Utente 474XXX
volevo porre alla v/s attenzione questo quesito.Ho fatto due volte biopsia prostatica x psa alterato con esito negativo diagnosi
ipb terapia con permixon tamsulosina 4mg.
IN data 31/05/2017 psa tot. 6,4ng
rapporto free/totale 1,22
19,06
terapia permixon 320mg silodosina 4mg per sempre
Ecografia addome completo vescica distesa capacità vescicale pari a circa 280ml.Prostata in sede anatomica di dimensioni aumentate
(55mmx54mmx53mm)ad ecostruttura disomogenea con calcificazioni intraghiandilari con evidenzia in sede parauretrale destra di una
formazione transonica di 10mm da riferire a cisti di ritenzione con Ipb adenamatosa del lobo medio che impronta il pavimento vescicale
residuo post minzionale 80ml circa.
Sono preoccupato per quanto riguarda i valori di Psa che rimangono alterati.Poi si verifica una disfunzione erettile
cosa mi consigliate di fare
in attesa cordiali saluti

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Purtroppo il PSA è un marcatore tumorale di bassa qualità, ma non abbiamo ancora a disposizione una valida alternativa, pertanto ci arrabattiamo quanto possibile. Il problema maggiore è quello di differenziare le situazioni più rischiose per il tumore e quelle legate al semplice ingrossamento benigno, nelle quali il PSA talora risulta elevato in modo non specifico. Nel suo caso ,diciamo subito che per 65 anni i valori non sono certamente così elevati, la relativa costanza nel tempo e - sopratutto - la presenza di questa cisti da ritenzione, porta a non dover drammatizzare per forza. A giudizio del suo urologo di fiducia, si potrebbe pensare di fare un definitivo punto della situazione con una risonanza magnetica multiparametrica e l'esecuzione di biopsie mirate in zone francamente sospette, posto che ve ne siano, il che non è assolutamente detto.
Il problema dell'erezione è di interesse andrologico e costituisce un discorso a parte.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 474XXX

Grazie per la tempestiva risposta
mica bisogna fare un altra biopsia
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se sarà opportuno in base alla risonanza si tratterà unicamente di una biospia mirata sull'area sspetta, ma non è affatto detto che questa sarà rilevata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing