Utente 258XXX
Salve, da qualche settimana, se nn un mese, ho notato che quasi 1 o 2 volte alla settimana quando vado in bagno noto del sangue nelle feci, a volte rosso a volte chiaro.. cosa significa ? devo preoccuparmi? vi prego ditemi qualcosa..

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro utente,
il segno clinico da lei riferito è connesso spesso ad una abnorme dilatazione delle vene emorroidarie che soprattutto per la pressione durante l'evacuazione, può esitare in una rottura delle stesse con una lieve emorragia. E' comunque importante indagare sul fatto che il sangue sia rosso vivo,o scuro o piceo, se il sangue sia sopra le feci o commisto ad esse, e se l'emorragia sia o meno connessa all'atto di svuotamento dell'alvo. In ogni caso il suo medico di famiglia con una semplice visita può vedere se in loco ci sono emorroidi(esterne o interne) o possibili piccole ulcere tra la mucosa dell'ano e la cute(ragadi). Considerando la sua giovane età escluderei qualcosa di più grave.
Comunque il suo medico, da questo insieme di fattori, magari insieme ad un semplice esame del sangue, potrà confermare la prima ipotesi che le ho esposto oppure ipotizzare la necessità di altre indagini più specialistiche.
Cordiali saluti
Dr. Filippo Alongi
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
la specialistica a cui deve fare riferimento e quella della chirurgia generale.
Cordiali saluti
Dott.Roberto Mallus

[#3] dopo  
25413

Cancellato nel 2013
Gentile Utente,
la "rettorragia" (emissione di sangue rosso dall'ano) è un sintomo dovuto ad un sanguinamento in genere nella parte bassa dell'intestino. Se il sangue è rosso vivo di solito il sanguinamento è molto basso (sigma, retto e ano). Non è un sintomo da trascurare, ma va indagato. Una accurata anamnesi è un buon punto di partenza. Ad esempio... Tra i parenti prossimi, ve ne è qualcuno che ha avuto polipi o tumori del colon? Il sanguinamento si associa a dolore anale? a senso di ingombro anale (tenesmo)? a dolore addominale? ad emissione di muco?
La visita proctologica può dare qualche dato in più (c'è un prolasso anorettale? ectasia emorroidaria? ragadi? ulcere del retto?).
Alla fine, solo la colonscopia può dare una diagnosi corretta ed escludere problemi più seri.
La sua età rende assai improbabile la presenza di problemi tumorali, ma è necessario escludere anche la presenza di una malattia infiammatoria del colon, per potersi indirizzare ad una patologia anale (e banale) come una ragade o un prolasso (da qualche anno è stato acclarato che è un prolasso anorettale che causa le "emorroidi").
Auguri
Giovanni D. Tebala

[#4] dopo  
Dr. Attilio Nicastro

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
LECCE (LE)
ROMA (RM)
LATINA (LT)
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente,
forse per un errore la sua richiesta non è stata inserita nella giusta specialità di appartenenza ed è per questo della mia tardiva risposta. La perdite si sangue rosso vivo con le feci è un sintomo cumene a diverse patologie dell'ano-retto. Se la perdita è consistente parliamo di rettorragia, se si perdono gocce o tracce parliamo di ematochezia. Per orientarci verso una diagnosi corretta sono oportune altre informazioni riguardo non la sola presenza di sangue ma anche sulla qualità della sua defecazione. Ad esempio questo sangue appare con l'emissione di feci dure? Quando evacua svverte dolore anale? Ha spesso diarrea e dolori addominali? Ebbene in base a queste semplici informazioni lo specialista orienterà la prescrizione di alcuni esami più approfonditi o meno. per risolvere ogni suo dubbio è comunque opportuno che si sottoponga ad una visita specialistica completata con una videoproctoscopia digitale, esame che potrà escludere tutte le patologie negli ultimi 20 cm del retto ed è in grado di dare le giuste informazioni riguardo ogni patologia anale.
Auguri
Dott. Attilio Nicastro
www.attilionicastro.it

[#5] dopo  
Dr. Domenico Battaglia

24% attività
0% attualità
8% socialità
ESTE (PD)
PALERMO (PA)
CONSELVE (PD)
MONSELICE (PD)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
I colleghi chirurghi generali sono maggiormente efficaci di un urologo
cordiali saluti
Dr. D. Battaglia

[#6] dopo  
23297

Cancellato nel 2008
Gentile utente


la descrizione della sua situazione clinica rettorragica depone in

prima ipotesi per emorroidi disturbo di interesse della

coloproctologia che accomuna molte persone e che e' legata a vari

fattori anche ambientali e professionali.Escludo data l'eta'

interesse oncologico anche se le consiglio di effettuare l'esame

delle feci ed una videoproctoscopia digitale per la diagnosi

differenziale esaustiva.


DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA