Utente 355XXX
Buonasera dottore, sono una ragazza di venti anni e le scrivo per una questione che mi preoccupa non poco. Dall'anno scorso accuso un forte bruciore all'ascella sinistra che va e viene, soprattutto in concomitanza con il ciclo. Il 8/08/14 mi recai da una senologa per un'ecografia ascella/seno con seguente esito:
Corpus mammae di tipo fibro_ghiandolare, nel cui contesto non si documentano noduli ecoprivi né ecostrutturati. Linfonodo intraghiandolare tra i qE di destra (0,7cm) Linfoinodi con morfologia ovalare ed ilo conservato in sede ascellare bilaterale (Dx:10,9mm; Sx: 10,7mm) Allora la dottoressa mi disse che era tutto nella norma e che non dovevo pensarci più. Ma, come le ho spiegato, il bruciore persiste, a periodi alterni, all'ascella sinistra, accompagnato da dolore alla mammella sinistra e indolenzimento al braccio sinistro. Ho il seno asimmetrico e il seno sinistro è decisamente più grande e mi ha sempre creato preoccupazioni, ma da un anno a questa parte è diventato molto sensibile (alcuni tessuti addirittura bruciano a contatto con questo seno). Sono molto preoccupata, ormai scegliere un reggiseno e addirittura una maglietta che non mi diano fastidio è diventato arduo. Devo preoccuparmi e fare controlli? In questo caso, quali controlli sarebbe bene eseguire? La ringrazio per il suo tempo.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) E' sufficiente un controllo (visita) senologico per chiarire la causa del dolore che nel suo caso sembra avere una origine extramammaria (problemi rachide cervicale ?). Nulla di preoccupante quindi in senso oncologico.

Legga

Dolori al seno

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/72-dolori-seno-mastalgia-mastodinia.html

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/cura_sintomo_dolore_mamario.htm

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/dolore%20al%20seno...di%20competenza%20ortopedica.htm

2) Nulla di preoccupante riguardo alla presenza dei linfonodi reattivi.
Stacchi dalla ricerca di informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno come quello dei linfonodi.
Legga perchè in altri consulti (anche se richiesti su temi differenti)

Linfonodi

https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html

https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 355XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta. Soffro di scoliosi da sempre (se questo può essere considerato un problema al rachide cervicale) e volevo aggiungere che questi problemi fastidi all'ascella/seno sono cominciati da quando ho cominciato ad assumere la pillola, che poi ho interrotto dopo sei mesi, senza miglioramenti per quanto riguarda questi fastidi. per quanto riguarda il bruciore all'ascella, posso seguire una cura di antidolorifici? O fare qualsiasi cosa che possa far passare questo bruciore atroce all'ascella che mi porto dietro da un anno? Grazie ancora e scusi per il disturbo.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si la scoliosi (+aumento tensione mammaria) possono rappresentare una causa di dolore extramammario

Per la cura gli antidolorifici non servono a nulla sulla componente "mammaria", ma possono essere di aiuto su quella extramammaria

Legga

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/cura_sintomo_dolore_mamario.ht
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com