Utente 111XXX
Gentili Dottori,
mi chiamo Bruno ed ho 30 anni.
Da circa un anno avverto un senso di debolezza agli arti superiori; negli ultimi mesi tuttavia ho assistito alla parziale e progressiva perdita della funzionalità ad entrambe le mani causata dall’impossibilità di flettere ed estendere completamente il mignolo e l’anulare. Tale disturbo è accompagnato anche dalla formazione di noduli in corrispondenza delle medesime dita e da un lieve rigonfiamento di tutte le altre. Inoltre avverto dolore, soprattutto al risveglio, ai polsi in seguito alla torsione dell’avambraccio e la flesso-estensione della mano ed un fastidio alla spalla nell’alzare il braccio verso l’alto.
Ciò mi ha spinto ad eseguire diversi esami di cui riporto i referti:
Risonanza magnetica rachide cervicale: lievissime iniziali protusioni discali posteriori mediane a livello degli spazi intersomatici C3-C4, C4-C5 che improntano lievemente lo spazio perimidollare anteriore. Normale ampiezza del canale vertebrale; il midollo nel tratto esplorato presenta normale volume e segnale.
L’esame elettromiografico non evidenzia segni elettrofisiologici di patia a carico dei muscoli esplorati (deltoide, tricipite brachiale, abduttore del pollice) e dei nervi esaminati (mediale ed ulnare).
Scintigrafia ossea segmentaria: l’indagine scintigrafica, eseguita con metodica a “spot” a livello degli arti superiori e del rachide, ha evidenziato aree di lieve incremento della captazione del radiocomposto a carico del polsi e I articolazione metacarpo-falangea di destra.
Per quanto riguarda l’esame del sangue, si riscontrano i valori VES = 4 mm(Iora), TAS = 397 UI/ml, PCR = 2.5 mg/l, RA-test= 3 IU/ml.

Gli esami sono sufficienti a diagnosticare una patologia e fornire una possibile terapia oppure bisognerebbe eseguirne altri più specifici?

Grazie
Bruno

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Serino

24% attività
0% attualità
4% socialità
SAN DONATO MILANESE (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2007
Gent.mo Bruno, gli esami debbono essre completati da : anticitrullinato,ANA,uricemia,ENA completi, antiHCV, HBSag. Lei o un suo famigliare è affetto da Psoriasi cutanea ? Dr. G.Serino
Giorgio Serino
Immuno-reumatologo

[#2] dopo  
Utente 111XXX

Egr.Prof.Serino,
ringraziandoLa per la sua importante risposta, Le confermo che mia madre è affetta da psoriasi cutanea.
I risultati delle analisi saranno pronti la prossima settimana. Intanto volevo metterLa al corrente che negli ultimi giorni ho riscontrato all'altezza del pollice dx e del polso sx un rigonfiamento simile ad un callo osseo.
Distinti saluti
Bruno Addivinola

[#3] dopo  
Utente 111XXX

Egr.Prof.Serino,
scusandomi per il ritardo, Le trasmetto i risultati delle analisi effettuate:
Acido urico (sangue) = 6 mg/dl
VES (I ora) = 6 mm
Ra-test < 20.0 IU/ml
Test di Waaler-Rose = 1:5
Crioglobuline = assenti
Immunoglobuline IgE tootali < 25 UI/ml
IgA = 163 mg/dl
IgG = 1.364 mg/dl
IgM = 38 mg/dl
CCP = 0.5 U/ml
ANA = 1:80
C3 = 87 mg/dl
C4 = 29 mg/dl
Anticorpi anti fosfolipidi IgG = 1.1 U/ml
ENA (6 antigeni): assenti
antiHCV: negativo
HBSag: negativo

RingraziandoLa per l'attenzione,Le porgo cordiali saluti.