Utente 100XXX
Da i sintomi sono consapevole di soffrire della malattia di Raynaud. Non ho mai fatto controlli medici per questo problema, ma da poco ho scoperto che puo' essere spia di malattie molto piu' gravi e questo mi ha spaventato molto. Oltretutto quest'imverno i disturbi sono maggiori rispetto agli scorsi anni.
Vorrei un aiuto per capire a chi mi devo rivogere... meglio un angiologo o un reumatologo? Io abito a Verona, mi sapete consigliare qualcuno in zona?
Ringrazio anticipatamente chi mi vorra' aiutare.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Giuseppe De Filippis

20% attività
0% attualità
0% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Gentile signora,
In genere è facile comprendere se si tratta di un Raynaud primitivo, ovvero "fine a se stesso", o se si tratta di un Raynaud secondario. Tenga conto che un Raynaud di vecchia durata, che non si è accompagnato ad altri sintomi, è per lo più primitivo. In ogni caso, la capillaroscopia è un esame molto importante, e la eseguono sia Reumatologi che Angiologi. A questa vanno associati alcuni esami del sangue, che un reumatologo Le potrà consigliare.
Spero di averla ben indirizzata e, per quanto possibile, rassicurata.
Cordiali saluti.
Dr. Luigi Giuseppe De Filippis

[#2] dopo  
3903

Cancellato nel 2010

Concordo pienamente con il collega, e direi che l' iter diagnostico suggerito è quello che toglierà ogni dubbio alla Sig.ra per quanto riguarda il suo Fenomeno di Raynaud che direi nel suo caso è poco probabile(vista la durata del problema) che si tratti di un Raynaud secondario ad altre malattie.
Nella mia pratica clinica quotidiana (visto che eseguo le capillaroscopie presso l' ospedale dove lavoro) vedo tantissimi Raynaud primitivi che sono solo da monitorare nel tempo e non destano nessuna preoccupazione.

Cordialità Dott. Latinakis

[#3] dopo  
Utente 100XXX

Grazie mille ai gentilissimi dottori per la disponibilita' e celerita' nella risposta.
Roberta

[#4] dopo  
Utente 100XXX

Gentili dottori,
ho fatto la capillaroscopia il cui esito dice: Lieve edema pericapillare. Lieve sovvertimento del pettine capillare con numerosità conservata. Tortuosità moderata. Rare ectasie. Un megacapillare. Rari depositi emosiderinici. Alterazione del pettine capillare.
Lo stesso specialista mi ha richiesto altre analisi, di seguito i risultati

VES 3*

B-emocromo
eritrociti 4,34
emoglobina 145,0
ematocrito 0,42
MCV 96,0
MCH 33,3
RDW-CV 13,2
piastrine 238
leucociti 5,60

formula leucocitatria
neutrofili 2,4
linfociti 2,5
monociti0,40
eosinofili 0,20
basofili 0,10

P-creatinina 73
P-CK 124
P-AST 23
P-ALT 20
P-GammaGT 10
P-complemento frazione C3 0,66*
P-complemento frazione C4 0,23
P-proteina C-reattiva <0,5

proteine
S-proteine totali 70,1

S-elettroforesi
albumina 45,1
alfa1 2,3
alfa2 5,7
beta 6,2
gamma 10,9

urine
colore giallo
aspetto leggermente torbido
ph 5,50
glucosio assente
proteine 5
emoglobina 0,00
corpi chetonici 0,00
bilirubina 0,00
urobilinogeno assente
nitriti assenti
peso specifico 1 017
esame microscopico del sedimento nulla da segnalare

immunologia autoimmunologia
S-Ab anti-Nucleo (screening) positivo
confermato in IFA titolo 1:1280 anticentromero
test eseguito in chemiolumiscenza Analizzatore LIAISON

S-Ab anti dsDNA 2,3
S-Ab anti Sm-RNP negativo
S-Ab anti Sm negativo
S-Ab anti SS-A (Ro) negativo
S-Ab anti SS-B (La) negativo
S-Ab anti Istidil tRNA sintetasi (Jo-1) negativo
S-Ab anti Topoisomerasi I (Scl-70) negativo
S-Ab anti Centromero (Proteina-B) positivo

Sono talmente agitata da quando le ho ritirate che vorrei capirne qualcosa di piu'...
Mi potete aiutare?
Grazie