Utente 108XXX
Gentili dottori,

Scrivo perché sono fortemente in ansia per la salute di mia moglie. Ha 32 anni e abbiamo un figlio di 4 (allattato per 19 mesi). Non fuma.

Circa 6 giorni fa ha iniziato a sentire fastidio al capezzolo sinistro, e in poco tempo il seno si è gonfiato, è diventato teso, duro, caldo e molto dolente, con cute arrossata attorno all'areola, rossore poi espansosi un po' oltre. Il medico di base che l'ha visitata, diagnosticando mastite, le ha prescritto 10gg di antibiotico.

Siamo quasi a metà strada, e la situazione è in parte migliorata. È sparito il rossore e il calore, il dolore si è alleggerito (o comunque non è sempre presente ed è più lieve, cambia con i movimenti) mentre il gonfiore è migliorato poco. La pelle è liscia. Ciò che si sente ancora bene è la "massa" dura che occupa tutta la parte centrale del seno, come fosse piena o una grossa unica ghiandola.

Premesso che non negli anni non è mai sparito completamente il latte a mia moglie, cosa può aver causato una condizione simile?

Ovviamente, ho fatto l'errore di leggere in internet, dove si trovano tumori infiammatori e altre malattie che spaventano tantissimo.

In attesa dell'imminente visita senologica, chiedo al Dott.Catania e agli altri medici di questo ottimo sito, un parere. Se non altro, per tranquillizzarci un poco.

Grazie e buon lavoro!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive il tumore infiammatorio non c'entra nulla.
Farei insieme alla terapia anche un esame ecografico e ovviamente una visita senologica.
Non esiste solo la mastite da allattamento ma diverse forme di mastite anche nei non fumatori.

Legga
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/mastite_periduttale.html
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/468132-mastecomia_per_una_mastite_aiuto.html
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/466091-mastite_periduttale_recidiva_o_ascesso_subareolare_ricorrente.html
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/314704-mastiti_ricorrenti.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Buongiorno Dr. Catania, grazie mille per il suo intervento.

Mentre attendevo una sua risposta, avevo letto diversi suoi articoli sia sul suo sito che qui su Medicitalia. Complimenti per il grande lavoro di informazione che sta facendo nei confronti delle persone.

Volevo ora aggiornarla sulla situazione di mia moglie, a meno di due giorni dalla fine della cura antibiotica con Giasion.

E' stata visitata due giorni fa dalla senologa, la quale l'ha tranquillizzata e ha chiesto un'ecografia, fatta ieri. Le ha inoltre prescritto una pomata antibiotica unguento, per uso locale.

L'ecografia ha confermato la presenza della massa dura dall'area del capezzolo in su (tutto il quadrante superiore) ma non sono state rilevate nè patologie nè cisti. Si vede nell'area dura l'infiltrazione che causa l'addensamento. Non abbiamo ancora in mano il referto, ma questi sono i commenti di chi l'ha effettuata.

A livello di sintomi, mia moglie sta meglio. A parte quindi l'addensamento, che è ancora presente, il rossore non si è più presentato, il capezzolo non ha anomalie e la pelle è rimasta identica a quella dell'altro seno. Il dolore si è affievolito molto, e si presenta solo con movimenti bruschi o con sollecitazioni particolari.

Toglierci finalmente dalla testa il pensiero carcinoma infiammatorio è sicuramente la cosa più importante, ma non dobbiamo esclduere che, in ogni caso, è giusto arrivare a capire le cause di questa mastite e trovare una soluzione.

Pensa che con molta probabilità finirà con un drenaggio?
E' normale che, nonostante i quasi 10 giorni di terapia antibiotica, l'infiltrazione - e quindi l'addensamento - non si sia ancora risolta?

Grazie e buon lavoro!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
e' normale compatibilmente con quanto descrive
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com