Utente 450XXX
Salve sono una ragazza di 27 anni. Ho spesso batteri urinari. Di solito è escherichia coli. Questa volta è proteus vulgaris. Leggendo in internet dicono sia un batterio pericoloso che può portare setticemia e morte. Sono cose veritiere quelle che ho letto? Si riesce a guarire da questi batteri? Ho un'ottima igiene, bevo molta acqua e seguo con scrupolo ogni consiglio medico. Sono consapevole di non poter ricevere una cura a distanza. Volevo solo risolvere questi dubbi. Grazie e buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tutti i batteri sono in grado di causare complicazioni gravi e gravissime, ma tutto è in dipendenza di altri fattori. Alla sua giovane età non si deve troppo temere da banali infezioni delle basse vie urinarie, ancorché possano essere fastidiose. Trattandosi di batteri di provenienza intestinale, quasi sempre le attenzioni devono essere dirette in primo luogo alla funzione dell'intestino stesso ed alla regolarità della flora batterica residente. Questo non c'entra molto con l'igiene, anzi se questa diventa ossessivia si può avere un effetto controproducente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 450XXX

La ringrazio per la risposta. Un'ultima domanda. questi batteri si debellano solo con l'uso di antibiotici (essendo io allergica alla maggior parte) Ancora grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'utilizzo degli antibiotici, intoleranze a parte, deve essere sempre improntato alla parsimonia e comunque legato ai casi di assolutà necessità (febbre, complicazioni, eccetera). Proprio per questo motivo è indipensalbile risalire alla fonte di questa colonizzazione batterica, prestando il massimo interesse al versante intestinale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 450XXX

La ringrazio. I medici nelle mie zone non sono competenti. Infatti mi ha prescritto gentomicina e io ho il terrore di prendere antibiotici. E assumo già altri farmaci. Che esami dovrei fare per arrivare al problema della zona intestinale? Ancora buon lavoro e buona vita

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La situazione intestinale non è di interesse urologico, ma gastro-enterologico e nutrizionale. Le abitudini alimentari e l'idratazione sono molto importanti, le intolleranze alimentari misconosciute sono piuttosto frequenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 450XXX

quindi nella situazione attuale devo comunque prendere l'antibiotico per debellare il batterio o no?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se non ha particolari disturbi o febbre, le diremmo di mantenere un'elevata assunzione di liquidi e ripetere l'urocoltura tra 2-3 settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 450XXX

in realtà no. era un'esame di controllo. quindi ricorro all'antibiotico solo se avessi febbre. quindi non rischio setticemia? lo so di essere petulante ma sono una tipa ansiosa. mi scusi

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tenga comunque conto che le nostre sono solo indicazioni di carattere generale, qualsiasi decisione terapeutica dovrebbe essere confermata direttamente dal suo Medico Curante o dal suo urologo di riferimento. A distanza non si può curare nessuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 450XXX

ancora grazie