Utente 402XXX
Buongiorno, sono un uomo di 49 anni, fumatore. Vorrei conoscere il vostro parere riguardo alla mia situazione.
Nel gennaio del 2015, in seguito ad alcuni disturbi, ho effettuato analisi sangue e urine, che avevano fuori norma i valori di emoglobina (0.03) ed eritrociti (53). Sono stato da un urologo, il quale, a seguito di una ecografia transrettale, mi ha diagnosticato una ipertrofia prostatica benigna.
Nel gennaio 2016, invece, ho avuto un episodio di colica renale, accompagnato da dolori fortissimi al fianco destro, per cui sono stato in ospedale, dove mi è stato somministrato un analgesico. A seguito di tale episodio, ho effettuato una ecografia addome, che non ha evidenziato nulla di importante, neanche riconducibile all'episodio di presumibile colica renale.
Nel gennaio del 2017,ho effettuato ulteriori esami del sangue e delle urine, che hanno nuovamente evidenziato valori anormali in emoglobina (0.1) ed eritrociti (52).
Le domande sono:
1. È possibile che tali valori sballati delle urine siano riconducibili alla ipertrofia prostatica o all'episodio di colica renale?
2. È possibile che una colica renale con fortissimi dolori non lasci elementi rilevabili ecograficamente?
Vi ringrazio e vi auguro buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le alterazioni sono modestissimi e considerare il risultato "sballato" è senz'altro fuori luogo. L'approfondimento degli accertamenti dopo una inequivocabile colica renale o viene effettuato immediatamente, oppure ci si basa sull'evoluzione dei sintomi. L'ecografia è un esame rapido e semplice, ma sui calcoli - soprattutto quelli piccoli - non può essere così precisa. Ora, se i sintomi sono scomparsi rapidamemte e senza sequele, in genere si ripete l'ecografia a distanza di tempo. Vi sono però dei dettagi che potrebbero indurre il suo urologo a consigliare comunque l'esecuzione di una TAC dell'addome senza mezzo di contrasto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 402XXX

Dunque il risultato di 0.10 dell'emoglobina può essere considerato "modestissimo"? Mi ero fatto idea, invece, che fosse consistente...
Un'ultima domanda: quali sono i dettagli che secondo Lei indurrebbero un urologo a consigliarmi una TAC?
Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
A noi mancano gli elementi di giudizio necessari per esprimerci. Eseguire approfondimenti diagnostici dipende ancora molto dalla sensibilità e dalla competenza specifica del medico - specialista o meno - piuttosto che da regole scritte. D'ohni modo, all'urologo più che la presenza di emoglobina interessa il numero di globuli rossi, che solleva attenzione quando è discretamente più elevato del suo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 402XXX

La ringrazio per le rapidissime risposte.
Ho dimenticato di aggiungere che gli esami del sangue non hanno evidenziato valori anormali.
Lei non ritiene, in conclusione, che vi siano elementi per fare un'esame citologico delle urine? L'emoglobina nelle urine può essere pertanto dovuta alla ipertrofia prostatica benigna e a quell'episodio di colica renale?
Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Entrambe le possibilità sono verosimili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 402XXX

Buongiorno, dottore
Stamani ho ripetuto le analisi delle urine ed è stato riscontrato un valore di emoglobina pari a 9.40 mg/dl.
Immagino sia un valore altissimo...
Allora la domanda è : può essere indice anche di qualcosa di più banale o una quantità simile è sicuramente indice di qualcosa di più serio?
Grazie.

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Vi sono dei globuli rossi nel sedimento? Se non ve ne sono si tratta di emoglobinuria, un problema di carattere medico internistico quindi non urologico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 402XXX

Purtroppo, l'esame delle urine che ho fatto non riporta il dato degli eritrociti. La scorsa volta era 53. Ad ogni modo, per domani ho fissato una ecografia alle vie urinarie.