Utente 399XXX
Buongiorno. Soffro della cistite interstiziale da 16 anni ma non ho i soliti sintomi della frequenza e ridotta capienza vescicale. Nelle ultime settimane, sono stata anche particolarmente bene con la vescica - non svegliandomi di notte per urinare e urinando i soliti 400 - 500 ml ogni 4-5 ore. Purtroppo, ho fatto una stupidaggine ieri che mi ha scombusolata. Durante un viaggio di 10 ore, in macchina, non ho ascoltato il mio stimolo (perche' stavo bene e volevo fare ancora un po' di strada) e non mi sono fermata per fare la pipí. Ad un certo punto ho cominciato a sentire il dolore della vescica strappiena, ho voluto fermarmi ma per altri 15-20 minuti non potevo. Quando finalmente ho trovato un posto dove fermarmi, ho fatto la pipi (nel misurino, perche' evito i bagni pubblici) e ho urinato 900 ml certi (forse anche qualcosina in piu')! Ho controllato e avevo bevuto quasi un litro di acqua in quattro ore da quando ero andata in bagno.
La cosa preoccupante e' che, una volta svuotata la vescica, il dolore acuto della vescica non e' andato via. Sto male. Ho questo dolore acuto, stimolo per andare in bagno, e quando la faccio mi fa male e brucio anche. Oggi e' il terzo giorno e la situazione non sta migliorando.
Posso aver danneggiato la vescica con questa specie di distensione naturale? Posso essermi procurata una cistite batterica trattenendo cosi tanta pipi per due ore? (solitamente non soffro delle batteriche) Cosa puo' succedere se una, cona una capienza della vescica normale, la riempie cosi tanto e trattiene con dolore per 20 minuti?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Trattenere a lungo lo stimolo non è mai una buona cosa, tanto più se vi sono già noti problemi nella sfera uro-genitale. Quanto a fatto lei ovviamente supera di gran lunga tutti i limiti del buon senso. Non possiamo pensare che si sia causato un danno veramente grave, ma la persistenza di qualche disturbo è più che ovvia. Le diremmo di far ricorso a qualche antidolorifico ed eseguire comunque un esame delle urine con antibiogramma.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Grazie per la risposta, Dott. Piana. Ho capito di aver sbagliato ma a chi non capita di trattenere la pipi' ogni tanto, specialmente quando in viaggio? Evidentemente non sentivo la mia vescica cosi piena finche' non si e' fatto sentire anche il dolore ... ed appena l'ho sentito, ho cominciato a cercare un posto dove fermarmi. Solo che ci hanno voluto altri 15-20 minuti per trovarlo. Domani faro' l'esame, grazie del suggerimento, ma mi dica per favore: e' possibile lacerare o bucare la vescica con cosi tanta pipi?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se ci fosse stata un lacerazione vera non crediamo che lei sarebbe lì a scriverci ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 399XXX

:) buono saperlo. Grazie.