Utente 367XXX
Buongiorno,

mI sono stati rilevati 2 noduli 3x5 e 6x7 mm. Da ago aspirato risulta: " Quadro citologico caratterizzato dalla presenza di alcuni aggregati duttali strutturati in trabecole. Gli elementi cellulari esaminati mostrano in larga parte regolare morfologia con nucleo rotondeggiante con cromatina dispersa e piccolo nucleolo, Coesistono alcuni elementi duttali caratterizzati da lievi anisonucleosi.Alcuni elementi cellulari di derivazione stromale. Emazie di fondo. CONCLUSIONI; Reperto citologico riferibile a proliferazione intraduttale tipo epiteliosi con lievi atipie citologiche"

In un caso del genere è consigliabile di agire direttamente con un intervento o eseguire un mammotome? Che possibilità ci sarebbero di risolvere il problema solo con il mammotome?

Cordiali Saluti




[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Dovrebbe trascrivere anche i referti eco-mammografici
Annoni Andrea, MD

[#2] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera Dr. Annoni,

Di seguito le riporto referto di Ecografia Mammaria del 25 nov 2014:

"Normale lo spessore dello strato cutaneo.
Prevalente ed omogenea rappresentazione adiposa sottocutanea ed intraghiandolare dei corpi mammari, con piani di clivaggio ecografico anteriore e posteriore rispettati.
L'ecotessitura del parenchima residuo appare eterogenea con disegno fibro ghiandolare più evidente e sede retroarcolare.
A destra, a sede paraareolare supero interna, si rileva la presenza a livello dei piani superficiali, di due lacune iporiflettenti nodulari, del diametro di mm 3x5 e 6x7; i margini delle formazioni sono definiti e netti. Non si rileva alcolor Doppler segnale vascolare endolesionale ad alto flusso.
Utile tuttavia, integrazione con FNAC ecoguidato.
Non evidente dilatazione duttale retroareolare. Regolare la progressione del calibro duttale della periferia alla regione retroareolare. Non evidenti tumefazioni linfonodali a sede ascellare, a livello pettorale, a carico della catena mammaria interna o a sede sovra-retroclaveare."

Le chiederei inoltre, visto il Suo cortese e pronto primo riscontro, di sapere in che tempi sarebbe necessario intervenire in modo o nell'altro.

Cordiali Saluti




[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Appena possibile, anche se non ci sono estremi per sollecitare l'approfondimento con carattere di urgenza da quanto scrive.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com