Utente 322XXX
Egregi Dottori,

sonon una neomamma di 38 anni di una bimba di 19 mesi ed ho allattato la mia bimba al seno per i primi 9 mesi. In questo periodo il latte era molto abbondante in entrambe i seni e fin qui tutto normale, il ciclo è ritornato dopo 4/5 mesi dal parto e soffrendo di ipotiroidismo ho tento sempre i valori nella norma. Dopo nove mesi, per forti dolori alla schiena ho dovuto interrompere l'allattamento peer poter assumere farmaci antinfiammatori, corticosteroidi, ecc. ed il latte sembrava andarsene, ma al successivo ciclo mestruale torna abbondante come prima, chiedo consiglio al medico di base e alla pediatra, i quali dicoono di non preuccuparmi, di non tirare il latte che pian pian se ne va. arriviamo a 12 mesi ed il latte ancora li con tutti i fastidi della montata di latte. Non riuscivo a non spremere.. per sopportavo il dolore svuotavo manualmente quel poco che bastava per alleviare la tensione e così ho tirato avanti cercando di spremere quanto meno possibile. Ho chiesto al medico di base di trovare una soluzione alternativa e così ho eseguito un ecografia al seno, analisi ormonali, prolattina,tsh valori tra l'altro tutti nella norma, ho assunto dostinex per ben due volte ma il latte non va via.
La situazione oggi a 19 mesi dal parto è che ho ancora latte, non acquosa ma bello bianco, poca roba come negli ultimi 7 mesi, parliamo di nemmeno 1 cc è veramente una spruzzatina che devo far uscire per forza perchè i seni mi fanno davvero male . Non so se questo può far differenza ma vorrei far notare che non devo fare forza nella premitura e quando fuoriesce il latte schizza forte per una lunghezza di 20-25 centimetri, nello specifico:
- seno destro meno doloroso 4/5 spremiture=4/5 schizzi/spruzzi X 3/4 volte al giorno
- seno sinistro molto più doloroso mediamente 2 spremiture= 2 schizzi/spruzzi X 3/4 volte al giorno

c'è chi dice spremi il necessario altrimenti ti viene una mastite e chi dice non premere più. ad ogni modo non sopporto più i dolori che si accentuano ogno volta in prossimità del ciclo.

La mia domanda è :
è normale tutto ciò?
a chi mi dovrei rivolgere per risolvere questo problema, al senologo o al ginecologo? o a qualcun'altro?

Vi sarei infinitamente grata se potreste indicarmi la strada da compiere e magari una vostra opinione sulla mia situazione.

Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti e rimango in attesa di un vostro gentilissimo riscontro.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Intanto va detto che se continua a stimolare il seno non ne verrà a capo.

In ogni caso nulla di preoccupante e farei una visita ENDOCRINOLOGICA per fare il punto della situazione.

Stia tranquilla
Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com