoporosi, e soprattutto mi devo preoccupare?
Grazie per la cortesia, nell'attendere un suo riscontro le porgo cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
L’unico dato MOC significativo è quello a livello del triangolo di Ward. Il suo specialista di riferimento deciderà l’eventuale trattamento integrando questo dato con gli altri elementi clinici a sua disposizione. Cordialità
Mauro Granata

[#4] dopo  
429759

dal 2018
Gent.mo Prof. Granata cortesemente mi può dire se è normale che un uomo di 45 anni abbia questa perdita di calcio e se bisogna preoccuparsi? Cordialità

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
L’ambito di questo consulto virtuale non mi permette di andare oltre delle indicazioni di massima. Il suo curante alla luce di tutte le informazioni cliniche a lui note saprà sicuramente essere più esaustivo. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#6] dopo  
429759

dal 2018
Gent.mo Prof. Granata la ringrazio per la sua disponibilità e la saluto cordialmente.

[#7] dopo  
429759

dal 2018
Gent.mo Prof. Granata le scrivo per aggiornarla sulla cura che mi è stata prescritta. Mi è stato confermata DiBase 25.000 una fiala alla settimana, ed è stata aggiunta 1 compressa di Calcium Sandoz 500 mg. Lo specialista ha detto che secondo lui bisogna controllare i livelli di testosterone totale e/libero, il DHT e PSA/tot free. Inoltre 'è un particolare il gastroenterologo ha pensato di sospendere l'omeprazolo perché ritiene possa causare una perdita di calcio osseo, questo corrisponde, secondo la sua esperienza a verità? Grazie in attesa di riscontro porgo cordiali saluti.

[#8] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Condivido le indicazioni date dal collega. Per quanto riguarda l'uso cronico degli inibitori di pompa protonica effettivamente alcune metaanalisi hanno messo in evidenza un aumento del rischio di frattura. Le ipotesi sono molteplici e sono in corso studi per approfondire tali aspetti. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#9] dopo  
429759

dal 2018
Grazie Prof. Granata la ringrazio per la sua disponibilità e gentilezza e la saluto cordialmente.

[#10] dopo  
429759

dal 2018
Gent.mo Prof. Granata lo specialista mi ha prescritto il dosaggio del DHT e del testosterone perché prendo da anni il Permixon. Cortesemente vorrei sapere da lei se la variazione di questi dosaggi può portare una osteopenia e quindi la stessa assunzione di Permixon. Cordiali saluti.

[#11] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Da una rapida ricerca sugli eventuali effetti collaterali relativi all'assunzione della Serenoa repens non mi sembra risultino evidenze relative a suoi effetti osteopenizzanti. Cari saluti.
Mauro Granata

[#12] dopo  
429759

dal 2018
Gent.mo Prof. Granata la ringrazio e in attesa di aggiornarla se è possibile, colgo l'occasione per augurarle buone feste.