Utente 448XXX
Gentili dottori, vorrei porvi il mio caso.
Sono anni(fin da ragazzina)che soffro per un seno dolente. verso l'età di 36 anni ho iniziato i miei controlli al seno. sono stata operata per un fibroadenoma. Nei controlli di routine, ormai sono in panico continuo. Il mio seno pare abbia una composizione densa, fibrosa ed è pieno di cisti che crescono improvvisamente. Negli ultimi 6 mesi mi sono recata dal mio senologo almeno tre volte per cisti improvvise, vere e proprie tumefazioni, che mi fanno stare in continua ansia. Il mio senologo mi ha detto che il mio seno ha sviluppato una mastodinia fibrocistica con cui dovrò convivere almeno fino alla menopausa ma che questa condizione non predispone al cancro (malattia che mi terrorizza). La mia paura ormai mi fa stare in allerta continua e non mi fa vivere bene.ora sto prendendo un integratore di vitamina E, mangio molta frutta e verdura e pochi grassi animali... Malgrado questo queste cisti continuano ad invadere il mio seno ed io sono in continua ricerca di bozze nuove...
Ma che vita è?
Vorrei rassicurazioni circa la condizione del mio seno ( che sto odiando...) e capire se ci sono rimedi.
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Aggiungerei alla alimentazione l'attività fisica costante.
A distanza nessun contributo ulteriore può essere dato

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 448XXX

La ringrazio per la celere risposta. So che non può fare valutazioni a distanza ma vorrei chiederle se la mia condizione può essere considerata anomala e pericolosa o se, come sostiene il mio senologo, rientra in una situazione di quasi normalità. So che la displasia mammaria è molto diffusa tra le donne occidentali, ma non capisco se la mia proliferazione cistica può essere considerata un fattore predisponente al cancro e se, nella sua esperienza, ha seguito pazienti con un disturbo simile.
Grazie ancora