Utente 606XXX
Gentili medici,
sono mamma di un bimbo di 6 settimane che allatto al seno e di qui il mio problema, da ieri sento il seno destro duro e dolente, mentre nella giornata di ieri con spugnature calde la situazione era rientrata, da stanotte è tutto tornato come prima e peggio. non riesco a sciogliere l'ingorgo e temo che possa degenerare, come devo comportarmi, cosa consigliate?
Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquilla si tratta di un fenomeno frequente in corso di allattamento. Ovviamente a distanza è molto difficile fare una valutazione per poterle consigliare più di quanto "artigianalmente " (ma correttamente) ha fatto già Lei.
Continui ad allattare ed è probabile che tutto rientri nella norma. In caso contrario la visita è necessaria.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 606XXX

Gent.mo dott. Catania,
a distanza di quasi un mese l'aggiorno sul mio ingorgo: in quella circostanza di cui sopra sono intervenuta su consiglio del mio medico con una terapia costituita da 2 compresse di augmentin per 5 giorni, onde evitare una mastite e la situazione è rientrata già dopo le prime 24 ore di assunzione dell'antibiotico. A distanza di 1 settimana, però, il problema si è ripresentato ma nell'arco di mezza giornata con impacchi caldi me la sono cavata.Così non è andata dopo altri 7/8 giorni quando ho risolto solo riprendendo per 4 giorni l'antibiotico, ma 1 sola compressa al giorno (questo su mia iniziativa!) E, infine, stesso seno stesso ingorgo, anche se localizzato in punti diversi e sempre nella zona esterna quella verso l'ascella per intenderci, me lo ritrovo da ieri e sono ripartita con l'antibiotico. A questo punto sono preoccupata e Le chiedo:
1. come mai il rpoblema non rientra definitivamente?
2. è sintomatico di qualcosa di più serio e cosa devo fare per intervenire in maniera radicale?
3. se dipendesse da una errata o incompleta suzione del bimbo, non dovrebbe presentarsi anche all'altro seno lo stesso disturbo?
Mi preme sottolinearLe che dalla prima volta noto che ilbambino dopo aver succhiato per pochi minuti si lamenta e continua a poppare da quel seno piuttosto nervosamente anche se io vedo con la spremitura manuale che il latte c'è. ciò non lo verifico all'altro seno. Inoltre, ogni qualvolta di presenta l'ingorgo mi duole il capezzolo e la suzione si fa dolorosa e vedo sulla superficie dello stesso coma la formazione di un callo bianco.
Aspetto fiduciosa una Sua valutazione e eventuali consigli.
la saluto augurandoLe buon anno!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La gravidanza e l'allattamento per ragioni ormonali rappresentano un rischio più elevato per tumore al seno. Pertanto nulla va sottovalutato.

Da quanto scrive penso però che si tratti di una mastite come tante altre se ne vedono e destinata a risolversi in poco tempo.
Senza una visita purtroppo è estremamente difficilie dare conferma alle mie ipotesi.

Si faccia vedere con serenità e ci aggiorni se lo desidera.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com