Utente 426XXX
Salve dottori, giovedì 13 ottobre (2 giorni fa) sono stato operato per fimosi congenita e non ho mai scoperto il glande, sia in erezione che non. Dopo l'operazione il dottore mi ha detto che il glande non sarebbe stato totalmente scoperto ma che ci sarebbe stata un minimo di pelle infatti le cicatrici sotto il glande sono coperte da pelle però piegata su se stessa come se ce ne fosse di più di quanto dovrebbe essercene. Il mio problema però è che tra 2 giorni i miei genitori vogliono che riprenda le lezioni però non riesco a bendarmi il pene in nessun modo, ad ogni piccolo movimento sento una fitta troppo"dolorosa" per essere sopportata durante la giornata scolastica.. Stanotte ho provato a mettere delle garze impregnate sul glande dove ho applicato il gentalyn (perché l'ho messo ovunque sia sui punti che sul glande) con sopra garze "asciutte" ma il dolore'dopo essermi coricato, è stato tale da obbligarmi a togliere tutto e lasciare il pene scoperto.. Anche adesso ho il pene libero e stamattina mi sono pure fatto una doccia ( l'infermiera mi ha detto che da oggi, 2 giorni dopo l'intervento, potevo lavarmi tranquillamente) ed il passaggio dell'acqua sul glande non mi ha provocato fastidi. Le domande che volevo fare sono:
Esiste un modo per velocizzare la cheratinizzazione del glande?
Come faccio a bendarmi senza sentire troppe fitte? Perché un po' di dolorini dovuti alla sensibilità li posso sopportare ma non tutto il giorno.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La sopportazione di dolore e fastidio è molto soggettiva, c'è da dire che i "giovani eroi" nella comune esperienza tendono anche un po' ad esagerare! Comunque non facciamo processi a nessuno, ma riteniamo più che opportuno che lei non perda ultriori preziosi giorni di scuola per un intervento così banale. Un buon comprmesso in genere è medicare con garze "grasse" e poi tenere ben fermo il pene verticale e ribaltato sull'addome, fissandolo con strisce di cerotto di carta. Mutande elastiche aderenti, pantaloni comodi (tuta) e - perbacco - un po' di pazienza. La cheratinizzazione del glande e la sua progressiva desensibilizzazione è un processo che evolve gradualmente nel giro di un paio di mesi. Non c'è modo di accelerarlo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 426XXX

Salve dottore seguirò certamente i suoi consigli, consigli che dal mio urologo non sono stati dati. La ringrazio per la disponibilità, cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente 426XXX

Salve dottore volevo dirle che ho trovato il modo per fasciarlo ed uscire con tranquillità senza pensare ai fastidi della sensibilità. Però, poco fa, mi sono svegliato ed ho trovato una macchia di sangue,di grandezza quasi 4 cm di diametro sia sull'asta del pene' a partire da sotto il glande che alla base del pene dove era appoggiato, nella parte opposta a dove si trova il frenulo( perché dormo senza fasciatura, solo una benda alla base per appoggiarlo ma stanotte durante i movimenti si è tolta). Penso che si sia staccato qualche punto(dovuto alle erezioni notturne) però al 5* giorno mi sembra un po' prematuro.. Anche perché da 1/2 giorni che i miei punti sembrano tutti saltati e rivolti verso l'alto ( per i pochi punti che riesco a vedere). È dovuto per caso al fatto che il secondo ed il terzo giorno mi sono fatto la doccia pulendo normalmente il pene con il getto dell'acqua? ( anche se non eccessivamente forte) per togliere i residui di crema? Inoltre mi consoglia di farmi visitare oppure è una cosa normale?
Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Stia sereno, sono cose che possono capitare nei primi giorni, con la caduta di piccole crosticine.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 426XXX

Va bene, grazie mille dottore, mi scuso per le inutili preoccupazioni.

[#6] dopo  
Utente 426XXX

Salve sono tornato e dopo 22 giorni dall'intervento ho perso quasi del tutto la sensibilità e non provo più fastidi.
Volevo chiedere se fosse normale avere la parte del glande che si trova sopra la cucitura ancora gonfia solo da un lato però, è un pezzo di glande gonfio che si trova solo nella metà a destra e sotto la corona. Inoltre oggi volevo vedere quanti punti fossero rimasti ed ho notato che tra due punti ancora attaccati ci fosse uno spazio di quasi 1 cm che sembra non essere cucito, infatti quando provo a tirare giù la pelle (poco fa ho provato ed è uscito un liquido biancastro) scende come se fosse scucita a differenza di tutti gli altri punti n cui la pelle sembra unita dove non si nota neanche la cicatrice.

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il decorso medio di stabilizzazione è circa al 50%, prima di 40-60 giorni è inutile esprimere giudizi, soprattutto dal punto di vista estetico. È abbastanza comune che per qualche tratto non vi sia una congiunzione perfetta tra i due lembi della ferita chirurgica, in quei punti la cicatrizzazione può essere un poco più lenta, comunque tutto si sitemerà gradualmente nei tempi cui s'è or ora fatto cenno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 426XXX

La ringrazio nuovamente dottore per la disponibilità e la chiarezza.