Utente 457XXX
Buongiorno,
ho 51 anni e di recente proprio grazie alle campagne di prevenzione assieme agli esami del sangue e urino, che faccio una volta l'anno e solo eccezionalmente una ogni due anni, ho rifatto gli esami PSA.

L'ultima volta che li ho fatti nel 2015 e i valori erano

PSA Totale: 2,540

PSA - Frazione libera 0,4
Rapporto 15,75

Ferritina 44,1

Due gironi fa ho ripetuto l'esame per tenere sempre monitorata la situazione e questi i risultati:

PSA Totale : 5,812

PSA frazione libera 0,6
Rapporto 10,32


Ferritina 75,7


Potete dirmi cosa significa e cosa dovrei fare a questo punto?

Gli esami del sangue e urine sono tutti nella norma, a parte: un valore Gamma Gluatamil altalenante da anni e oggi a 125 (nelle precedenti si era riavvicinato a volori normali), gli altri due Aspartato e Alanina sono rientrati nella norma dal 2015, e il colesterolo alto ma quello è così dai 30 anni in poi.

Svolgo regolare attività fisica, mangio sano, molta frutta e verdura, e peso 78, kg per 1,74 m, quindi 2 o 3 chili di troppo.


Grazie e cordiali saluti

Paolo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Alla sua età una valutazione specialistica urologica sarebbe comunque oportuna. Questa, oltre la valutazione diretta, sarà accompagnata da accertamenti di primo livello che aiuteranno ad interpretare questo modesto rialzo del PSA. Per intanto le chiediamo se nella sua famiglia si fossero già manifestati casi di tumore della prostata e se lei abia più o meno recentemente percepito qualche disturbo anche vago alle basse vie urinarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 457XXX

Buongiorno Dottor Piana,

la ringrazio per la sua sollecita risposta.

Si mio papà ne ha uno ma è stato riscontrato in età avanzata ed è sotto controllo.

Per rispondere alla sua domanda non saprei bene definire tali disturbi, nel senso che forse li ho inseriti nel quadro di disturbi percepiti anche dai miei coetanei. Desiderio di urinare spesso, getto debole e a volte irregolare, capita di sentir bruciare un pò l'urina ma non spesso. Tutti sintomi che si enfatizzano quando passo molte ore seduto a lavoro.

Volevo segnalare 3 elementi che sono avvenuti poco prima il prelievo.

1. Gonfiore allo stomaco con forte aerofagia e flatulenza, il gonfiore sentivo che stesse comprimendo la parte bassa dell'addome.

2.Attività fisica con sforzi concentrati.

3. eieculazione con un pò di sangue, ma tornata normale nei giorni successivi e che capita comunque raramente.

Grazie!

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prima di partire alla carica con altri accertamenti impegnativi e costosi, forse sarebbe opportuno ripetere l'esame tra un paio di mesi. Comunque il nostro Collega che la visiterà saprà consigliarla per il meglio. Comunque vi è una familiarità stretta e questo necessiterà di maggiore attenzione anche in futuro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 457XXX

Dottor Piana,

La ringrazio veramente per la sua preziosa assistenza e sapendo quanto è denso l'impegno di un medico ciò che fate qui è ancora più ammirevole.

Nei prossimi giorni cercherò di fissare come suggerito da Lei una prima visita urologica. Sono convinto anch'io che mi dirà intanto di ripetere gli esami.

Sarà mia cura trasmettere quali saranno i risultati su questo consulto, perché come voi prestate dei consulti gratuitamente, e non immaginate quanto siano di supporto psicologico per noi, ne periodo burocratico a volte lungo che passa dalla ricerca di una visita alla sua effettiva concretizzazione, credo sia anche nostro dovere pubblicare i risultati e la nostra esperienza per rendere completi i consulti a beneficio di tutta la comunità di medicitalia.

Cordiali saluti

Paolo
Milano

[#5] dopo  
Utente 457XXX

Buongiorno Dottore,

Sono riuscito a fare visita urologica e questo è l'esito

NON DISURIA SIGNIFICATIVA IN ATTO

ESAME OBIETTIVO
E.R. PROSTATA X 1.2, liscia, limiti netti, consistenza regolare

CONCLUSIONI DIAGNOSTICHE
IPB

CONTROLLI PRESCRITTI
LEVOFLOXACINA 500 MG 1 CP/Die per 8 gg
Dopo 30gg Ripetere dosaggio PSA
Rivalutazione urologica con esito.


Devo premettere che vengo da un'altra cura antibiotica per una tosse, il farmaco era clari..qualcosa, mi scuso ma l'ho finita ieri e ho gettato la scatola.Assieme a quell'antibiotico, mi era sta anche prescritta anche tachpirina 1000 che non ho preso perché non avevo assolutamente febbre, e urbasom 4mg, ma che non ho preso perché mi dava fastidio.

Ieri ho preso la prima pastiglia di Levofloxacina, ma stamattina accusavo un senso di malessere e ieri sera mal di stomaco.

Insomma Dottore sono preoccupato

1.Uno perché non capisco perché malgrado io sia una persona in buona salute, è la terza volta quest'anno che mi vengono prescritti antibiotico.

2.Due perché non so se il malessere che sentivo stamattina possa essere associato a Levofloxacina. Non vorrei che il mio corpo stesse manifestando insofferenza per due antibiotici presi in tempi così ravvicinati ( ovviamente l'urologo è stato informato del precedente antibiotico).

Le chiedo se sia proprio indispensabile prendere levofloxacina per poter ripetere esami tra un mese? E se si, non è il caso che disintossichi un attimo il mio corpo, magari una decina di giorni, prima di riprendere l'altro antibiotico?

Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti

Paolo
Milano

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ne deve necessariamente parlare con il Collega che le ha prescritto l'ultima terapia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing