Utente 130XXX
Salve,
ho notato che la mia eiaculazione ha davvero pochissima pressione,sinceramente non ci aveve mai fatto troppo caso,probabilmente è sempre stato cosi.Quello che vorrei capire è da cosa possa essere causato ed a cosa posso andare incontro.
Ho letto su alcuni forum che potrebbe essere causa di problemi di concepimento...ma a parte questo non ci sono altre eventuali disfunzioni??
Premetto che circa un'anno fa mi sottomisi ad una visita urologica di controllo,lo specialista non mi segnalò problemi particolari se non una possibile varicocele che avrebbe potuto portare infertilità.
Ammetto che per mia colpevole negligenza non ho ancora approfondito la questione con altre analisi come richiesto,ma la varicocele può essere collegata alla disfunzione nell'eiaculazione da me segnalata???
Non risontro altri sintomi,anche per questo fino ad ora non mi sono mosso molto per chiarire la cosa.

Attendo con ansia una risposta.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la forza della spinta eiaculatoria in alcun modo può determinare una ipofertilità.Il varicocele, peraltro molto diffuso nei maschi (fertili ed infertili),merita un approfondimento con uno spermiogramma ed un ecocolordoppler (come certamente Le sarà stato consigliato).Riprenda il percorso interrotto con serena fiducia,diffidando dai si dice che troppo spesso infestano i blog...Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 130XXX

Grazie Dr. Izzo,seguirò senz'altro il suo consiglio.
L'unico "dubbio" se così vogliamo definirlo resta proprio la spinta eiaculatoria....è una caratteristica che devo rassegnarmi ad avere per sempre?può avere origini spedifiche?Premetto che non mi sembra di accusare altri sintomi,c'è qualcosa che dovrei notare più nello specifico?Non è quindi collegabile al varicocele?

La ringrazio ancora

un saluto

[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il varicocele non c'entra nulla.Il dato relativo alla pressione eiaculatoria,a quanto sembra,primitiva,é soggettivo e,quindi,molto problematico da interpretare da questa postazione mediatica.Esegua uno spermiogramma,un'ecografia prostatica e delle vie seminali,nonché scrotale,e,se ritiene,ci aggiorni in merito.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#4] dopo  
Utente 130XXX

Egr.Dott Izzo,
ho eseguito l'ecocolordopler dei vasi spermatici come da lei consigliato.Dal quale è emerso il seguente referto:

"Lo studio eseguito con sonda lineare documenta la presenza di modica distensione della tunica vaginale bilateralmente.
Presenza di varicocele a sinistra di I-II grado con evidenza di reflusso durante ponzamento in ortostatismo non associato a significativi incrementi del calibro vasale del plesso pampinforme.Il quadro appare meritevole di correlazione con spermiogramma ed intervento endovascolare di varicocele."

Alla mia perplessità in merito alla pressione eiaculatoria il medico ha eseguito anche un controllo ecografico della prostata (anche se a vescica vuota) non riscontrando anomalie.

Mi ha riferito che il varicocele che ho non è particolarmente significativo ed inoltre mi ha illustrato i vantaggi di una correzione tramite procedura endovascolare.

Per la pressione eiaculatoria mi ha consigliato di consultare un andrologo.

Volevo la sua opinione su quanto esposto ed anche sulla vicenda che mi ha portato alla scoperta del varicocele.

In effetti la visita urologica iniziale fu determintata da una difficoltà nel mantenere una soddisfacente erezione durante un rapporto che imputai si a ragioni psicologiche ma che mi spinse comunque ad una visita di controllo.Lo specialista (oltre a diagnosticarmi il varicocele) sostanzialmente confermò la mia ipotesi e per tranquillizzarmi mi prescrisse il Cialis.

Nei successivi,intermittenti rapporti,con la mia partner le cose sono andate egregiamente (penso che il Cialis abbia reso inifluente il "problema" psicologico).
Ora però è passato un pò di tempo di "inattività" e sinceramente ho un pò di timore,volevo sapere da Lei se esiste una correlazione tra tutti questi eventi.Fermo restano che consulterò comunque quanto prima un andrologo mi interessa molto la sua opinione.Chiedo scusa se la mia descrizione dovesse risultare poco chiara.
Un saluto ed un rigraziamento.



[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...personalmente non riterrei opportuno operare (o sclerosare) un varicocele di I-II grado e lascerei ad un andrologo la decisione finale,considerando anche i parametri espressi dallo spermiogramma e i riscontri della visita specialistica.E' corretta la valutazione dello effetto favorevole del tadalafil in contrasto all'ansia da prestazione.Allo stesso modo,se si sente insicuro per la troppa astinenza,si "armi" adeguatamente,almeno per le prime volte e vedrà che,in breve tempo,supererà l'eventuale difficoltà (capisco che uno psicosessuologo mi aggredirebbe ma,qualche volta bisogna anche volare basso).Non vedo correlazione tra le varie sintomatologie riferite.Mi aggiorni,se ritiene,dopo la visita andrologica ove Le consiglio di recarsi spogliandosi di tutte le convinzioni maturate,per rendere più "pesante" il giudizio del collega che avrà il privilegio di visitarLa.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it