Utente 251XXX
Buongiorno.
Mia moglie ha 34 anni (35 a settembre).
Ha una cisti nel seno sinistro da molti anni, la quale si indolenzisce ogni tanto quando usa un reggiseno stretto o tiene molto in braccio nostro figlio.
Ha anche un problema dietro la spalla sinistra a causa di un infortunio di alcuni anni fa mentre sollevava un peso gravoso.

La settimana scorsa ha iniziato ad avere un forte dolore dietro la spalla sx, che si è espanso fino ai muscoli sotto l‘ascella, sopra al seno sx ed infine nella parte alta del seno.
La guardia medica ha riscontrato una contrattura dietro la spalla e una contrattura nel muscolo sopra al seno.
Ha sentito solo una cisti nel seno sx, ma in una posizione diversa da dove si è sempre trovata.
Non sappiamo se si è spostata o se è una nuova e l’altra non si sente.

Ha detto di mettere un gel antinfiammatorio perché secondo lui è un problema muscolare e di aspettare alcuni giorni e, se continua il dolore di fare un’ecografia.

Dopo un paio di giorni il dolore alla spalla è passata, mentre al seno e sopra al seno continua un leggero dolore, che aumenta solo in alcuni momenti e poi torna a dar solo fastidio.
La mattina presto, appena alzata non sente alcun dolore, inizia a infastidire verso metà mattinata.
Il gel antinfiammatorio nel muscolo sopra il seno ha iniziato a metterlo un paio di giorni dopo rispetto la spalla perché non era sicura di potercelo mettere.
Ieri ha sentito un senso di bruciore nella zona trattata con il gel, ma abbiamo letto che si può trattare di un effetto collaterale del gel, ha interrotto il trattamento e stamattina non sentiva niente.
Ieri pomeriggio ha sentito anche un formicolio al braccio sx, che ieri sera e stamattina è sparito.
Una serta, mentre spalmava il gel gli è sembrato di sentire una pallina nel petto, alcuni cm sopra al seno, ma nei giorni successivi non l'ha più sentita.

Negli ultimi due anni il seno è stato molto sollecitato.
Due anni fa è nato il nostro bimbo che ha allattato fino a 12 mesi, poco dopo un’altra gravidanza che si è interrotta prima del terzo mese a causa di un aborto interno. Dopo un paio di settimane da entrambi i seni è uscito un liquido chiaro.
Alla visita ginecologica, gli è stato detto che è normale a causa degli ormoni dovuti alla gravidanza interrotta e che avrebbero smesso a breve, come è stato, e considerato che il siero era chiaro, da entrambi i seni e usciva da più punti del capezzolo, non c’era da preoccuparsi.

Negli ultimi dodici mesi mia moglie ha preso anche diversi colpi al seno a causa di calci e pugni di nostro figlio mentre gioca o dorme con noi.

Premesso che farà un’ecografia per scrupolo, dato che 2 sue amiche hanno avuto gravissimi problemi al seno, nonostante la giovane età, possiamo aspettare la data dell’ecografia con serenità o c’è la possibilità che vi siano dei problemi?
Il fatto che la cisti si sia spostata, può essere un brutto segnale?

Mi scuso per il lungo messaggio e La ringrazio per il tempo dedicato.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Farei senz'altro la ecografia precauzionalmente anche se da quanto scrive non ravvedo ragioni per preoccuparsi e la causa del dolore mammario potrebbe ascriversi a cause EXTRAMAMMARIE .


Legga ( e se ha dubbi ulteriori ci aggiorni)
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/i%20dolori%20al%20seno.htm
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/34/Cura-del-sintomo-dolore
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/dolore%20al%20seno...di%20comp
Talvolta anche la semplice scelta di un reggiseno adeguato può essere utile, per quanto possa sembrare paradossale
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/15/Il-reggiseno-uno
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com