Utente 107XXX
Buongiorno
scrivo per avere un parere per mia mamma che ora ha 68 anni . Nel 2004 con i controlli di routine per prevenzione e anche per familiarità (sorella con tumore al seno maligno) fatti in ospedale(eco, mammografia) è stato notato un nodulo al seno dx di 8 mm e hanno consigliato ago aspirato fatto subito con reperti di benignità. Nel 2013 con le ecografie riportando sempre lo stesso nodulo ingranditosi fino a 10 mm (in 9 anni) hanno richiesto di nuovo ago aspirato con esito che riporto:
Formazione nodulare di 10 mm allestiti 6 vetrini + 1 citoincluso. Mammella dx ore 10 nodosità 10 mm. Scarsa cellularità composta da lobuli di stroma connettivale lasso, da piccolo aggregati di epiteli mammarie e nuclei bipolari. I reperti sono di benignità. Linee guida: C2 (reperto negativo per cellule tumorali).
Da allora fa sempre ogni 2 anni mammografia di prevenzione e quest'anno facendo anche l'ecografia il medico (fatta ora in clinica convenzionata) non avendo un macchinario a suo dire adatto a vedere in profondità le ha detto di rifarla in ospedale per maggior precisione, con eventuali esami di accertamento in quanto riporto:
A livello della ghiandola mammaria destra si rileva un'alterazione ipoecogena contorni irregolari di 1,5 mm che determina una parziale sottrazione agli echi profondi e il quadro ETG è meritevole di integrazione con altre metodologie e qualora prelievo bioptico.
Secondo Lei quindi lo stesso nodulo che si ingrandisce nel tempo puo' esser divenuto da benigno , maligno? Se aumenta è rischioso?
Occorre ogni volta rifare ago aspirato dopo come ora 4 anni dall'ultimo? Rifaremo l'ecografia in ospedale, ma è giusto per capire se quel nodulo che ha e che davano benigno possa trasformarsi e preoccupare. Inoltre tutte le mammografie fatte negli anni compresa quella di 1 mese fa sono negative, anche la mammografia come mai non fa risultare la presenza del nodulo che alle eco si vede eccome, tanto che in 14 anni è passato da 8 a 15 mm?
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Probabilmente si tratta di un vecchio fibroadenoma che puo' ingrandirsi ma difficilmente trasformarsi. Purtroppo non c'e' una diagnosi e forse in considerazione della familiarita' poteva essere asportato anche prima evitando queste continue ansie.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 107XXX

La ringrazio molto Dottor Catania.

[#3] dopo  
Utente 107XXX

Buongiorno dottore volevo solo riportarle quanto scritto nel referto ritirato oggi per l'agobiopsia:
Neoformazione a margini lobulati di 11 mm Q.S.E.mammella destra.
Frammenti costituiti da connettivo fibro-adiposo comprendente spazi ghiandolari rivestiti da epitelio cuboidale e mioepitelio, senza evidenza di atipie.
Linee guida: B2 ( reperto negativo per cellule tumorali)
Vorrei un suo parere : essendo un nodulo benigno da quanto ho capito o fibroadenoma come aveva prima definito Lei, cosa è meglio fare come prassi nei prossimi anni ?un'ecografia di controllo annuale o la mammografia (la mammografia fatta con prevenzione serena era sempre negativa ma all'eco appariva il nodulo ecco perché quest'anno ci hanno rimandato all'ago aspirato per essere sicuri) ? Andrebbe tolto per le dimensioni o basta controllarlo ogni anno con eco/mammografia? L'ago aspirato con questa diagnosi non va piu' rifatto in futuro? Grazie, giusto per capire come muoversi nei prossimi anni...