Utente 370XXX
Gent.mi dottori, mi è stato riscontrato ureaplasma da un tampone cervico-vaginale effettuato in seguito a sintomi specifici, a seguito di ciò mi è stata prescritta una terapia con bassado e meclon pvuli.
Vorrei sapere se anche il mio partner deve essere trattato, se deve fare degli esami colturali prima di un'eventuale somministrazione dell'antibiotico (è un farmaco molto pesante e soffriamo entrambi di gastrite!), la mia ginecologa ha detto che la terapia va effettuata da parte di entrambi i partners cpntemporaneamente, ma non ha richiesto per lui eventuali indagini strumentali o di laboratorio (mi ha solo accennato di un eventuale tampone con massaggio prostatico dopo mia richiesta).
Avete qualche consiglio da darmi per capire se effettivamente c'è la necessità della terapia anche per lui in assenza di sintomi?
Ci sono degli accorgimenti per quanto riguarda i rapporti sessuali (compresi i preliminari) nel periodo della terapia? Qualora il partner non si curasse, cosa potrebbe accadere?
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
se il suo partner non accusa alcun disturbo ed è consueto a soffrire di effetti collaterali da farmaci, diremmo che la scelta più saggia sia quella di limitarsi all'uso del preservativo fino a quando lei avrà ripetuto il tampone cervicale e questo sarà risultato negativo. Se il partner avesse manifestato dei disturbi urinari o genitali anche minimi o transitori, sarebbe il caso di farsi valutare da un nostro Collega specialista in urologia. La somministraziine contemporanea di antibiotici è una assai fondata abitudine empirica che merita però di essere adattata con ragionevolezza alle situazioni specifiche.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 370XXX

Ah ok. Benissimo. Deve effettuare dei tamponi? Se si dopo quanto tempo? L'ultimo rapporto l'abbiamo avuto sabato

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Un paio di settimane dopo la fine della cura.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 370XXX

E lui invece? Dopo quanto tempo dal rapporto deve fare un eventuale tampone e di che tipo? Quali sono le indicazioni al tampone per lui?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come abbiamo cercato di spiegarle, se "lui" non accusa disturbi non deve fare alcun accertamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 370XXX

Dal tampone risulta che il batterio è sensibile anche a Klacid e azitromicina, che sono cure un pò meno forti del bassado.
che ne pensa della loro efficacia?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La doxiciclina (Bassado) è un "vecchio" antibiotico di basso costo, utilizzato praticamente solo più nella terapia di clamidia e ureaplasma, dove ha ancora una buona efficacia e scarsi effetti collaterali per terapie brevi. Gli altri antibiotici che lei cita sono più "moderni" e costosi, l'efficacia teoricamente non dovrebbe essere diversa. L'antibiogramma in genere ci dice anche la graduatoria di efficacia degli antibotici, si può quindi scegliere in modo ragionato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing