Utente 759XXX
Buongiorno, in attesa di parlare con la mia ginecologa, vorrei sottoporre anche ad un urologo il mio problema per un consiglio: negli ultimi tempi ogni volta che ho un rapporto sessuale (sempre con uso del preservativo) pochi giorni dopo mi viene la cistite. In passato si era già presentato questo problema ma episodicamente, ma dalla scorsa estate è diventato più frequente. L'autunno scorso ho fatto esami delle urine + urinocultura + cistoscopia (tutto negativo), nel frattempo non ho più avuto rapporti sessuali completi regolari, soprattutto per la paura di stare male. Ho dato la "colpa" un po' anche a un fattore psicologico: il rapporto che avevo lo scorso autunno era in crisi e gli ultimi 2 rapporti avuti con questa persona (dicembre e febbraio) sono stati seguiti da una cistite (curata con monuril). Da allora non si sono più presentati episodi di cistiti e non ho avuto più rapporti sessuali completi fino a domenica (mentalmente ero serena e tranquilla), e 2 giorni dopo, mi è tornata la cistite (che sto curando con monuril e uticran). Vorrei sapere la reale relazione tra le 2 cose, e, soprattutto come poter far fronte a questo problema che inizia seriamente a pesare sulla mia vita privata.
Grazie

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice ,
potrebbe trattarsi di un problema a più cause : meccanica da rapporto, infiammatoria , psicologica, ecc, ecc.
Per ben capire tutta la sua situazione clinica potrebbe essere utile consultare in diretta, oltre al ginecologo, anche un esperto urologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 759XXX

Buon giorno dottore,
innanzi tutto grazie per la solerte risposta: ho già contattato telefonicamente la mia ginecologa e siamo d'accordo di vederci al rientro delle ferie (fine agosto) ed era comunque mia intenzione, dopo aver parlato con lei, fissare anche un appuntamento da un urologo.
Vorrei però approfittare della sua gentilezza per chiderle un consiglio sui comportamenti da tenere per evitare recidive durante queste settimane: oltre una dieta ricca d'acqua e la terapia con l'uticran avrebbe altre informazioni utili da darmi? (tenga presente che, per disposizioni del gastroenterlogo, posso mangiare 1 solo frutto al giorno, pochissima verdura e niente legumi causa possibile colon irritato) inoltre ritiene sia necessario evitare completamente rapporti sessuali fin quando non avrò un'idea più precisa della mia situazione clinica?
Nel ringraziarla nuovamente, le porgo i miei saluti

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
cara lettrice,
concordo anch'io con le considerazioni cliniche della sua ginecologa Detto ciò le ricordo che in queste "problematiche urologiche" possono essere utili queste indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale. per quanto riguarda la sua vita sessuale è bene non interomperla ma deve essere regolare , protetta, ben "lubrificata" e non particolarmente "vivace" poi bisogna limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca , formaggi stagionati, ecc, ecc . Lo stesso vale per le bevande come il caffè, il tè, le bibite gasate od alcooliche. Altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consiglati almeno 1-2 litri di liquidi smettendo però di bere almeno due-tre ore prima di andare a letto. Combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre se possibile e praticare una regolare attività fisica. Spegnere la sigaretta perchè la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica. Tenere d'occhio la bilancia, spesso perdere peso migliora il quadro clinico. Infatti il grasso accumulato sul giro vita può aumentare la "pressione" sulle vie uro-genitali e peggiorare i sintomi. Infine ultimo consiglio ma non meno importante è quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista che la sta seguendo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com