Utente 387XXX
Salve, sono una donna di 42 anni e, fino ad un paio di giorni fa, non avevo mai fatto, in vita mia, esami di controllo al seno. Proprio per questo, pur non avendo nessun genere di disturbo, ho effettuato un'ecografia del seno. La diagnosi è stata la seguente: "Cute e sottocute nella norma. Ghiandole mammarie normotrofiche. Note di mastopatia fibrocistica con microcisti sporadiche bilaterali. Presenza di due formazioni nodulari, ipoecogene a contorni regolari, compatibili con fibroadenomi, localizzate una a destra di mm. 12, un altro a sinistra di mm. 10... Non si evidenziano lesioni sospette né linfoadenopatie ascellari". Il medico ha detto che sono noduli benigni e mi ha chiesto di rifare un'ecografia tra tre mesi. Mi ha spiegato che, solo nel caso in cui i noduli dovessero accrescersi rapidamente, dovrebbero essere asportati. Da quando ho avuto questa notizia, non sto più vivendo; ho questo pensiero fisso nella mente, in quanto vorrei evitare l'intervento chirurgico sia perché sono una persona molto difficile nell'affrontare simili eventi, sia perché non voglio cicatrici al seno. Ora, le chiedo se il mio quadro deve considerarsi preoccupante o se, invece, c'è la possibilità che i noduli restino delle dimensioni in cui sono ora. Inoltre, ho letto della termoablazione. Si può effettuare, nel mio caso, al posto di un eventuale intervento? E' costosa e dove viene praticata in Italia? Io scrivo da Napoli. La ringrazio in anticipo e spero di ricevere presto una risposta perché sono molto in ansia.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive starei assolutamente tranquilla trattandosi di nodi benigni, cioè di fibroadenomi probabilmente insorti da tempo.

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html


Ma non condivido nel suo caso l'impostazione

1) Il fibroadenoma che non desta alcuna preoccupazione insorge solitamente prima dei 40 anni e nel suo caso non c'è la prova, trattandosi di un primo riscontro, che sia insorto prima dei 40 anni.

2) A 43 anni farei quindi una mammografia bilaterale piuttosto che un controllo ecografico a 3 mesi e poi si potrà decidere cosa fare.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 387XXX

La ringrazio. Compirò 43 anni ad Agosto, quindi quando mi consiglierebbe di fare la mammografia e in base a quale risultato della mammografia dovrei toglierli? Siccome non voglio sottopormi ad intervento e non voglio assolutamente cicatrici sul seno, potrei fare la termoablazione con gli ultrasuoni (hifu)?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Cominci a fare la mammografia
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com