Utente 449XXX
Buonasera. Sono una ragazza di 27 anni e scrivo per chiedere un consulto per un problema che mi affligge da qualche settimana. Circa tre settimane fa i sono svegliata di notte per un dolore fortissimo al seno destro. Da lì a tre giorni ho presentato qualche linea di febbre ed il seno e diventato arrossato, molto gonfio e molto dolente. Recandomi al pronto soccorso mi è stata fatta un rx toracica,dopodiché mi è stato consigliato di rivolgermi da uno specialista senologo per una probabile mastite. Al controllo clinico ed ecografico il dottore inizialmente ha confermato la diagnosi di mastite e mi ha prescritto 6 giorni di iniezioni di rocefin. Tornando al controllo dopo la cura antibiotica il seno si mostrava decisamente meno gonfio e infiammata ma era rimasta una parte gonfia dura e dolente al tatto. Così si è deciso per una biopsia. Sono ancora in attesa dei risultati, ma non le nascondo di essere molto allarmata in quanto da poco ho notato L ingrossamento do un linfonodo ascellare che prima sembra non esserci. inoltre una parte del seno , quale vicino a dove vi e stata fatta la biopsia 5 giorni fa e diventata livida ( gialla ). La mia domanda è: e probabile che il linfonodo si sia ingrossato per una mastite che non è guarita ? La parte livida che prima non c'era può essere dovuta alla biopsia fatta pochi giorni fa ? So di non dovermi allarmare prima della risposta, ma vi sarei grata se qualcuno potesse togliermi qualche dubbio o almeno chiarirmi una probabile alternativa a ciò che di peggio io immagino. Grazie e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non si può aggiungere alcun contributo senza una visita nel suo caso, ma da quanto descrive a tutto penserei salvo che ad una mastite carcinomatosa. Per una mastite NON carcinomatosa i linfonodi sono ovviamente reattivi e possono persistere aumentati di volume anche per lungo tempo

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 449XXX

La ringrazio della risposta. Io ho pensato subito al peggio anche perché a mia nonna è stato risolto un carcinoma con una mastectomia bilaterale. Non mi rimane che attendere i risultati. Ancora grazie. Cordiali saluti