Utente 309XXX
salve sono sempre io ho gia chiesto delle cose a proposito dello stent ureterale,chiedo scusa
riassumo brevemente:
mi han inserito il 13 giugno uno stenr in seguito a giuntopatia sx
data per la rimozione il 23 luglio
1 domanda riguarda lo stent: è possibile rimuoverlo prima? ho sentito di altre patologie certo...però comunque lo stent è stato tenuto meno dei miei 40 giorni
premetto che dalla scintigrafia i reni funzionano 48% e 52% cioe normalissimi
2 domanda riguarda il catetre normale invece: gia avevo chiesto questa cosa ma mi ero espresso male
quand mi han messo il catetre NORMALE mi hanno piegato un po la pelle del pene forse perchè sono nato con piu pelle sulla punta
comunque sia ad oggi sul lato del pene c'è il segno dove è stato piegato e si è formato una specie di piccolo solco;inoltre essendo la pellle diciamo "modificata" dalla sua normale sede e condizione normale non riesco a scoprire bene il glande nel senso che prima del intervento tiravo giu la pelle e il glande si scopriva bene
ora invece inanzitutto devo andare piu giu per scoprirlo nel senso se prima scoprivo il glande a 2 dita di distanza dal linguine (un esempio) ora lo scopro a 1,penso sicuramente centri il fatto che la pelle sia piegata
seconda cosa prima la pelle andava correttamente sotto il glande ,ora arriva al estremita bassa e sembra attaccato cioe spiego meglio: prima non solo scoprivo il glande ma andavo anche piu giu di cosi ora non riesco neanche a far scivolare la pelle sotto al glande sembra quasi incollata.
al ospedale mi han pulito il glande con qualcosa 1 volta ma non so se centra
mi dite che devo fare per riavere un pene normale?
sarebbe il colmo fare un intervento per risolvere un problema e trovarsene un altro piu imbarazzante tra l'altro..dato che il pene sembra piu piccolo in quanto devo andar piu giu..
attendo una risposta grazie mille :)

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
le raccomandiamo di NON aprire mai un nuovo consulto riguardante la stessa situazione, ma di proseguire SEMPRE con la serie precedente di quesiti e risposte. Questo per facilitare la comprensione del caso.
Il tempo per il quale lo stent viene mantenuto dipende dal tipo di intervento eseguito e dalla situazione locale, che ovviamente può essere giudicato solo dal chirurgo operatore. E' vero che tendenzialmente si cerca di lasciarlo il meno possibile, considerati i fastidi che può causare, ma noi non possiamo certo giudicare da qui, tra l'altro non sapendo neanche con quale tecnica lei sia stato operato.
Per il retso, nonostante tutto il suo impegno per descriverci le sue preoccupazioni genitali, è impossibile per noi comprendere a distanza quale sia la reale situazione. Se qualcosa davvero la infastidisce non ha che da farsi visitare dai suoi specialisti di riferimento.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 309XXX

ok grazie mille pensavo che se avessi scritto li poi non mi avrebbe piu risposto
si in pratica la pelle che ricopre il glande è piegata :(
domani vado a farmi vedere dal medico di base

[#3] dopo  
Utente 309XXX

lo stent puo provocare frequenti necessita di andare di corpo( intendo i rifiuti insomma..) ?
perchè da quand ho lo stent che vado almeno 4/5 volte al giorno di corpo,puo coincidere?

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
lo stent ureterale non può influire sulla funzione intestinale. Il fatto che il suo intestino si comporti così in questo periodo è molto probabilmente dovuto agli antibiotici che lei ha probabilmente preso recentemente. Parli anche di questo con il suo medico curante, che probabilmente le consiglierà qualche supporto, tipo fermenti lattici, probiotici, eccetera.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 309XXX

le chiedo ancora una cosa scusi se l'assissilo ma mi trovo nell impossibilità di visitare un urologo
ho dolori non tanto forti ma abbastanza continui ogni tnt vicino al rene operato e nel linguine sopra il pene; quest ultimo dolore è abbastanza costante e certe volte durante il dolore sento come se dovessi urinare ma anche se ho appena fatto pipi e comunque il dolore non passa

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
riveda il nostro contributo del 20/6.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 309XXX

fatto..non ho male al fianco..ho male al linguine sopra il pene.....
la presenza dello stent (ovvero doppio j) porta costantemente qualche fastidio, percepito in modo molto diverso da soggetto a soggetto. Anche se molto morbido, è pur sempre un corpo estraneo. Il fastidio più comune è la presenza di un più accentuato stimo ad urinare, accompagnato dalla comparsa di dolore al fianco durante la minzione. Inoltre le urine si possono presentare più o meno "colorate" Cit.

[#8] dopo  
Utente 309XXX

oggi sono andato dal dentista
dopo di che sangue vivo nelle urine pure sangue molto rosso,ora sono davvero spaventato
le urine non sono MAI state cosi e il sangue vero lo si riconosce..che devo fare??

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
il sangue nelle urine è come il vino nell'acqua, ne basta veramente poco per virare decisamente il colore. Non possiamo dunque credere che si tratti di qualcosa di serio. Stia sereno, non morirà certo dissanguato!

Cordiali salipitio
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 309XXX

hahahah si si solo mi sono allarmato perchè era solo e soltanto sangue ..davvero!!!!
è passato tutto per fortuna
:)

[#11] dopo  
Utente 309XXX

ma alcolici ne posso bere o dato che mi sn operato al rene non pox?

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Può bere, ma solo alla nostra salute.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 309XXX

che significa?

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Una volta ogni sette anni ci è permesso di scherzare ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#15] dopo  
Utente 309XXX

hhaha ma non era un accusa non ho solo capito ahha si figuri :)
ho una domanda magari scema
la masturbazione il sesso..l'orgasmo puo aver affaticato l'uretra del rene che aveva la giuntopatia? voglio saperlo
xk dalla scintigrafia era emerso che a sx era acuta e a destra modesta
secondo il mio dottore perchè siccome il sx non funzionava ha sforzato il destro però per sicurezza vorrei sapere se influisce

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
la giuntopatia, o "sindrome giuntale", o "difetto al giunto" ... e molte altre definizioni ... è la più classica e frequente delle malformazioni dell'apparato urinario. Non vi sono fattori esterni in grado di influenzarne l'evoluzione in alcun modo. Le modalità di presentazione e l'eventuale evoluzione sono estremamente variabili, a partire da casi gravissimi che impongono l'esecuzione di un intervento nei primi giorni di vita, per finire a casi lievi, scoperti perlopiù occasionalmente, nei quali non vi è alcuna indicazione operativa.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#17] dopo  
Utente 309XXX

fare delle flessioni è uno sforzo importante per il doppio j?
dolori non ne ho piu e sangue non ne esce

[#18] dopo  
Utente 309XXX

dopo aver rimosso lo stent dopo quanti giorni pox tornare a giocare a calcio?

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per adesso niente ginnastica. Dopo aver rimosso lo stent farà poi quello che si sente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 309XXX

oggi ho urinato solo sangue quasi nero..nonostante abbia bevuto due litri di acqua abbondanti..non è una farsa..è solo sangue!! rossissimo...
non è la goccia che colora l'urina
è tutto il giorno che appunto ripeto urino solo e sempre sangue rosso vivo ...anche un po nero

[#21] dopo  
Utente 309XXX

ma dopo aver rimosso lo stent..il giorno stesso o il giorno dopo pox tornare a fare tutti gli sforzi fisici possibili o avrò ancora sangue e dolori?

[#22] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
già dalle prime ore dopo la rimozione dello stent tenderanno a sparire tutti i fastidi connessi alla sua presenza, dal senso di peso, alla frequenza nell'urinare, alle tracce di sangue nelle urine. Le consigliamo comunque di riprendere le sue attività gradualmente e con cautela.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente 309XXX

le spiego perchè di questa domanda:
in pratica da gennaio ad oggi ho avuto alcuni problemi che sono:alopecia e appunto l'intervento...
non sono uscito molto come puo ben capire
xcio per l'appunto rimosso lo stent uno due giorni vorrei e penso che farò cosi riprendere a fare sport a pieno ritmo calcio,bicicletta,corsa,palestra
che dolori devo aspettarmi se riprendo in fretta l'attività? sangue o altro?
cerchi di capire dopo 6 7 mesi dentro casa e per di piu ora 40 senza poter fare quasi niente...uno si deprime un po :(

[#24] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
che la fretta sia cattiva consigliera lo dice anche un proverbio ... Crediamo che ogni altra considerazione sarebbe superflua.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#25] dopo  
Utente 309XXX

bho io ho provato diciamo a fare un po di attività sforzi e dolore non ne ho per quello chiedo...devo sperare di essere uno di quei casi dove il paziente si riprende in fretta, per quanto riguarda la rimozione dello stent mi han detto che fanno uscire il filo tirandolo dal pene...ma è doloroso?

[#26] dopo  
Utente 309XXX

una domanda: è mesi che quando faccio pipi urino ...uno si asciuga e finisce li..invece a me no mi spiego meglio: è come se parte del urina rimanesse bloccata nel pene e non scende ....se io non premo con le mani questa urina rimane li...una volta che mi siede o piego diciamo le gambe mi esce tutta l'urina ferma che cera...è sempre la giuntopatia'? possibile che non sia guarita?
oppure puo essere che l'uretra si sia ristretta sia nella sede del rene e nel pene? è possibile diciamo una doppia giuntopatia? è circa un anno che va cosi e non è cambiato niente
non era cosi una volta...poi magari è normale-aspetto notizie

[#27] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
se il suo stent è collegato ai fili tramite il suo estremo contenuto in vescica e questi fili fuoriescono dall'uretra, l'estrazione è banale e può essere effettuata in qualsiasi situazione, anche ambulatoriale. Se i fili non si vedono, si trovano probabilmente all'interno delll'ultimo tratto dell'uretra, dalla quale possono essere recuperati velocemente e senza particolare fastidio con un sottile strumento endoscopico. Questi dettagli sono ovviamente conosciuti da chi ha eseguito l'intervento e dovrebbero essere annotati sulla descrizione dello stesso.
Proprio per la presenza di questi impacci residui, non è questo il momento per giudicare la qualità dell'urinare. Dopo la rimozione dello stent si potrà fare eventualmente il punto della situazione anche su questo aspetto. Ovviamente la "giuntopatia" non ha nulla a che vedere con le basse vie urinarie.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#28] dopo  
Utente 309XXX

sisi mi han detto che ci va pochissimo ed è un day hospital
va bene grazie mille in tutte queste settimane è stato gentilissimo e paziente

[#29] dopo  
Utente 309XXX

oggi ho rimosso lo stent
vorrei sapere quanto durera' il dolore?
ho dolore soprattutto quando provo a urinare
lo stesso tipo di dolore l'ho provato quando mi hanno inserito il cavo all'interno del pene
è come se ce l'avessi ancora ora
infatti quando ho provato a urinare volevo piangere dal dolore ""
sembra
che ci sia una lama qualcosa dentro che taglia

[#30] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
a poche ore di distanza dalla rimozione è ovvio vi possa essere quache fastizio, legato al passaggio di strumenti, eccetera. Tutto questo tenderà ad attenuarsi gradualmente già nelle prossime ore, poi ancora nei prossimi 2-3 giorni. Le può essere utile qualsiasi antidolorifico generico e beva molta acqua, ovviamente.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#31] dopo  
Utente 309XXX

oggi 2 giorno dopo la rimozione è possibile riprendere una normale masturbazione...atto sessuale..?

[#32] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
a questa precisa domanda può solo rispondere in modo appropriato il nostro Collega che l'ha sottoposta all'intervento.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#33] dopo  
Utente 309XXX

mi han detto che dp 2 3 giorni potevo fr sport e tutti gli sforzi vari

[#34] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
se conosce già la risposta, allora, perché mai ci ripete la domanda? Le auguriamo una buona e movimentata prosecuzione della convalescenza ...

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#35] dopo  
Utente 309XXX

perchè è meglio aver piu pareri poi lei essendo un bravo e gentile medico ho piena fiducia
salve

[#36] dopo  
Utente 309XXX

mi scusi mi tocca disturbarla di nuovo mi perdoni e abbi pazienza
ho un dolore da ieri pomeriggio al fianco e grumi di sangue nelle urine
urine che ogni tnt fanno schiuma e sembrano strane

[#37] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
non può più di tanto stupire che vi possa essere ancora un minimo sanguinamento residuo dalla zona operata e che si formi qualche piccolo coagulo in grado di causare dolore impegnando l'uretere. Se il dolore non si risolve entro 12-24 ore magari assumendo qualche antidolorifico generico (non ASA però, ovvero non Toradol, Lixidol, Voltaren, eccetera), sarà opportuno che faccia rferimento ai nostri Colleghi che l'hanno operata.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#38] dopo  
Utente 309XXX

salve il dolore per fortuna si è risolto ma sento la necessità di urinare ogni 30 max 60 minuti ho sempre lo stimolo come se fosse ore che non urino puo' essere cistite o sempre dovuto al dolore degli altri giorni? neanche con lo stent mi sentivo cosi...solo quando me l'han messo i primi giorni

[#39] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
diremmo che ve ne sia più che abbastanza per farsi vivi con i nostri Colleghi che l'hanno in cura. Da questa parte dello schermo, non si può purtroppo capire nè dire molto di più.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#40] dopo  
Utente 309XXX

grazie mille tutto risolto..le auguro una buona vacanza e mi stia bene :)

[#41] dopo  
Utente 309XXX

anche se non centra per non aprire un nuovo consulto da tempo ho il glande secco e metto ogni tnt gentalyn crema xò ogni tanto migliora altre volte è proprio sesso screpolato? devo metterlo tutti i giorni?
penso che la masturbazione possa influire con lo strofinamento dato che ho un po' di pelle in piu
lei che ne pensa??

[#42] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
in assenza di chiari segni di infezione, l'applicazione locale di una crema antibiotica le fa certamente molto più male che bene. Rifugga sempre da maldestri tentativi di terapia "fai-da-te" che spesso complicano solo la situazione e ne ritardano la risloluzione. Questa manifestazione di secchezza della pelle del glande è più spesso legata all'uso sconsiderato di detergenti intimi troppo aggressivi. Per un'igine locale non oossessiva, utilizzi acqua e detergente neutro, ovvero quello per i neonati.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#43] dopo  
Utente 309XXX

salve, se io volessi utilizzare delle proteine, dato che faccio palestra, dopo l'intervento che ho ftt al rene, di giuntopatia potrebbero esserci complicazioni? dopo le varie scintigrafie risulta tt ok e tt funzionante, la situazione nn è mutata tantissimo da prima dall intervento ma sto bn ed è tt ok, secondo lei?

[#44] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
l'assunzione di questi prodotti è sempre molto discutibile dal punto di vista medico, poiché l'efficacia è molto dubbia a fronte dei possibili effetti collaterali, soprattutto dovuti alla mancanza di sicurezza di quanto veramente si assume, in assenza di efficaci controlli. Realisticamente, non si può comunque affermare che un aumento del carico di proteine ed aminoacidi debba essere più nocivo per lei rispetto ad altri casi. Sarebbe auspicabile che questo non fosse però lasciato ad un potenzialmente pericoloso "fai da te", ma subentrasse il parere di un nutrizionista.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#45] dopo  
Utente 309XXX

però in linea teorica assumendo le dosi di 20 grammi ogni 5 ore o anche al giorno , perchè se nn erro il corpo ogni 5 ore puo riceverne 30g, comunque con un dosaggio inferiore, in linea teorica non ci sarebbero problemi no?

[#46] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
se lei pensa di poter trarre reale vantaggio da tutto ciò, faccia pure. Entro certi limiti, il suo essere stato sottoposto ad un intervento renale non modifica il rischio.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#47] dopo  
Utente 309XXX

Grazie mille :)

[#48] dopo  
Utente 309XXX

ho sentito dire che le proteine fanno male a coloro i cui reni nn funzionano bene, io seppur dopo una giuntopatia la funzionalità è normale, quindi funzionano bene giusto?

[#49] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
una dieta relativamente povera di proteine, soprattutto di origine animale, viene consigliata nei casi di evidente insufficienza renale. Questo non è evidentemente il suo caso, pertanto stia sereno.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#50] dopo  
Utente 309XXX

salve io continuo a avere infezioni...4 in 6 mesi..4 diverse ora l'ultimo è citrobacter freundii...come mai continuo ad avere infezioni? da quando ho ftt giuntopatia...sono sempre stato soggetto...cosa posso fare?= sn stufo,.

[#51] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
la presenza di batteri sempre diversi fa sospettare che vi siano dei problemi nella raccolta del campione, le raccomandiamo di seguire attentamente le indicazioni per la raccolta delle urine. Tutto deve essere fatto con grande attenzione. Ci chiediamo anche quale sia la sua attuale funzione intestinale. Se non vi sono nè febbre nè sintomi particolari è perlopiù controproducente insistere con gli antibiotici, alla vana caccia della negativizzazione della coltura.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#52] dopo  
Utente 309XXX

secondo il mio dottore è presente un ristagno di urina, lei cosa ne pensa? mi ha prescritto un ecografia
Per funzione intestinale cosa intende?
febbre ora non ne ho ne bruciore nelle urine di solito
sarà la 5 o 6 infenzione batterica da ottobre/novembre
batteri sempre diversi
non puo' essere stato il doppio j?

[#53] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
un controllo ecografico è ovviamente doveroso. Lo stent può facilitare teoricamente le infezioni mentre è inserito. In un ragazzo della sua età è difficile immaginare che vi siano altre cause particolari, anche se sarebbe necessario valutare con molta attenzione. Ancora una volta, le chiediamo se il suo intestino funzioni regolarmente, poiché questo è di gran lunga il fattore predisponente più comune alle infezioni urinarie.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#54] dopo  
Utente 309XXX

In che modo posso capire se funziona o no regolarmente? nel senso che sintomi mostra un intestino che nn funziona bene e che quindi provocherebbe infezioni?

in passato ho avuto colite da stress e a volte ho mal di stomaco qnd sn stressato anche improvviso , gastrite e poi coliche renali risolve cn l'intervento...che comunque causavano mal di stomaco...altro nn ho nnt apparte meteorismo..sopr con il latte...mi dica lei, sn davvero stanco di tutto cio'

[#55] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
pare banale evidenziare che una cattiva funzione intestinale è caratterizzata da irregolarità nell'evacuazione, con stitichezza perdurante oppure alternata ad episodi di diarrea, meteorismo, eccetera. Queste situazioni sono sempre accompagnate da alterazioni della normale flora batterica intestinale, che non manca mai di ripercuotersi sulle vie urinarie.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#56] dopo  
Utente 309XXX

ok, non sono di certo un medico ma tutto cio l'avevo anche prima di operarmi e di avere le prime infezioni, prima del intervento se fosse stato quello, dato che i sintomi sono li stessi, anzi ora va molto meglio, avrei avuto infezioni anche prima invece niente...

[#57] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
non deve stupire che la fase dell'intervento, tra l'ospedalizzazione, il relativo trauma chirurgico e (soprattutto) la somministrazione di antibiotici possa avere alterato una condizione presumibilmente già in equilibrio instabile. Da qui, la necessità di valutare la situazione anche dal punto di vista gastro-enterologico.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#58] dopo  
Utente 309XXX

e cosa dovrei dire al mio medico?
tutti i medici che mi hanno visto, tra cui quelli del san luigi gonzaga ribadiscono che è dovuto al doppio j e prima o poi si stabilirà, come posso farli arrivare a la sua conclusione senza offenderli nel senso fare il loro mestiere?

[#59] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
ovviamente non è lo stent ad essere "infetto", ma nel periodo in cui resta inserito realizza una facile via di passaggio per i batteri in entrambi i sensi. Dando per scontato che tutte le manovre siano avvenute rispettando la massima sterilità (ci mancherebbe!), la contaminazione non può essere che successiva e dipendere da quella miniera di batteri che tutti ci portiamo appresso e che si chiama grosso intestino. Pensiamo dunque che per lei in questo momento sia prioritario cercare di avere una fuzione intestinale la più regolare possibile e reintergrare la flora batterica ricorrendo generosamente a yoghurt, fermenti lattici e probiotici. In assenza di febbre, il ricorso ad altri antibiotici dovrà essere giudicato con molta cautela.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#60] dopo  
Utente 309XXX

salve, mangio tutti i giorni yougurt e altre cose che contengono fermenti lattici quindi non saprei, proverò a prenderne un po' di piu.
le scrivo inoltre per chiederle una cosa; non so se sono nell "indirizzo" giusto ma essendo che è ho un dolore nella stessa posizione del rene e non sapendo se sia lo stesso a farmi male...
brevemente è tre giorni che ho un dolore al fianco sinistro, ma non costante,ed è abb leggero,xò se mi piego sullo stesso fianco mi da fastidio, per il resto diciamo che è un dolorino xò abb presente comunque.
Mi domando se sia il rene o se sia dovuto alla palestra e qualche esercizio addominale sbagliato( ho fatto palestra 3 gg fa)
COlite non è perchè l'ho avuta un anno fa e il dolore è molto diverso

[#61] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
in questo caso, la descrizione dei sintomi senza la possibilità di una visita diretta impedisce di formulare qualsiasi tipo di giudizio. Ne parli in primo luogo con il suo medico curante.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#62] dopo  
Utente 309XXX

ora ho anche un po male dietro.
ho letto che serie di antibiotici prolungate possono far venire la colite, in effetti sono 3 giorni che defeco a fatica oppure come ieri od oggi in certi momenti della giornata defeco abb.
Detto questo ho finito da pochi giorni la cura di ciprofloxacina, 3 scatole, puo essere dunque quello?