Utente 422XXX
Buonasera, vi scrivo per avere informazioni riguardo ad una diagnosi. Ho 30 anni e ad oggi ho eseguito tre ecografie mammarie bilaterali con cadenza annuale, non ho mai avuto niente di particolare, il mio è solo un modo per controllarmi. Ovviamente oltre alle ecografie annuali eseguo anche regolare PAP TEST e visita ginecologica (ultima effettuata a Maggio 2016). Qualche giorno fa ho notato che sul capezzolo sinistro erano presenti delle pellicine, in seguito ho notato (senza premere il capezzolo) una piccola pallina di grasso di colore bianco o giallo, consistenza dura, a guardarla così sembrava quasi una sorta di punto nero, o di qualcosa che solitamente si può trovare nel viso o in altre parti del corpo. Non mi sono preoccupata molto, ma avevo comunque da fare l'ecografia mammaria e quindi ho approfittato dell'occasione per parlare con lo specialista. Sono un soggetto affetto da Ipertensione e sono in terapia con nebivololo 2,5 mg al giorno (suddiviso in due volte, totale mg 2,5 ). Il medico che mi ha visitata ha detto che in caso di terapia con betabloccante possono capitare situazioni di galattonorrea, anche se da quello che ho capito, nel mio caso non si tratta poi neanche di quello. Sono ex fumatrice da 4 anni.

Il responso è stato dell'ecografia è:

Mammelle di tipo parenchimatoso.
Limitata ectasia duttale a sinistra.
Non lesioni nodulari sospette nè linfoadenopatie ascellari bilateralmente.

Conclusioni: esame negativo, invariato. Si consigliano autopalpazione mensile e controlli clinico-strumentali periodici .


Il medico che mi ha visitata mi ha detto che non devo preoccuparmi e che devo semplicemente fare degli impacchi con acqua tiepida e sale, anche in caso di fuoriuscita di liquido. Basta veramente questo? posso stare tranquilla? avrei bisogno semplicemente di un altro consulto per sentirmi ancora più tranquilla.

Vi ringrazio

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signora in effetti i betabloccanti possono dare galattorrea e potrebbero favorire una lieve dilatazione dei dotti galattofori come ha lei. la ecografia ed il giudizio del suo medico sono del tutto confortanti e quindi può stare tranquilla. Piutosto visto che il cancro mammario è più frequente nelle donne sovrappeso e visto che è ipertesa sarebbe conveniente ridurre il suo peso con una dieta appropriata e questo le darebbe il vantaggio di ridurre sia il rischio di cancro mammario che la sindrome metabolica con ipertensione diabete ed ipercolesterolemia. cari saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#2] dopo  
Utente 422XXX

La ringrazio per la risposta, terrò a mente i suoi consigli.

[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Cordiali saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena