Utente 457XXX
Salve,

ho una domanda un po' particolare.

Ho 24 anni, ma presento ancora delle ghiandole ai capezzoli sorte nel corso dell'adolescenza(per dare un'idea, il capezzolo non è come in tutti gli uomini, ma è " a punta " ) . Al tempo sentivo fastidio al solo tatto, ora no, se non per alcune posizioni assunte nel corso della giornata.
Da qualche giorno assume finasteride 1mg, e non vorrei che la presenza delle suddette possa provocarmi problemi.
Tengo tantissimo alla cura per alopecia androgenetica, e non vorrei che ci fossero delle interferenze.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquillo per ..le interferenze, anche se francamente non si comprende bene dalla descrizione quale sia l'aspetto reale dei suoi capezzoli. Pertanto coinvolgerei il curante almeno per il primo approccio clinico.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 457XXX

Innanzitutto la ringrazio per l'attenzione.

Mi scusi tanto. Purtroppo non dispongo di un linguaggio medico, e trovo, di conseguenza, difficoltoso descrivere per bene il fenomeno.

È come se avessi qualcosa di (quasi)solido contenuto nel diametro del capezzolo, che tende a renderlo "a punta".
Nel corso dell'adolescenza risultava una presenza fastidiosa, poiché rendeva il capezzolo facilmente irritabile al solo tatto.
Da anni non più, per fortuna. Sento solo fastidi dovuti ad alcune posizioni assunte nel corso della giornata ( ogni tanto quando dormo a pancia in giù, ad esempio ) .
Capisco che il concetto di "interferenza" non sia abbastanza n chiaro, ma il senso è che, leggendo la possibile comparsa di ginecomastia tra gli effetti collaterali, temo che la finasteride possa scaturire delle ripercussioni su queste ghiandole.

Mi scuso tantissimo se ancora non è chiaro, ma trovo difficoltoso descriverglielo diversamente.