Utente 453XXX
Buonasera, sono un ragazzo di 20 anni ,il quale ha subito un intervento di circoncisione per fimosi congenita esattamente ieri. I fastidi fino adesso sono sopportabili, ogni volta che urino risciacquo con sodio cloruro il pene, e tre volte al giorno sto tamponando con una garza sterile sciacquandolo prima con BETADINE SAPONE e successivamente applico GENTALYN CREMA sempre spalmandolo con la garza. Sono consapevole che giudicare i risultati adesso è troppo presto, ma ho riscontrato un edema sul lato sinistro del cilindro a confine con il glande. Visto che il chilurgo mi ha fissato la visita di controllo per il 4 luglio, avrei delle domande su come devo agire ed eventuali correzioni di terapia
-Sto mettendo del ghiaccio (non a contatto) molto spesso (in totale saranno 12h al di considerando la notte).... Troppo ghiaccio? Non vorrei provocare un ustione da ghiaccio.
-Come tratto l'edema? Devo applicare qualche crema/gel in particolare o assumere compresse?
-Cambio garza 3 o 4 volte, più o meno quando potrò eliminarla?
La mia preoccupazione principale è l'edema poichè è abbastanza grande,e magari agendoci da adesso mi evito problemi futuri.
Grazie per la vostra pazienza, e auguro una buona serata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'applicazione di ghiaccio ha un senso solo nelle prie 12-18 ore. L'edema si riassobirà in tempi anche lunghi, diremmo non prima di alcune settimane. Non vi sono provvedimenti efficaci da prendere, a parte il cercare di mantenere il pene verticale ribaltato sull'addome per il maggior tempo possibile, indossando mutande elastiche aderenti ed aiutandosi con una strisciolina di cerotto. In genere dopo 7-10 giorni si può smettere di medicare e passare ad una normale igiene - non maniacale - con acqua e detergente per neonati.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 453XXX

La ringrazio per la risposta, diciamo che va meglio la situazione gonfiore... Ma da ieri ha iniziato a sanguinare più di qualche goccia e mi ritrovo a combattere con l'urina che quasi sempre impregna la garza e di conseguenza devo cambiarla. Io ho provato a trarre una sorta di diagnosi, è possibile che il sangue che fuoriesce era contenuto nell'edema e sta "spurgando" ? magari ho detto una fesseria però ho notato uno sgonfiamento proporzionato alla fuori uscita si sangue. In qualunque caso domani spero di vedere l'urogolo perchè ho bisogno di chiarimenti assolutamente e di un supporto morale e psicologico dato che sono stati i 4 giorni più brutti della mia vita
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Suvvia, ora non esageri! Pensi che nel prosieguo della sua vita dovrà certamente e ripetutamente far fronte a situazioni ben più stressanti. Che l'urina bagni le garze è quasi inevitabile. Ci vuole davvero solo un po' di pazienza, posto che nonostante gli impacci, l'insorgenza di serie complicazioni è davvero rarissima.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 453XXX

Gentile dottore, sono al 6 giorno e sono rinato (quasi), ci sono solo due piccole domande:
Dall'uretra esce un liquido giallognolo che fa attaccare la garza al buco, ci metto il gentalyn?
Poi dato che riesco finalmente a toccarlo senza dolori, ho notato che se comprimo la parte gonfia esce sangue molto chiaro e meno denso tra la corona e il glande. Lei pensa che pian piano devo farlo uscire, o lascio che esce da solo con il tempo? Ovviamente non lo strizzo come uno straccio, sarò delicatissimo

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ad una settimana dall'intervento, la cicatrizzazione è certamente già molto avanzata, in genere si consiglia di ridurre le cure "assillanti" (disinfezione, applicazione di creme, ecc.) e passare gradualmente ad una normale igiene locale con acqua e detergente neutro. Se per qualche giorno vi è ancora secrezione, sará ovviamente utile mantenere un cappuccio di garza, da sostituire quando si urina.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 453XXX

Caro dottore, la ringrazio per la sua risposta, questa sera è successa una cosa brutta con l'elastico delle mutande.Risultato la garza completa al 70% di sangue. Adesso ho cambiato garza( già si è risporcata) e sto mettendo del ghiaccio. Fuori esce dalla corona e il glade sia dalla parte di sopra che di sotto.

