Utente 146XXX
salve. vorrei avere delle delucidazioni su un tipo di intervento che a breve dovrò sottopormi. consiste nel correggere un difetto cutaneo del pene causato da un'intervento sbagliato eseguito in modo incompetente dove ho perso buona parte della pelle dell'asta compreso il prepuzio. sono rimasti pressapoco qualche centimetro di pelle partendo dalla base, dovendomi sottoporre ad un'intervento per rendere una situazione di circoncisione. con il tempo si è adattato a suo modo anche con l'utilizzo del vocoom che ha disteso un pò la pelle compresa quella dello scroto. ma la pelle è rimasta cmq corta. si dovrebbe aggiungere la pelle utilizzando la pelle dello scroto e se non sbaglio si chiama srotlizzazione ma non ne sono sicuro. e vorrei sapere più o meno in cosa consiste e se gli esiti estetici e funzionali sono accettabili grazie in anticipo della risposta

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la descrizione che ci offre non è chiara al punto da poter dare un giudizio che possa,in qualche maniera,criticare,in senso clinico,l'operato del chirurgo operatore.Segua pedissequamente i consigli dello specialista di riferimento.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile giovanotto,
in base alla sua sommaria descrizione non è purtroppo possibile comprendere quasi nulla della situazione e dei motivi che l'hanno causata. D'altro canto, solo la visita diretta può fornire gli elementi indispensabili per un giudizio. In termini molto generali, le posso dire che la pelle dello scroto è molto elastica e per la sua sovrabbondanza ben si presta alla realizzazione di lembi di rotazione e scorrimento per il confezionamento di una ricostruzione dei tegumenti del pene. Ovviamente, si tratta di interventi, seppure minimamente invasivi, molto delicati dal punto di vista tecnico, che devono essere eseguiti da specialisti urologi o chirurghi plastici con comprovata esperienza specifica in questo tipo di chirugia genitale. Solo in questo caso si può presumere che gli esiti estetici e, soprattutto, funzionali possano essere soddisfacenti.

Saluti

Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#3] dopo  
Utente 146XXX

vi ringrazio per le vostre risposte. in quanto detto dal dottor Piana potrei abbastanza confermare che il dottore che mi stà seguendo ha un ottima esperienza in questo campo avendo un esperienza trentennale e avendo studiato e lavorato nelle strutture più importanti a livelo mondiale. dico abbastanza perchè finora non ho avuto belle esperianze a livello chirurgico quindi metto sempre le mani avanti nonostante la fiducia che ho per questo dottore. non sò se sia il caso di riportare il nome ma dico solo che opera all'ospedale di pisa ed è a capo dell'equipe per gli interventi androginoide. capisco che la mia descrizione sia un pò troppo generica ma anche se fossi più dettagliato immagino che avrei bisogno comunque di una visita dal vivo per una possibile informazione sul da farsi. più che altro ero in cerca di un qualcosa di più generico in base alle casistiche a vostra conoscenza sapendo di non essere un caso comune come una fimosi o un'incurvamento del pene.... posso dire che qualche anno fà mi sono sottoposto a falloplastica di ingrandimento con l'inserimento di grasso prelevato dal mio corpo sotto la pelle del pene. non contento dei risultati ho voluto tornare come ero prima quindi togliendo il grasso chirurgicamente ed è qui che sono insorte le complicanze con la necrosi della cute partendo dal prepuzio fino a buona parte della pelle dell'asta .la pelle quindi partendo dalla base è rimasta corta con tutti i problemi funzionali ed estetici che comporta. è più di 2 anni che vivo stà situazione e la cosa mi stà logorando ,vedo nell'intervento la soluzione per vivere finalmente con più serenità ma non avendo esempi davanti non sò più come pensarla anche se il dottore che mi segue è molto ottimista.

[#4]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile giovanotto,
certamente si tova in ottime mani, i Colleghi che si occupano della chirurgia di riassegnazione di genere sono senza dubbio fra i più dotati tecnicamente per questo tipo di chirurgia. Mi spiace molto per lei per gli esiti sfavorevoli della precedente fallo-plastica. Questo non fa che rafforzare la mia opinione che le indicazioni a questo tipo di interventi di mero significato estetico sui genitali debbano essere ponderate con la massima attenzione e discusse in modo completo ed appprofondito con il paziente che ne fa richiesta.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
...si allontani dal web e segua le indicazioni di chi la avrà rioperata.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#6] dopo  
Utente 146XXX

sicuramente sono interventi che fanno più bene a chi li eseguono che a chi si sottopone dato che si fanno pagare fior di quatrini minimizzando i rischi e i possibili effetti collaterali dell'intervento. purtroppo sono stato sfortunato anche per chi ha voluto rimediare chiedendo sempre un sacco di soldi e poi avendo visto le effettive complicanze se ne è completamente fregato e ridendoci sopra mi ha mandato a casa, dicendomi che andava tutto bene con uno stato di infezione evidente da essermi dovuto il giorno dopo ricoverare per diversi giorni all'ospedale di chirurgia plastica per una terapia antibiotica e docce per levare la pelle necrotica. sicuramente pur di evitare certi elementi sarebbe indispensabile allontanarsi dal web. per fortuna ci sono anche persone che sanno fare il proprio lavoro al di là del guadagno che possono ricavarci e guarda caso di solito non si fanno così tanta pubblicità forse perchè non ne hanno bisogno.

[#7]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
...il web,purtroppo,può favorire tali evenienze.Per questo,se ne allontani.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#8]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

lei è il classico esempio del paziente che si rivolge al "grande professore" per risolvere problemi estetici o funzionali senza passare attraverso la mediazione del "normale" andrologo che possa consigliare o sconsigliare speranze ed attese sproporzionate con il rischio di spendere un sacco di soldi ( i 2-3 personaggi del genere sono ben noti al mondo andrologico) , di avere grandi delusioni emotive e danni spesso non facilmente riparabili.
cerchi di affidarsi ad un andrologo 2normale2 serio
Cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#9] dopo  
Utente 146XXX

quando si è giovani e hai un "problema" che ti affligge praticamente da sempre è facile cadere in certe trappole che poi non ne vieni più fuori come nel mio caso. se tornassi indietro magari non farei gli errori che ho fatto e anzichè di spendere migliaia di euro per stì interventi avrei fatto chissà quanti viaggi(come mi disse un dottore dopo aver visto i danni che mi hanno fatto). ho perso soldi guadagnati su ore e ore di lavoro, anni e occasioni per ritrovarmi ad aspettare ancora un'ulteriore intervento.
dottor. Pozza avrò l'intervento a pisa per correggere il diffetto da un dottore che non reputo un normale andrologo ma si occupa di chirurgia ricostruttiva peniena mi ha già operato una volta e stò aspettando il prossimo intervento che forse sarà diviso in due parti, quindi lei mi sconsiglia in un certo senso di continuare questa strada?