Utente 364XXX
Alla cortese attenzione del dott.Catania
Buongiorno, sono una ragazza di30anni, vivo a Roma e
so di soffrire di PCO dal2008, ma con ogni probabilità l'esordio risale a qualche anno prima.ho preso la pillola solo una volta, con i dovuti dosaggi ormonali, ma avendo avuto più effetti negativi che positivi ho smesso (da ormai 6anni)e tutto sommato ho imparato a convivere con sintomi della sindrome che sono per lo più circoscritti/circostanziati (per il momento non sono in cerca di gravidanze)
Richiedo il suo consulto riguarda 2episodi di perdite ematiche dal capezzolo sx.
Chiedo scusa in anticipo per l'ingenuità, forse dettata da un forzato ottimismo.
Fino a25anni nei giorni immediatamente prima del ciclo avevo come sintomi acne sul viso e gonfiore più o meno diffuso.Crescendo si è aggiunto un leggero dolore al seno, con gonfiore annesso, il ginecologo ha sempre detto che fosse normale.
L'ultima ecografia mammaria, risalente al2010, non riportava nulla di sospetto.
Nel mese di agosto del2012, a quasi28anni, ero in palestra e stavo saltando la corda..avevo un leggero prurito misto a bruciore al capezzolo sinistro., per intenderci come se uno dei miei famosi foruncoli da pre ciclo,fosse nato nel capezzolo (so che forse è impossibile) e premesse per uscire.
Quel giorno per distrazione non avevo indossato un reggiseno adeguato all'attività fisica,Quando ho terminato la seduta, spogliandomi ho notato sul reggiseno una macchia di sangue,non molto grande (la grandezza era dovuta al continuo sfregamento col tessuto durante l'attività) color rosso vivo, ma ormai quasi asciutta.dopo un attimo di panico stupidamente mi convinsi che trattavasi di un graffio (che faticavo però ad individuare)dovuto al tessuto del reggiseno.la sera stessa mi venne il ciclo Cercai di non pensarci più, anche perché oltre a quel leggero fastidio/indolenzimento 2/1gg prima del ciclo non ho più avuto sintomi sospetti.Ieri, a distanza di più di 2anni stavo facendo ginnastica(stavolta indossavo il giusto supporto)ho avvertito il familiare leggero bruciore nella parte inferiore del capezzolo sx (mi ha dato fastidio la notte prima dormendo a pancia in giù) sono corsa in bagno ed effettivamente c'erano un paio di gocce di sangue, ho pulito la parte con acqua e ovatta e mi pare ci sia un graffietto proprio sotto il capezzolo.
potrei sbagliarmi, probabilmente è quanto voglio vedere..
Oggi mi è arrivato il ciclo, il capezzolo non mi fa più male e non brucia o prude.
Dall'auto palpazione non riesco a percepire nulla..so che non vuol dire nulla.
Sono fuori città per lavoro, e non posso rientrare fino al mese prossimo.Che genere di analisi dovrei fare?.Il mio medico di base è mio padre, non è più molto giovane,sbaglierò,ma non vorrei farlo preoccupare(spero inutilmente).
So che a distanza lei non può fornirmi numeri e percentuali, ma..
Ci sono molte possibilità che si tratti di qualcosa di grave?
La ringrazio per l'attenzione che vorrà dedicare alla mia richiesta...
Buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dalle caratteristiche della secrezione che descrive (sangue rosso vivo) e dalle modalità di presentazione della stessa ritengo che possa stare tranquilla e rinviare al suo rientro a casa la verifica tramite una visita necessaria per conferma.

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/77-secrezioni-seno.html

In casi che evocano patologie significative la secrezione ematica è più profusa,
quasi mai di colore rosso vivo , perché nei dotti ectasici la raccolta ematica ha il tempo di dar luogo ad una secrezione scura.

Le secrezioni rosso vivo ematiche sono più frequenti, oltre che in pazienti che assumono anticoagulanti ad eventi traumatici spesso misconosciuti.

Gli esiti di un trauma, ma anche in seguito ad esecuzione della mammografia, di un agoaspirato e persino di una palpazione troppo energica del medico o del partner, possono determinare, oltre che vistose ecchimosi superficiali sulla mammella, anche temporanee secrezioni ematiche.

Non importante in senso oncologico e l'approfondimento è generalmente precauzionale e per rassicurare la donna....(e a volte anche il medico!).

Non provochi più la secrezione tramite la spremitura del complesso capezzolo-areola e al suo ritorno faccia la visita per una verifica precauzionale.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 364XXX

Grazie mille,dottoree,per l sua veloce risposta!
Grazie anche per la rassicurazione..ma quindi non conta il fatto che entrambi gli episodi si siano verificati,anche se a distanza di 2 anni,il giorno prima dell'arrivo del ciclo?
Appena possibile farò una mammografia,inoltre ho appena viisto che lei riceve anche a Milano.
Io lavorerò spesso a via Montenapoleone,se possibile porò prendere appuntamento con lei nel corso dei prossimi due mesi?
Ovviamente la contatterò in privato.
Grazie e buona domenica

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In considerazione dell'età appena rientra comincerei da una ecografia e poi con la visita per fare il punto della situazione.

Non stimoli con la pressione la secrezione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 364XXX

Grazie milla,seguirò il suo consiglio e la contatterò dopo l'ecografia.
Ps:non ho mai stimolato la secrezione,ho solo "toccato"la parte per controllare la presenza di eventuali escoriazioni.
Grazie ancora,buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com