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non crediamo proprio che morirà dissanguato! Stia sereno, ghiaccio e un po' di pazienza, tra qualche ora tutto sarà come prima.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 453XXX

Buongiorno carissimo dottore, oggi è il nono giorno, tutto nella norma, si sta lentamente sgonfiando e i dolori si sono attenuati. L'unico problema adesso è quel liquido giallognolo/arancio che esce dall'uretra che seccandosi forma un tappo. Continuo a pulire tra le "labbra" fin dove riesco, ma volevo chiedere se posso applicare qualche pomata che eviti ciò. La ringrazio e le auguro una buona giornata.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Meno roba ci mette e meglio è. Lavi quanto basta, ma in modo non maniacale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 453XXX

scrivo per aggiornare il mio stato, questa mattina sono andato a fare l'attesissimo controllo con risultati negativi........domani devo subire un'altra siringata per rimettere i punti

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È veramente molto raro che si debba rimettere manomad una circoncisone recente, ma nell'impossibilità di una valutazine diretta non possiamo,esprimere alcun giudizio relativo al suo caso specifico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 453XXX

Buonasera dottore, oggi ho subito una seconda operazione. Essendo stata la seconda operazione nella stessa parte, la sofferenza è raddoppiata. Ammetto di aver tirato fuori anche qualche lacrima appena l'anestesia ha terminato il suo effetto. Questa volta il dottore che mi ha operato(non lo stesso della prima) mi ha prescritto antibiotici, antidolorifici, creme e medicazioni giornaliere.... E qui c'è una cosa che non mi è chiara. Ho parlato poco dopo con il dottore che mi ha fatto la prima visita in cui mi ha diagnosticato la fimosi, consigliandomi di non toccare la medicazione per tre quattro giorni andando in contrasto a quello che c'è scritto nella lettera di dimissione. Comunque poco fa sono andato al bagno e qualche goccia inevitabilmente è finita sulla garza, ma ho deciso di aspettare per cambiarla. Ultima cosa, ma è possibile che per rimettere i punti ho dovuto sopportare di più che nella prima operazione?

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il livello di sensibilità è assolutamente variabile da soggetto a soggetto, ciò che per qualcuno è un sopportabile fastidio, per altri è un dolore quasi insopportabile. In genere i maschi sopportano meno delle femmine e i giovani meno degli anziani, inoltre l'ansia è un amplificatore eccellente di qualsiasi percezione dolorosa. Al di là di queste considerazioni, il dolore chirurgico dipende sostanzialmente dalla qualità dell'anestesia, sia come tipo di anestetico che come modalità di somministrazione. Come già le dicemmo, nell'impossibilità di una valutazione diretta noi non possiamo giudicare quale sia stata la condizione che abbia imposto una revisione chirurgica precoce, fatto alquanto raro. Per quanto riguarda la medicazione. ogni chirurgo ha le sue abitudini in base alle quali impartisce consigli. Noi abbiamo la tendenza a semplificare molto ed alla parsimonia nella prescrizione di creme, farmaci e quant'altro. Non possiamo però escludere che in taluni casi sia necessario adottare precauzioni aggiuntive.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 453XXX

Buongiorno carissimi dottori, quando tutto sembrava andare per il verso giusto ecco che rispuntano altri problemi. Questa mattina dopo una settimana e mezzo dalla seconda operazione, ho trovato un po di pus, ho subito pulito con l'acqua ossigenata per quello che potevo fare. Avevo preso l'antibiotico per una settimana, giusto 3 giorni fa avevo smesso. Mi conviene rifare un altro ciclo? I punti pare che non si sono staccati tutti, sangue non ne esce.

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Quasi certamente non si tratta di pus, ma di semplice secrezione, altrimenti la parte sarebbe molto infiammata e dolente. Le diremmo che non è il caso di assumere altri antibiotici, che nella circoncisione vengono prescritti raramente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente 453XXX

Buonasera dottore, aveva ragione era secrezione e soprattutto gentalyn di troppo.Da ieri, domenica 16 luglio, non vedo più neanche una goccia di sangue nelle garze (le vedevo dal 21 giugno..) e sono molto felice. Credo che la ferita si sia chiusa quasi del tutto..... Le volevo chiedere dottore, io ho fatto la prima operazione il 21 giugno, e il 4 di luglio la revisione dell'intervento con punti di sutura monocryl 3/0. Quindi dopo 13 giorni dalla seconda, quando potrò tornare alla normale vita sessuale?

[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come di consueto, è opportuno attendere che i punti sisiano staccati, ovvero che vengano rimossi manualmente se questo non accade oltre le 3 settimane circa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente 453XXX

Si in effetti darebbe anche fastidio con i punti..... Ma posso tornare a lavare il gioiello nel bidet con il getto d'acqua e sapone? Ciò mi aiuterebbe a pulire la parte sotto al solco
La ringrazio ulteriormente

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certo, è così che deve fare.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing