Utente 978XXX
Gentile Dott. ho 31 anni e da sempre un problema a entrambi i
capezzoli di introflessione.
Col tempo il sx è uscito pur rientrando comunque col freddo,ma il dx
no,sento che il dotto galattoforo è come "attaccato"
a differenza del sx che,se pizzicato,esce. A parte l'odioso imbarazzo
estetico che comunque col tempo ho superato,
quello che mi preoccupa è la presenza di microsecrezioni dense bianche
dall'odore sgradevole.
Queste secrezioni sono davvero piccolissime.
Ho sempre pensato che fosse un fatto dovuto ai capezzoli rientranti,
all'accumularsi magari di sapone, creme o batteri, non saprei...
Ora però un po' sono preoccupata poiché il problema persiste.
Regolarmente infatti effettuo una pulizia dei capezzoli con olio o
latte detergente e l'aiuto di un cotton fioc e a volte anche con
disinfettante e rimuovo queste secrezioni delicatamente con la capocchia di uno
spillo disinfettata. Risolvo il problema per un po' di giorni, poi
ritorna.
Cosa è? Devo preoccuparmi?
Il mio ginecologo mi fa la palpazione al seno ad ogni controllo con
spremitura dei capezzoli e non ha mai riscontrato problemi,
infatti potrei dire che più che secrezioni sono un piccolo accumulo
biancastro che non si nota osservando in quanto i capezzoli sono
piccoli e ritrosi.
Non l'ho mai detto al ginecologo forse per imbarazzo...
Mi può aiutare?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
come scrive anche Lei non si tratta di vere secrezioni

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=36893

non si tratta di vere secrezioni , ma di secrezione sebacea sensibile allo stimolo estrogenico.

Questo inestetismo del'areola e del capezzolo "ombelicato" o "invertito" o "invaginato" rappresenta un vero cruccio per le giovani pazienti, più frequentemente fumatrici, ed è la causa di episodi infiammatori ricorrenti che talvolta rendono difficile l'allattamento.

Nessuna correlazione con eventuali rischi di tipo oncologico

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 978XXX


Gentile Dott. Salvo Catania,
la ringrazio per la repentina risposta.
Non mi dice però a cos'è dovuto l'odore sgradevole nonostante la mia igiene accurata... e come posso risolvere la cosa.

C'è una soluzione per i capezzoli ombelicati?
Ha mai sentito parlare di Niplette?

Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il Niplette può servire , scusi la semplificazione, per la "ginnastica dei muscoli erettori"
ed un certo allungamento dei dotti, ma se la retrazione si è stabilizzata il fenomeno è da considerare irreversibile e la correzione è possibile solo chirurgicamente.

L'odore sgradevole dipende dalla secrezione sebacea e dal
proliferare dei batteri, nonostante la igiene .
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 978XXX

Gentile Dottore,
riguardo questo argomento le porgo l'ultimo quesito:

Mi consiglia l'operazione per l'estroversione definitiva dei capezzoli?
Che rischio ha? E' dolorosa? Esteticamente ho sentito dire che può non esserci simmetria una volta avvenuta la cicatrizzazione, è vero?
Si può allattare in seguito all'intervento?
(Comunque anche con i capezzoli introflessi avrei effettive difficoltà nell'allattamento..)
Il mio è un desiderio estetico e anche igienico a questo punto.
La ringrazio ancora per la disponibilità e per la gratuità della sua consulenza.


[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Provi, citando questo post, a ripostare in CHIRURGIA PLASTICA per avere anche un parere dei colleghi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com