Utente
Gentili Dottori,
Ho 24 anni e sono nuovo del forum; ringrazio anticipatamente chiunque vorrà aiutarmi. Purtroppo devo segnalare che questa notte, a distanza di soli due giorni e mezzo da un intervento di circoncisione per fimosi non serrata/parafimosi, ho subito un evento particolarmente preoccupante di cui non so valutare le conseguenze. Si è trattato di una violenta erezione che per poco non è sfociata in polluzione notturna involontaria, la quale mi ha svegliato non facendomi però provare particolare dolore. Alla stessa ha fatto seguito una breve ma intensa emorragia che ho provveduto a fermare con disinfettanti e nuovo bendaggio con garze pulite. Il problema è che noto un 'maltrattamento' della ferita e in particolare temo si sia staccato o scucito qualche punto (vedo infatti una porzione di filo penzolare sotto la corona). Gradirei quindi un parere in merito: se si è trattato di un reale distaccamento molto prematuro dei punti cosa può succedere? Una cattiva cicatrizzazione? Cosa potrei fare?
Grazie mille e scusate il disturbo.

[#1]  
Caro signore,
impossibile rispondferle compiutamente di qua, si faccia vedere e subito magari passando per il pronto soccorso dell' ospedale. Se e Ma e Forse non hanno senso.

[#2] dopo  
Utente
Salve, grazie per la gentile e veloce risposta.
Sono riuscito a contattare il mio urologo il quale mi ha fissato una visita speciale di controllo per domani mattina. Mi ha anche segnato degli ansiolitici da prendere questa notte per evitare ulteriori fenomeni simili. Dice che posso aspettare a domani o è molto rischioso? Grazie

[#3]  
va bene così. Oltre ansioliti usi borsa del ghiaccio.

[#4] dopo  
Utente
Salve Dottore,
Grazie ancora per la risposta, mi ha rassicurato molto.
Sì uso borsa ghiaccio sin dall'immediato post- operatorio.
Sono solo un po' spaventato dal prendere gli ansiolitici, non avendolo mai fatto.
Il mio urologo mi ha prescritto Valium 10 gocce ma non riesco a reperirlo.
Secondo lei posso sostituirlo con Lexotan 10 gocce sempre allo scopo di scoraggiare le erezioni notturne?
Grazie di nuovo

[#5]  
va bene quello che ha dato collega. dorme meglio.

[#6] dopo  
Utente
Ok grazie. Farò il possibile per reperirlo entro la serata.
Ultima domanda: se non riuscissi a trovare il Valium dice che dovrei lasciare perdere il Lexotan? Meglio nulla in caso? Grazie

[#7]  
faccia come dice collega.

[#8] dopo  
Utente
Va bene grazie ancora

[#9] dopo  
Utente
Salve,
Sono stato questa mattina in visita ed il Dottore ha confermato la regolarità della situazione e che le erezioni non hanno arrecato danni significativi. Notavo però da oggi pomeriggio il fatto che il glande stia assumendo un colore giallastro. Da cosa può dipendere? Sono al 4° giorno post-operazione e indosso ancora bendaggi e borsa ghiaccio.
Grazie

[#10]  
magari un po di siero, opure un v iraggio di colore visto che prendendo aria

[#11] dopo  
Utente
Salve Dottore,
grazie per la gentile risposta. Purtroppo però credo che la stessa sia stata troncata nella parte finale o comunque trasmessa erroneamente.
Come le dicevo noto che quasi tutto il glande abbia assunto questa colorazione giallastra, non ho assistito a fuoriuscita di siero o secrezioni. Il pene è ancora protetto da garze, oggi sono al 5° giorno.

[#12]  
il giallo non da problemi potrebbe essere siero seccatoi all' aria. Esdatto ho sbagliato coi tasti e troncato la risposta inviandone solo un pezzo.

[#13] dopo  
Utente
Va bene, la ringrazio per la gentile e veloce risposta.
Mi sento rassicurato, temevo potesse essere un'infezione o un'irritazione particolare magari correlata all'uso dei prodotti per la pulizia della zona utilizzati.
Quindi con edema e gonfiori ormai quasi scomparsi, constatando che il "giallore" del glande non sia nulla di pericoloso, ritiene che posso già togliere le garze e cominciare ad aumentare il contatto con aria e luce?
Sono indeciso se farlo sin da subito o se aspettare sia il rientro appunto di questo giallore, sia di terminare l'applicazione della gentalyn beta (il mio urologo me ne ha prescritto per 7gg quindi dopodomani) per evitare di sporcare e macchiare pene e boxer.
Grazie per il gentilissimo e preziosissimo supporto!
P.S. Il fenomeno delle erezioni sia diurne che notturne mi arreca sempre meno dolore e fastidio, posso già ritenerlo innocuo a suo parere nei confronti dei punti e della ferita?

[#14]  
lo intenda

[#15] dopo  
Utente
Va bene Dottore, la ringrazio ulteriormente per il gentile e prezioso supporto.
Cordialità

[#16] dopo  
Utente
Salve,
Da oggi (6° giorno) ho iniziato a togliere la fasciatura.
Noto però un certo gonfiore nella parte inferiore destra della corona che è lì molto esposta, mentre tutto il resto della stessa è ben coperto e mantenuto compatto dai punti. Può essere che quella zona abbia assunto questi connotati per via dell'allentamento dei punti dovuto alle erezioni? C'è qualche indicazione che posso osservare in tal caso? Grazie ancora e scusate il disturbo

[#17] dopo  
Utente
Mi spiego meglio: è come se per i 2/3 della ferita i due lembi (quello del glande e quello della pelle dell'asta immediatamente sotto la corona) combaciassero perfettamente "nascondendo" bene i punti, mentre per un rimanente terzo di circonferenza, la parte appunto che va dalla sezione laterale destra al posteriore (dove un tempo era il frenulo), i due lembi non combaciano lasciando una piccola apertura che ora si è gonfiata e dove non si vedono né i punti né altro.
Non so se sono riuscito a dare l'idea di questo fenomeno di "asimmetria" nella copertura della corona (si vede proprio una porzione di pelle "scoscesa").
Grazie e spero possiate comprendere le mie preoccupazioni