Utente 359XXX
Salve a tutti,
vi scrivo per un problema al capezzolo al quale non so che peso dare.Preciso che ho 20 anni e in casa non c'è nessun caso di tumore al seno.Sono però molto ansiosa.
Tutto è iniziato circa 3 settimane fa con la sensazione di avere il capezzolo destro bagnato e puntualmente controllandomi non trovavo riscontro,il capezzolo era asciutissimo e premendo non usciva nulla.Inoltre palpandomi e guardandomi allo specchio non ho notato nessun problema o cambiamento.Tutto come prima.Solo un minuscolo tubercolo di montgomery che avevo già da un po.Fatto sta che ho ignorato i sintomi e il tutto è passato,associandolo al periodo di forte stress.
Ieri però facendomi la doccia ho notato che il capezzolo destro quando passa dalla posizione di riposo a quella "eccitata"assume forme un pò strane e il tutto è dovuto al fatto che è come se nel margine interno dell'areola ci fosse una costrizione.Toccando infatti si sente un filicino ,che altro non è che una vena.Infatti esso segue esattamente il suo decorso,che è visibilissimo esternamente.In posizione normale non si sente nulla.Preciso che in entrambi i seni le vene sono molto visibili e ricordo che sia cosi da quando ho raggiunto il completo sviluppo del seno.Per questo fatto sono un pò preoccupata e vorrei sapere se c'è una reale motivazione per cui dovrei eseguire dei controlli o devo ignorare il tutto.
Scusandomi per la domanda forse banale,vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No è tutt'altro che banale solo che io pur avendo riletto più volte non riesco a comprendere a distanza il problema che ci descrive.

Forse dovrebbe coinvolgere il suo curante e aggiornarci se avesse ulteriori dubbi.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
Capisco che nel tentativo di dire tutto forse non ho detto niente.Il problema è essenzialmente che ,quando il capezzolo passa dalla posizione classica a quella "eccitata", è come se ci fosse una costrizione vicino al margine interno dell'areola (si vede un segnetto).Tale costrizione corrisponde a una vena che quando il capezzolo è eccitato si sente ..mentre quando è nella classica posizione non si sente nulla.Questa vena ,come altre,è visibilissima e ce l'ho da che ho completato lo sviluppo.Probabilmente ho da sempre questa "costrizione" ma in questo periodo particolarmente ansioso forse ci ho badato di piu.Volevo semplicemente sapere se può essere un problema o una caratteristica mia personale.Siccome sono molto ansiosa ho preferito rivolgermi a voi.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive certamente non si tratta di segni sospetti in senso oncologico, ma ovviamente solo con una visita se ne può avere conferma.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com