Utente 224XXX
Sono un uomo di 48 anni ed e' ormai quasi 2 anni che sono in ballo con la prostata. Inizialmente avevo perdite di sostanza biancastra poi dopo aver urinato mi sembrava di non essermi liberato bene e dovevo tornare ad urinare e mi usciva ancora questa sostanza appiccicaticcia e trasparente tipo sperma, alla fine mi sono rivolto ad un urologo che dopo aver visto i miei esami del sangue e aver effettuato la visita mi ha fatto fare due spermiocolture ed esame delle urine completo risultati negativi allora mi ha detto che ho la prostata congestionata mi ha fatto assumere un prodotto contenente serenoa che mi ha dato un lieve sollievo ma non mi ha risolto il problema. Nei mesi successivi alla visita il psa che era nel range ha cominciato a crescere fino ad arrivare 9 mesi dopo 4,39mcg/L ratio 10% , allora mi ha fatto assumere levofloxacina 500 mg 1 cp per 15 gg e serrados forte per 15 gg e il valore è sceso a 3,36 mcg/L. In questi mesi sono aumentati anche i fastidi come dolori al linguine sia destro che sinistro soprattutto prima e dopo la defecazione. L'ecografie andavano bene l'ultima fatta a febbraio di quest'anno diceva :prostata congesta e in parete soffice.Volevo chiedere se per voi c'è una cura diversa per la risoluzione del problema.

saluti

[#1]  
Dr. Patrizio Vicini

44% attività
20% attualità
16% socialità
ALBANO LAZIALE (RM)
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Caro lettore,
un PSa al di sopra della norma con una Ratio F/T bassa impone di eseguire visita ed eventuale biopsia prostatica se non si abbassa con terapia medica che ha già effettuato.
Cordiali saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma