Utente 447XXX
Egregio Dottore,
Ho 34 anni e ho partorito quasi 3 mesi fa il mio terzo figlio.Nell'ultimo mese avevo notato che i linfonodi ascellari di entrambe le ascelle si erano ingrossate e mi facevano molto male in modo alternato finche' una mattina di 10 giorni fa mi sono accorta che non mi facevano piu male e non si sentivano piu,tuttavia in una sola ascellla al tatto e alla vista si e' formata una sorta di "corda" tesa che parte dall'ascella e finisce appena sotto il braccio. Ho dato la colpa all'abuso di deodoranti aggressivi usati a causa dell'eccessiva sudorazione visto il momento di post parto e il medico che mi ha visitata mi ha confermato che e' un linfonodo infiammato e mi ha prescritto crema antibiotica e cortisonica e di non fare null' altro.Io sono un po perplessa e vorrei fare una eco o comunque indagare sulla situazione del mio seno (per la prima volta) perche credo che sia il caso di cominciare a fare prevenzione indipendentemente da questa "corda" che tra l'altro mi preoccupa molto. Pero non capisco se conviene procedere con una mammografia o se e' meglio aspettare di interrompere l"alattamento o fare una visita con un senologo oppure se basta per il momento parlarne con il ginecologo affinche mi controlli il seno in prima istanza e mi dica cosa fare? Cosa mi consiglia?grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Fare la visita perché a distanza è difficile interpretare quanto descrive. Se parla di "corda" è probabile che si tratti di un problema di trombosi di una piccola vena superficiale e non necessità di alcun provvedimento.
Ripeto però una verifica tramite la visita è indicata.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 447XXX

Egregio Dottore,
Grazie davvero per la sua celere risposta.
Dunque se ho capito bene e' il caso di rivolgermi all'angiologo?
Grazie nuovamente
Saluti