Utente 410XXX
Salve dottore sono un ragazzo di 30 anni in questi giorni la prima settimana oh manifestato sintomi di dolori e bruciori alla minzione a distanza di tempo però i sintomi sono nettamente peggiorati poiché prendendo il sintomo alla leggera ora mi preoccupo perché c'è fatica a iniziare minzione il getto debole ostruito e faticoso ad uscire dolore vescicale addome basso a dx e dolore e fastidio anale questo sintomo si presenta più problematico da sdraiato mentre se sto inpiedi leggermente meglio ora in base a tale problematica chiedo un consulto nel campo grazie.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La decrizione dei suoi disturbi è molto vaga, comunque è evidente che la situazione meriti la valutazione diretta di un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 410XXX

salve dottore nel ringraziarla per la sua cordialità ho già eseguito il suo consiglio recandomi dal urologo circa 2 settimane fa attendendo gli esiti delle urinocultura tampone uretrale con abg prescrivendomi in attesa Prolactis hiv e ubretid 5mg il problema in questi giorni Ho notato è che mi scarico spesso e ripetutamente con feci gialle chiare e molli frastagliate odore sgradevolissimo dopo di essi e nel atto di minzonare e svuotarmi la vescica si manifesta fastidio e bruciore con nausea e urine chiare, trasparenti. Bevo in media poco acqua circa mezzo litro la mattina
Mi sento spesso fastidio anale, bruciore testicolare dx meteorismo,e malessere

Secondo il vostro parere può essere causa di cistite e prostatite.

Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Da come ce lo descrive, ci pare maggiormente un probelam intestinale. Ma, come ben si sa, questi disturbi intestinali hanno soventissimo importanti riflessi sulla prostata e le basse vie urinarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing